19 Luglio 2018 / 19:22
Una carta e una piattaforma per il social shopping

 
Fintech

Una carta e una piattaforma per il social shopping

di Franco Volpi - 19 Dicembre 2011
CartaSi lancerà nel 2012 un vero e proprio social market place, che permetterà agli utenti di partecipare a gruppi di acquisto e a gruppi di vendita temporanei, dare giudizi sui venditori e tanto altro ancora
Sfruttare i propri asset e puntare sull’innovazione per riuscire a competere in un mercato dalle grandissime potenzialità, e sul quale si stanno affacciando nuovi operatori. Questa è la strategia di CartaSi, la società leader nel mercato dei pagamenti, che porterà al lancio, previsto per il 2012, di un vero e proprio social market place. Oltre ad offrire i tradizionali servizi di emissione e gestione di carte di credito, CartaSi punta infatti a diventare la prima piattaforma di social shopping in Italia, affrontando così in maniera diretta la sfida lanciata dai gruppi d’acquisto. Con un taglio particolare e innovativo. «L’obiettivo è diventare un social market place di riferimento per tutte le banche italiane», ha detto Natale Capone, Amministratore Delegato di CartaSi, «che potranno appoggiarsi a noi per affrontare le sfide che nascono dalla disintermediazione digitale». Inizialmente disponibile per i 6,5 milioni di titolari di CartaSi e per i 600.000 esercenti convenzionati, la nuova piattaforma di ecommerce permetterà agli acquirenti di dare giudizi sui venditori, offrirà la partecipazione a gruppi di acquisto e a gruppi di vendita temporanei, e potrà contare sul supporto di partner prestigiosi e selezionati. «Il progetto di CartaSi ha una valenza importante anche per tutto il sistema», ha ontinuato Capone. «Rappresenta, infatti, un ulteriore passo nella direzione della lotta al contante che, come ci ricorda l’ABI, costa a banche e imprese italiane 10 miliardi all’anno. Il social market place di CartaSi, sfruttando le potenzialità della tecnologia, garantirà quindi tre notevoli vantaggi: riduzione dei costi, tracciabilità dei pagamenti, massima sicurezza delle transazioni ».
Gli altri articoli di questo servizio:
CONTENUTI CORRELATI

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...

Pagamenti digitali, tutta questione di "esperienza"

Sotto la spinta normativa e dei Millennials, inizia a farsi strada anche in Italia il modello di open banking, l'ecosistema digitale che vede al...

Banche, social e web: il dialogo è interattivo

Informazioni sui prodotti e servizi, assistenza ai clienti, promozione di eventi e iniziative locali, tecnologia, arte, cultura e spettacoli, i temi...

Le 50 password più usate nel mondo

Con l'Internet of Things crescono esponenzialmente i device connessi, ma resta bassa la consapevolezza degli utenti sui criteri minimi di sicurezza...
ALTRI ARTICOLI

 

Il lato oscuro delle intelligenze artificiali

Gli algoritmi ci stanno regalando conquiste positive in tanti campi, compreso quello della finanza e dei pagamenti. Ma bisogna stare attenti ai...

 
Pagamenti

Nuovo record: oltre il 95% dei clienti usa web e Atm

E' un vero boom per il mobile banking, salito in pochi anni dal 6 al 31%, e per l'Internet banking (dal 42 al 59%). Anche in Italia la user experience...

 

Luciano Floridi: «I pagamenti daranno all’Italia un digital shock»

Il filosofo italiano, docente dell’Oxford Internet Institute e direttore del Digital Ethics Lab, il 7 novembre sarà tra i protagonisti della...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...