18 Luglio 2018 / 16:40
Uscirà a Natale l'e-wallet di Apple. Pagare con l'iPhone diventerà cool

 
Fintech

Uscirà a Natale l'e-wallet di Apple. Pagare con l'iPhone diventerà cool

di Mattia Schieppati - 18 Aprile 2013
Secondo gli analisti il prossimo iPhone 5S sarà equipaggiato con la tecnologia NFC. Una svolta per l’affermazione dell'e-payment
È l'annuncio che si sta attendendo da mesi e che potrebbe far fare il salto di qualità - in termini di popolarità e di diffusione di massa, visto che da anni tutto quello che viene marchiato "mela" diventa subito di moda - ai sistemi di pagamento via smartphone con tecnologia NFC.
Entro l'anno, ma c'è addirittura chi azzarda un "entro giugno", Apple potrebbe infatti lanciare il proprio sistema di e-wallet, dando la benedizione all'era dei pagamenti di prossimità via telefonino e consacrando una tecnologia, quella della Near Field Communication applicata ai pagamenti, che già da ottobre 2012 equipaggia diversi device (e oggi è anche sui nuovissimi Samsung Galaxy S4 e sul Nokia Lumia 920) ma che ancora non era entrata a far parte nello smartphone per eccellenza, l'iPhone, con tutto l'impatto in termini di comunicazione e di usability che questo comporterebbe presso il mass market.
A far uscire l'indiscrezione non è stato il solito sito di maniaci di aggeggi Apple, ma uno dei più autorevoli analisti statunitensi, Gene Munster, managing director and senior research analyst della banca di investimenti Piper Jaffray; una "previsione" ripresa e confermata anche da Katy Huberty di Morgan Stanley.
Munster sottolinea come «i tempi per il lancio sarebbero ormai maturi» ed elenca una serie stringente di fatti. L'e-wallet targato Cupertino rappresenterebbe infatti la logica conseguenza del lancio avvenuto nel giugno 2006, in occasione del rilascio del nuovo sistema operativo iOs 6, del sistema Passbook: una specie di archivio per biglietti elettronici e abbonamenti digitali. Una funzione partita allora in sordina, ma che ha saputo conquistare via via molti utenti negli Stati Uniti, dove il ticketing digitale è già molto diffuso (come dimostrano gli accordi che Apple ha stretto con colossi come Starbucks, Sephora, Ticketmaster ed American Airlines). Passbook ha permesso di testare il gradimento del pubblico e di mettere alla prova gli standard di sicurezza, creando una rete fidelizzata nel campo del retail: una mossa utile per strutturare il futuro sistema di pagamento elettronico, e per cominciare a mettere dei paletti ai due principali competitor: PayPal e Google Wallet.
Dopo un anno di osservazione del mercato, insomma, secondo Munster il nuovo sistema operativo iOs 7 che Apple lancerà a giugno avrà integrato sia il sistema di e-wallet, sia il sistema di riconoscimento delle impronte digitali. Entrambi su tutta la futura gamma che dovrebbe sbarcare sul mercato a Natale 2013: i nuovi iPhone 5s, l'iPad 5 e l'iPad Mini 2. E, forse, anche il rivoluzionario iWatch, l'orologio Apple con funzioni simili a quelli del melafonino. Tutti nuovi, tutti attesissimi. E, sperano alla Apple, compratissimi e quindi pronti a diffondere in maniera virale la mania dei pagamenti da telefonino e da tablet.
Una potenza di fuoco impoente, se si pensa che oggi nel mondo 500 milioni di persone hanno aperto un account iTunes e quindi hanno già un potenziale portafoglio di addebito su carta di credito (quello che si usa per acquistare app, mp3, ecc.). E che con la capacità di "generare sogni", che è il plus assoluto dell'azienda oggi guidata da Tim Cook, non sarà difficile strutturare una rete globale di store, negozi e fornitori di servizi desiderosi di affiliarsi a Apple, abilitandosi ad accettare pagamenti via iPhone e iPad.
Come si chiamerà questa rivoluzione? Se la casa di Cupertino resterà anche questa volta fedele al proprio minimalismo, il nome della tecnologia potrebbe essere molto semplicemente iPay.
CONTENUTI CORRELATI

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...

Pagamenti digitali, tutta questione di "esperienza"

Sotto la spinta normativa e dei Millennials, inizia a farsi strada anche in Italia il modello di open banking, l'ecosistema digitale che vede al...

L'Internet of Things entra in banca

Pagare con il proprio smartwatch o con altri indossabili, o addirittura pagare senza accorgersi di farlo, non è più fantascienza. È la realtà che...

Pagamenti innovativi, le banche diventano piattaforma

Deloitte analizza i possibili sviluppi del rapporto tra banche e Fintech nell'ambito dei sistemi di pagamento e lancia la sfida: entrare nella...
ALTRI ARTICOLI

 
Banca

People-First Strategy, i 5 passi da compiere

Nei prossimi anni anche nelle banche cambieranno skill e professionalità, con attività destinate a sparire o a essere automatizzate e altre, nuove,...

 

Le sei nuove professioni della Banca Intelligente

Per implementare le nuove opportunità dell’Artificial Intelligence servono nuovi professionisti capaci di far interagire mondo fisico e mondo...

 
Pagamenti

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...