14 Novembre 2018 / 01:57
 
Progetto senza titolo 128

 
Pagamenti

Arriva in Italia Adyen, piattaforma olandese per i pagamenti digitali

di Paola Fabi - 30 ottobre 2018
Già scelta da colossi dell’hi tech e dell’ecommerce a livello globale, punta ora a crescere sul mercato italiano, con un'attenzione particolare al settore della Moda. La prima sede sarà a Milano

Ayden, l'innovativo sistema olandese per i pagamenti online, chiama e l'Italia risponde. Già da tempo, infatti, la piattaforma scelta da colossi come Booking, Spotify, Uber, L'Oreal e Facebook, aveva annunciato l'intenzione di sbarcare nel Belpaese, mercato considerato sempre più interessante per il crescente numero di pagamenti via carta e per quelli tramite mobile (+60% nel 2017). Milano è la città prescelta per l'apertura della prima sede.

 

La fintech dei Paesi Bassi, fondata nel 2006 e con sede ad Amsterdam, è in grado di gestire con una sola piattaforma tecnologica tutto il processo, saltando gli intermediari e connettendosi a più di 250 metodi di pagamento nazionali e internazionali (tra le tante Visa, Mastercard, American Express, Alipay, WeChat) e accettando oltre 150 valute. Dall’elaborazione dei pagamenti alla gestione del rischio fino alla fase di acquiring, Adyen copre tutte le funzioni, anche quelle normalmente delegate a terze parti.

 

Il valore della soluzione è molto apprezzato anche in Borsa, dove la quotazione della società è cresciuta del 130% in soli quattro mesi, anche grazie ai risultati ottenuti. Adyen ha chiuso il primo semestre 2018 con un fatturato pari a 156 milioni di euro (+67%) contro 218 milioni nell’intero 2017, mentre il volume dei pagamenti processati è cresciuto nei primi sei mesi di oltre il 40% a 70 miliardi contro i 108 dell’intero anno precedente.

 

La filosofia di Ayden la spiega semplicemente Ingo Uydehaage, Cfo di Ayden: “Vogliamo che per il cliente fare un pagamento sia super semplice”. E se hai tutta la tecnologia in un'unico 'posto' diventa veramente molto semplice. L'obiettivo principale è quello diffondere anche in Italia il suo sistema di commercio unificato, già adottato da alcuni marchi famosi come Brunello Cucinelli, Furla e Alitala.

 

Il mercato italiano, del resto, come ha spiegato il country manager di Adyen, Philippe de Passorio, ha alcuni aspetti considerati moli interessanti. A partire dal comparto Moda, particolarmente dinamico. “Lavoriamo già con i migliori marchi della moda e al mondo, ovviamente anche in Italia - ha sottolineato de Passorio - e vogliamo aiutarli nella loro espansione internazionale”. Ma quello che fa più gola è sicuramente la crescita a doppia cifra del commercio elettronico (+15% nel 2018) e il sempre maggiore uso da parte degli italiani dei pagamenti elettronici e in mobilità: “Non dimentichiamo - ha sottolineato de Passorio - che un terzo dei pagamenti elettronici è fatto dal cellulare e Adyen è davvero molto efficace sul mobile”.

 

In primo piano
Oggi è importante "concettualizzare" l'innovazione e ragionare sulle nuove architetture della relazione che ne...
Lotta al contante per Bancomat Spa, che taglia i costi per le transazioni fino a 15 euro effettuate con...