21 Marzo 2019 / 06:18
 
Cattura7

 
Banca

È nato il Gruppo bancario cooperativo Iccrea

  07 marzo 2019
Parte ufficialmente il maggiore gruppo bancario cooperativo italiano con 142 Bcc, dislocate su 1.700 comuni in una rete di 2.600 sportelli, 4 milioni di clienti. In Italia si colloca al terzo posto per numero di sportelli e al quarto per attivi

Il gruppo Iccrea il 6 marzo ha comunicato che la Bce ha dato il suo benestare alla costituzione del Gruppo bancario cooperativo Iccrea. La Banca d’Italia ha perfezionato quindi l’iscrizione all’Albo dei Gruppo Bancari del nuovo Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea (in precedenza Gruppo Bancario Iccrea). Sono stati invece cancellati dall'Albo i due gruppi di pertinenza delle Bcc ora entrate nel Gruppo Iccrea (Gruppo Bancario Banca d'Alba e Gruppo Bancario Banca di Fornacette), confluiti insieme con le loro controllate.

Nasce ufficialmente il maggiore gruppo bancario cooperativo italiano con 142 Bcc, dislocate su 1.700 comuni in una rete di 2.600 sportelli, 4 milioni di clienti, 750 mila soci, con attivi per 153 miliardi e fondi propri per 11 miliardi: un gruppo bancario che in Italia si colloca al terzo posto per numero di sportelli ed al quarto per attivi.

Il gruppo comprende la capogruppo e 161 componenti:

  • 142 Bcc (società cooperative)
  • 4 banche società per azioni (la capogruppo Iccrea Banca, Iccrea Banca d'impresa, Banca Mediocredito Fvg, Banca Sviluppo)
  • 3 finanziarie (Bcc CreditoConsumo, Bcc Lease, Bcc Factoring)
  • 1 società di gestione (Bcc Risparmio&Previdenza Sgr)
  • 12 società strumentali (Coopersystem, Immobiliare Banca d'Alba, Incra, Sigest, Sinergia, Sirius project, Bcc Beni immobili, Bcc Gestione crediti, Bcc Sistemi informatici, Bcc Solutions, Bit servizi, Brianza elaborazione dati).

“A valle di questo lungo ed impegnativo percorso - ha commentato il Vice Presidente Vicario Giuseppe Maino – culminato con il via libera della BCE alla costituzione del Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea, il mio personale ringraziamento va agli Organi di Vigilanza europei ed italiani e a tutti i professionisti del Credito Cooperativo che hanno contribuito al raggiungimento di questo traguardo storico. E un pensiero particolare va a Giulio Magagni, sotto la cui presidenza il Gruppo Iccrea è cresciuto e si è affermato come uno dei principali gruppi bancari italiani fino a divenire l’attuale Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea che oggi celebriamo con orgoglio e soddisfazione. A tutti noi – ha proseguito Maino - formulo i miei migliori auguri di buon lavoro, un lavoro da costruire insieme, per affermarci come la Prima Banca Locale del Paese, al servizio dei territori, delle famiglie e delle imprese che costituiscono il tessuto connettivo dell’economia italiana”.

“Con l’avvio del Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea – ha commentato Leonardo Rubattu, Direttore Generale di Iccrea Banca – si afferma un modello di ‘fare banca’ innovativo ed originale: il più grande gruppo di banche locali diffuse capillarmente sul territorio, che coniugano la loro vocazione localistica con la forza e la solidità di un grande Gruppo bancario nazionale. E’ davvero difficile pensare di poter competere in un mercato bancario così complesso e in continua trasformazione, di intercettare i nuovi bisogni della nostra clientela attuale e potenziale, senza realizzare quelle economie essenziali a poter effettuare investimenti economici e di know how. Il Gruppo bancario Cooperativo Iccrea è nato soprattutto per questo: promuovere e consolidare la crescita e la trasformazione delle Bcc per competere nel nuovo contesto di mercato, assecondandone la loro vocazione unica di banche locali e di prossimità. Ringrazio le Autorità di Vigilanza, sia europea che italiana, per l’approccio costruttivo ed estremamente professionale con cui ci hanno accompagnato in questo lungo, complesso e originale percorso di creazione del Gruppo Cooperativo Iccrea”.

In primo piano
Le fintech hanno bisogno delle banche per sviluppare il proprio business. Lo sottolinea in questa intervista...
Tra i player innovativi e le grandi imprese è più vantaggioso instaurare una relazione collaborativa...