21 Maggio 2019 / 04:23
 
fracassi bis

 
Credito

65Plus passa a MutuiOnline

di Flavio Padovan - 18 febbraio 2019
Il gruppo guidato da Alessandro Fracassi punta sul decollo anche in Italia dei prestiti ipotecari vitalizi

Si trasforma in matrimonio l'alleanza tra MutuiOnline e 65Plus. Il Gruppo guidato dall'amministratore delegato Alessandro Fracassi (nella foto in basso) ha annunciato l'acquisizione del 71,79% del capitale della società specializzata nella consulenza finanziaria per la terza età e tra i principali protagonisti dello sviluppo in Italia dei prestiti ipotecari vitalizi.

 

“Siamo soddisfatti di questa operazione – dichiara Fracassi – perché riteniamo che il mercato dei prestiti vitalizi rappresenti un’importante opportunità di diversificazione e che vi siano ormai i presupporti per una rapida crescita del mercato”.

 

65Plus entra così nel perimetro di consolidamento del Gruppo MOL, Società quotata al Segmento STAR di Borsa Italiana e leader nel mercato italiano dei mutui, della distribuzionedi prodotti di credito e assicurativi tramite internet, oltre che di servizi di outsourcing.

 

“Per 65Plus è un passaggio molto importante: una più forte integrazione all’interno del Gruppo MOL ci consentirà sin da subito di rafforzare e diversificare la nostra gamma di servizi: un nuovo passo per seguire i segnali positivi che si stanno ormai consolidando nel settore dei prestiti vitalizi”, aggiunge Claudio Pacella, Amministratore Delegato di 65Plus (vedi qui la videointervista rilasciata a Credito al Credito sullo sviluppo del mercato).

 

I Prestiti Vitalizi sono finanziamenti ipotecari riservati a persone con più di 60 anni. Sono stati oggetto di una profonda rivisitazione attuata con la legge 44/2015 e relativi regolamenti attuativi. Rinnovamento sostenuto da 11 Associazioni dei Consumatori e dall’Abi per l'utilità di un prodotto che facilita l’accesso al credito anche per le persone più anziane.

 

In primo piano
Un disclaimer al termine di un filmato garantisce la trasparenza e la correttezza di una pubblicità...
Per le banche fare modern marketing resta fondamentale anche nel nuovo contesto disegnato dal regolamento...