26 Aprile 2019 / 11:55
Un premio per la “Finanza per il Sociale”

 
Banca

Un premio per la “Finanza per il Sociale”

di Sara Aguzzoni - 3 Agosto 2015
Il 7 settembre si chiude il bando del concorso per giornalisti lanciato da ABI, FIABA e FEDUF per premiare il migliore articolo o servizio audio/video sul ruolo dell'educazione finanziaria e al risparmio come strumento di inclusione sociale ...
Ultime settimane per partecipare al premio “Finanza per il sociale” per giornalisti praticanti. Il 7 settembre si chiude il bando del premio che ABI (Associazione Bancaria Italiana), FIABA (Fondo Italiano Abbattimento Barriere Architettoniche) e FEDUF (Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio), con il patrocinio del Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Giornalisti, hanno indetto con l’obiettivo di sostenere l’impegno nel raccontare l’importanza della cultura finanziaria per il Paese. Il riconoscimento, quest’anno in seconda edizione (guarda qui il video del vincitore della prima edizione), è dedicato ai giornalisti praticanti nelle redazioni di testate nazionali o locali, o allievi delle scuole di giornalismo. Sarà premiato il migliore articolo o servizio audio/video che abbia trattato il tema de “Il ruolo dell'educazione finanziaria e al risparmio come strumento di inclusione sociale". Potrà essere presentato un solo elaborato pubblicato, trasmesso o diffuso negli ultimi dodici mesi, entro il 31 agosto 2015.

Perchè questo concorso

L’elaborato dovrà evidenziare come migliorare il livello di cultura finanziaria dei cittadini rappresenti una priorità, oltre che per favorire la crescita economica, anche per rispondere ad alcune delle principali esigenze sociali del nostro Paese. Migliorare la comprensibilità dei concetti di base dell’economia è infatti un passo cruciale per innalzare il livello di consapevolezza e responsabilità civica di ciascuno, fondamentale per avvicinare i cittadini al mondo economico, alle istituzioni, agli intermediari, al mondo dell’informazione.

Le modalità per partecipare

La partecipazione è gratuita. Possono concorrere i praticanti, impegnati nelle redazioni giornalistiche e gli allievi delle scuole di giornalismo o master riconosciuti dall’Ordine dei Giornalisti, autori di articoli in lingua italiana pubblicati da quotidiani, settimanali, periodici, testate online o di servizi radiotelevisivi sul tema in concorso. Ogni concorrente potrà partecipare con un solo articolo/servizio, pubblicato, trasmesso o diffuso nel periodo compreso tra il 1° settembre 2014 e il 31 agosto 2015.
L’elaborato, insieme alla domanda di partecipazione, dovrà essere spedito per posta all’indirizzo FIABA – Premio “Finanza per il Sociale” Piazzale degli Archivi, 41 00144 Roma o per email indicando come oggetto la dicitura “Premio Finanza per il Sociale II Edizione” a ufficiostampa@fiaba.org entro il 7 settembre 2015. In caso di spedizione a mezzo posta farà fede la data del timbro postale. Gli elaborati dovranno comunque pervenire entro e non oltre il 10 settembre 2015. Nel caso di trasmissione in via telematica farà fede la data di trasmissione, fatto salvo l’obbligo del partecipante di richiedere la conferma dell’avvenuta ricezione.
Per maggiori informazioni riguardanti le modalità di partecipazione è possibile consultare e/o scaricare il bando di concorso con relativo regolamento dal sito internetwww.abi.it e www.fiaba.org o richiederle ai seguenti contatti: la Segreteria Organizzativa del Premio al numero 06 43400800, Fax 06 43400899, e-mail ufficiostampa@fiaba.org; l’ufficio Rapporti con la stampa dell’ABI e-mail salastampa@abi.it; l’Ufficio Stampa FEDUF e-mail stampa@feduf.it
CONTENUTI CORRELATI

Un libro per tutte le Intelligenze

Un volume traccerà il percorso del prossimo Festival della cultura creativa in programma dal 25 al 31 marzo. Un testo per ragazzi per sollecitare la...

Educare i cittadini al digitale

Senza formazione una larga fetta dei cittadini rischia di essere esclusa dalla trasformazione della società abilitata dalle tecnologie e dai...

Educazione finanziaria? Il migliore degli investimenti

Perché non dedicare ai nostri soldi la stessa attenzione che si mette nell'acquisto di un'auto o di un vestito? Annamaria Lusardi, alla guida del...

Banche, attenzione alla Generazione Z !

Una ricerca Usa dice che troppo digital marketing è stato rivolto ai Millennials, la generazione dei 21-34enni, perdendo di vista i loro “fratelli...
ALTRI ARTICOLI

 

L'Europa della blockchain

Con l'adesione di oltre 100 tra imprese e organizzazioni internazionali, tra cui le italiane Intesa Sanpaolo e Sia, nasce Inatba, l'Associazione...

 
Sicurezza

Dalle dita al volto, così la biometria protegge chi siamo

Iride, retina, palmo, volto, vene, orecchio, voce, andatura. E ovviamente impronte delle dita. I sistemi biometrici sempre più protagonisti della...

 
Banca

La sostenibile scalabilità della blockchain

La capacità di adeguarsi a un volume diverso di operatività è costantemente all’attenzione di chi si occupa di blockchain. Certo, dove c’è una...
È la semplicità declinata nella relazione con il cliente il tema al centro della seconda edizione di...
Sono Assess, Change, Innovate le parole chiave alla base del nuovo approccio al cambiamento di Credem. Ne...