21 Marzo 2019 / 06:17
 
fracassi bis

 
Credito

65Plus passa a MutuiOnline

di Flavio Padovan - 18 febbraio 2019
Il gruppo guidato da Alessandro Fracassi punta sul decollo anche in Italia dei prestiti ipotecari vitalizi

Si trasforma in matrimonio l'alleanza tra MutuiOnline e 65Plus. Il Gruppo guidato dall'amministratore delegato Alessandro Fracassi (nella foto in basso) ha annunciato l'acquisizione del 71,79% del capitale della società specializzata nella consulenza finanziaria per la terza età e tra i principali protagonisti dello sviluppo in Italia dei prestiti ipotecari vitalizi.

 

“Siamo soddisfatti di questa operazione – dichiara Fracassi – perché riteniamo che il mercato dei prestiti vitalizi rappresenti un’importante opportunità di diversificazione e che vi siano ormai i presupporti per una rapida crescita del mercato”.

 

65Plus entra così nel perimetro di consolidamento del Gruppo MOL, Società quotata al Segmento STAR di Borsa Italiana e leader nel mercato italiano dei mutui, della distribuzionedi prodotti di credito e assicurativi tramite internet, oltre che di servizi di outsourcing.

 

“Per 65Plus è un passaggio molto importante: una più forte integrazione all’interno del Gruppo MOL ci consentirà sin da subito di rafforzare e diversificare la nostra gamma di servizi: un nuovo passo per seguire i segnali positivi che si stanno ormai consolidando nel settore dei prestiti vitalizi”, aggiunge Claudio Pacella, Amministratore Delegato di 65Plus (vedi qui la videointervista rilasciata a Credito al Credito sullo sviluppo del mercato).

 

I Prestiti Vitalizi sono finanziamenti ipotecari riservati a persone con più di 60 anni. Sono stati oggetto di una profonda rivisitazione attuata con la legge 44/2015 e relativi regolamenti attuativi. Rinnovamento sostenuto da 11 Associazioni dei Consumatori e dall’Abi per l'utilità di un prodotto che facilita l’accesso al credito anche per le persone più anziane.

 

In primo piano
Le fintech hanno bisogno delle banche per sviluppare il proprio business. Lo sottolinea in questa intervista...
Tra i player innovativi e le grandi imprese è più vantaggioso instaurare una relazione collaborativa...