20 Luglio 2018 / 01:23
Valuteremo l’impatto della regolamentazione finanziaria in Europa

 
Banca

Valuteremo l’impatto della regolamentazione finanziaria in Europa

di Ildegarda Ferraro - 9 Marzo 2015
Intervista a Roberto Gualtieri, Presidente dell’Econ, la Commissione per i problemi economici e monetari del Parlamento europeo per fare il punto su Europa, Unione bancaria, requisiti patrimoniali delle banche, valutazione del rischio dei titoli sovrani ...

D. Sembra finalmente che la cappa della crisi cominci ad essere meno pesante. Anche l’Europa ha avviato una fase nuova. In questo scenario si inserisce l’Unione bancaria partita a novembre scorso.

R. Sì, l’Unione bancaria è la prima risposta concreta di un cambio di rotta, una risposta che vuol dire più Europa e non trincerarsi in confini più angusti. L’Unione va completata per permettere all’Europa di concorrere alla sfida di regolamentazione globale della finanza.

D. Sembra però che non accenni a diminuire la spinta alla patrimonializzazione delle banche, con costanti aggiustamenti successivi.

R. La spinta alla patrimonializzazione delle banche in alcuni casi può rischiare di determinare effetti prociclici e non essere delineata con sufficienti elementi di certezza e chiarezza. È una preoccupazione che registro, di cui siamo consapevoli. Noi, come co-legislatori, cercheremo di tenere conto di questa esigenza e di trovare un giusto equilibrio tra stabilità e crescita. Non saremo solo spettatori, abbiamo anche una funzione legislativa nella implementazione e valuteremo se l’azione della BCE si muova nei confini delle normative esistenti o di fatto delinei un cambiamento dei requisiti che in questo caso deve passare per la via maestra delle decisioni legislative.

D. Le regole aumentano costantemente.

R. Daremo l’avvio a una valutazione di impatto della regolamentazione finanziaria negli ultimi anni, che ci consentirà una valutazione migliore del problema, e contemporaneamente, intendiamo avviare un dialogo permanente con diversi soggetti – con i consumatori, ma anche con il mondo di chi è soggetto alla supervisione – per valutare meglio. L’Econ contribuisce ad eleggere l’organismo delle supervisione unica e ha poi un compito istituzionale di controllo e di monitoraggio. Cercheremo in un dialogo serrato di affrontare come si possa procedere in maniera più equilibrata, dando il senso di certezza e di necessaria credibilità, senza rinunciare alle prerogative anche di discrezionalità necessarie ad un supervisore.

D. Anche il tema della valutazione del rischio dei titoli sovrani torna spesso all’attenzione.

R. È un tema molto delicato su cui occorre procedere con prudenza. Negli stress test questo tema ha già fatto la sua comparsa. Penso che richieda un tempo di gestazione ragionevole e che nel momento in cui venga affrontato deve vedere contemporaneamente passi avanti nella condivisione del rischio sovrano. Perché siamo in un’Unione economica e monetaria. Altrimenti c’è il rischio di un’asimmetria che avrebbe effetti controproducenti.
CONTENUTI CORRELATI

Un nuovo ruolo per il risk management

A pochi giorni da Unione Bancaria e Basilea 3, Pietro Penza, partner PwC, traccia le linee evolutive della funzione di risk management in banca. Che...

Più innovazione nella gestione dei rischi

Il futuro della funzione di risk management in banca dipende da come saprà affrontare i cambiamenti di mercato, regolamentari e tecnologici. E,...

Architettura Basilea 3

Nell’ambito del progetto Events in Art, l'artista Francesco Pirini ha voluto rappresentare il convegno “Unione Bancaria e Basilea 3” attraverso...

Siamo a un punto di svolta

Novità normative, redditività, Npl, Ifrs 9, modelli interni di rating sono tra i temi chiave al centro di Unione Bancaria e Basilea 3 – Risk e...
ALTRI ARTICOLI

 

Il lato oscuro delle intelligenze artificiali

Gli algoritmi ci stanno regalando conquiste positive in tanti campi, compreso quello della finanza e dei pagamenti. Ma bisogna stare attenti ai...

 
Pagamenti

Nuovo record: oltre il 95% dei clienti usa web e Atm

E' un vero boom per il mobile banking, salito in pochi anni dal 6 al 31%, e per l'Internet banking (dal 42 al 59%). Anche in Italia la user experience...

 

Luciano Floridi: «I pagamenti daranno all’Italia un digital shock»

Il filosofo italiano, docente dell’Oxford Internet Institute e direttore del Digital Ethics Lab, il 7 novembre sarà tra i protagonisti della...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...