17 Luglio 2018 / 21:09
Una nuova stagione per il Grande Schermo

 
Banca

Una nuova stagione per il Grande Schermo

di Daniela Binello - 25 Gennaio 2012
Da Dracula 3D di Dario Argento a This Must Be The Place di Paolo Sorrentino, il tax credit dà respiro al cinema italiano
Con il tax credit fino al 40 per cento sugli investimenti nel settore dell’audiovisivo, la gestione dell’equity in compartecipazione fra banche, imprese esterne e case di produzione cinematografica comincia a dare i suoi buoni risultati. Fra il Piemonte e i Carpazi, ad esempio, è stato girato il nuovo film di Dario Argento, Dracula 3D, che vedremo sul grande schermo in primavera. Chi l’avrebbe detto che il famoso romanzo gotico Dracula, scritto nel 1897 dall’irlandese Bram Stoker, sarebbe stato reinterpretato anche in una sofisticatissima versione cinematografica in 3D? Il film (una coproduzione italiana, ma anche franco-spagnola) è stato infatti interamente girato con attrezzature stereoscopiche 3D a cura della Dbw Communication di Roma. E’ una novità assoluta per un film europeo. Il finanziamento di sette milioni di euro, garantito in una tranche dal confidi nazionale Eurofidi, è stato erogato da Unicredit e Bnl alla Multimedia Film Production dei produttori romani Roberto Di Girolamo e Giovanni Paolucci. Anche il cast è internazionale. Per la parte di Dracula è stato scelto Thomas Kretschmann (già diretto da Dario Argento in La sindrome di Stendhal) e per il ruolo del cacciatore di vampiri, il mitico professor Abraham Van Helsing, l’hollywoodiano Rutger Hauer (lo ricorderete come uno dei replicanti nel capolavoro di Ridley Scott Blade Runner). Fra le attrici, oltre ad Asia Argento che interpreta Lucy, vedremo recitare la 21enne Marta Gastini nel ruolo di Mina, il grande amore del Conte Dracula (la Gastini era l’indemoniata di The Rite, con Anthony Hopkins).
Un altro dei casi più recenti e più interessanti di coproduzioni cinematografiche italo-straniere, che sottolinea il rapporto esistente fra banche e mondo del cinema, è senz’altro il finanziamento a This Must Be The Place del 2011 di Paolo Sorrentino con un budget di 28 milioni di euro (di cui 2,5 milioni concessi da Intesa Sanpaolo). Il film, interpretato da Sean Penn e Frances McDormand, è stato un vero successo a firma italiana, sebbene girato in inglese fra l’Irlanda, la Francia e gli Stati Uniti. Prodotto da Indigo Film di Nicola Giuliano e Francesca Cima, dalla Lucky Red di Andrea Occhipinti e distribuito da Medusa, anche in questo caso, sulla tranche italiana del finanziamento, è stato possibile fruire del tax credit per compensare i debiti fiscali.

Articoli correlati su Bancaforte.it:

Tax credit e tax shelter, gli strumenti che hanno permesso alle banche di finanziare il settore cinematografico
CONTENUTI CORRELATI

Credito e garanzie: accordo ABI-Confindustria

Migliorare il credito alle imprese, liberando risorse per la crescita, con garanzie più flessibile e tempi di recupero più veloci: sono questi gli...

Il finanziamento è verde

Nell’indagine ABI Lab i dati sul green banking 2016: le banche hanno concesso finanziamenti a piccole e grandi imprese a sostegno delle fonti di...

Sviluppo sostenibile come opportunità di crescita

Le banche hanno un ruolo fondamentale nel processo epocale di riconversione sintetizzato negli obiettivi dell'Agenda 2030. Una trasformazione...

NPL a livello pre-crisi

Accelerazione del calo delle sofferenze delle imprese nel 2017-2018, con un restringimento dei divari attuali tra dimensioni, settori e aree...
ALTRI ARTICOLI

 
Banca

People-First Strategy, i 5 passi da compiere

Nei prossimi anni anche nelle banche cambieranno skill e professionalità, con attività destinate a sparire o a essere automatizzate e altre, nuove,...

 

Le sei nuove professioni della Banca Intelligente

Per implementare le nuove opportunità dell’Artificial Intelligence servono nuovi professionisti capaci di far interagire mondo fisico e mondo...

 
Pagamenti

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...