23 Luglio 2018 / 19:20
Web e libertà di informazione, Wiki si auto-oscura

 
Fintech

Web e libertà di informazione, Wiki si auto-oscura

di Mattia Schieppati - 11 Ottobre 2011
Wikipedia e blogger temono il “bavaglio”. E al legislatore mancano gli strumenti per inserire tutele nel flusso di informazioni online
Per necessità di sintesi i media l'hanno definita “la rivolta dei Wiki-ultrà”. Ma in realtà quella che si deciderà (pare) questa settimana, con la discussione alla Camera il 12 ottobre del cosiddetto ddl anti-intercettazioni, è una partita chiave che riguarda il tema privacy e web, e che rischia di avere una ricaduta pesantissima nel gran mare della rete. Dalle testate giornalistiche online, ai blog, ai social network, ormai dei veri e propri produttori e veicolatori di contenuti. E una sorta di social network ante litteram si può definire anche la stessa Wikipedia, pietra dello scandalo.
È successo infatti che la scorsa settimana, mentre veniva discusso in commissione Giustizia il controverso decreto anti-intercettazioni, l'edizione italiana della celebre enciclopedia partecipativa online si auto-oscurasse come segno di protesta per quello che – a detta dei responsabili di Wikimedia Italia, l'associazione cui il sito fa riferimento – è considerato un bavaglio antiliberale alla libertà d'informazione.
Un emendamento inserito nel ddl (il comma 29) prevedeva infatti “l'obbligo per tutti i siti web di pubblicare, entro 48 ore dalla richiesta e senza alcun commento, una rettifica su qualsiasi contenuto che il richiedente giudichi lesivo della propria immagine”. Pena sanzioni pecuniarie. Una regola insostenibile per Wikipedia, che per sua stessa natura accoglie e pubblica online liberi e gratuiti contenuti di utenti, e che quindi non possono essere sottoposti a controlli rigorosi e definitivi (ogni voce postata su Wikipedia, infatti, non viene verificata da una struttura ufficiale, ma viene verificata , corretta e modificata dagli utenti stessi).
«L'obbligo di pubblicare fra i nostri contenuti le smentite previste dal comma 29», hanno spiegato da Wikipedia «senza poter entrare nel merito delle stesse e a prescindere da qualsiasi verifica, costituisce una inaccettabile limitazione della propria libertà e indipendenza: tale limitazione snatura i principi alla base dell'Enciclopedia libera e ne paralizza la modalità orizzontale di accesso e utilizzo».
Un punto cruciale che, al di là di quello che è stato l'innesco (una legge avviata alla Camera per ben altri motivi, che non riguardano il web e le sue regole), va a toccare uno dei nervi scoperti e delle questioni mai regolamentate della rete: ovvero il controllo, o meno, di tutto ciò che riguarda dati personali, anche protetti da privacy, e che circola “indisturbato” online. Per una democrazia, e a maggior ragione per una sovrademocrazia senza confini come quella del web, fa più danni una qualsiasi norma che rischi di mettere dei bagagli, o un flusso illimitato e incontrollato di informazioni, anche sensibili, su un singolo soggetto? Il dilemma esiste da quando esiste il web, e nessuna è ancora riuscito a scioglierlo.
Per ora, si è trovata una soluzione “all'italiana”, per mettere un freno a quella che, in seguito all'oscuramento di tre giorni di Wikipedia (dal 4 al 6 ottobre) e alla protesta subito scattata sui social network – su Facebook la fan page “Rivogliamo Wikipedia-no alla legge bavaglio” ha superato i 277 mila fan in poche ore – rischiava di diventare una situazione ingestibile.
L'emendamento portato al ddl dall'on. Roberto Cassinelli propone infatti di distinguere fra i siti professionali, come quelli delle testate giornalistiche, che resteranno legati all'obbligo di rettifica entro 48 ore, e quelli amatoriali per i quali la scadenza diventa di 10 giorni e decorre dal momento in cui il blogger viene effettivamente a sapere della richiesta. Viene invece escluso l'obbligo di rettifica per i social network, dovuta «quando tecnicamente possibile» e riduce le sanzioni pecuniarie. Una soluzione che dovrebbe riuscire a far quadrare il cerchio, insomma.
Ma la questione chiave sollevata da questo episodio resta aperta, in tutto il mondo.
CONTENUTI CORRELATI

Banche, social e web: il dialogo è interattivo

Informazioni sui prodotti e servizi, assistenza ai clienti, promozione di eventi e iniziative locali, tecnologia, arte, cultura e spettacoli, i temi...

Gdpr, la rivoluzione della privacy

Quali sono i nostri nuovi diritti con l’arrivo del Regolamento europeo sui dati personali? E soprattutto quali i doveri per aziende, piccole e...

Le 50 password più usate nel mondo

Con l'Internet of Things crescono esponenzialmente i device connessi, ma resta bassa la consapevolezza degli utenti sui criteri minimi di sicurezza...

L'era digitale? Un mare di opportunità

"Oggi Internet ti permette di lavorare su un'idea, di creare un'iniziativa imprenditoriale che ti appassiona, anche se sei ‘diversamente’ giovane....
ALTRI ARTICOLI

 

Il lato oscuro delle intelligenze artificiali

Gli algoritmi ci stanno regalando conquiste positive in tanti campi, compreso quello della finanza e dei pagamenti. Ma bisogna stare attenti ai...

 
Pagamenti

Nuovo record: oltre il 95% dei clienti usa web e Atm

E' un vero boom per il mobile banking, salito in pochi anni dal 6 al 31%, e per l'Internet banking (dal 42 al 59%). Anche in Italia la user experience...

 

Luciano Floridi: «I pagamenti daranno all’Italia un digital shock»

Il filosofo italiano, docente dell’Oxford Internet Institute e direttore del Digital Ethics Lab, il 7 novembre sarà tra i protagonisti della...
Bancaforte TV
Gli effetti dirompenti della direttiva sul settore saranno al centro dell'edizione 2018, insieme ai nuovi...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...