17 Luglio 2019 / 00:48
 
Banca Mondiale sceglie il mercato italiano per un nuovo bond

 
Banca

Banca Mondiale sceglie il mercato italiano per un nuovo bond

di Flavio Padovan - 5 Marzo 2019
Emessa una obbligazione per lo sviluppo sostenibile a tasso fisso della durata di 3 anni. Dal 2015 World Bank ha raccolto oltre 555 milioni di dollari da investitori italiani
Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BIRS) ha scelto nuovamente il mercato italiano per l'emissione di una obbligazione per lo sviluppo sostenibile. Il bond, in Rupie Indonesiane (IDR), è a tasso fisso della durata di 3 anni.
 
I proventi dell'obbligazione saranno utilizzati per attività di sviluppo in linea con gli obiettivi della Banca Mondiale, diretti a eliminare la povertà e promuovere una prosperità condivisa.
 
L'emissione di questa nuova obbligazione fa parte della strategia della Banca Mondiale volta ad aumentare la propria presenza nei mercati dei capitali italiani: dal 2015 l'istituzione ha raccolto l'equivalente di oltre 555 milioni di dollari da parte degli investitori in Italia attraverso Green Growth Bonds - green bond legati ad un indice azionario - e alle obbligazioni per lo sviluppo sostenibile emesse in una gamma di valute del mercato emergente.
 
Dal 11 febbraio le obbligazioni sono quotate direttamente sull'EuroMOT di Borsa Italiana, dove sono negoziate su base continuativa grazie alla liquidità fornita da BNP Paribas in qualità di market maker. La soglia minima di investimento è di 15 milioni IDR.
 
La Banca Mondiale raccoglie fondi sul mercato internazionale dei capitali per supportare il finanziamento di progetti di sviluppo sostenibile nei paesi membri beneficiari. Questi progetti sono volti a ridurre la povertà e a stimolare una crescita equa e condivisa in numerosi settori, tra cui istruzione, sanità, agricoltura, sicurezza alimentare e infrastrutture essenziali. Le Obbligazioni per uno Sviluppo Sostenibile della Banca Mondiale offrono agli investitori l'opportunità di supportare i paesi membri nel raggiungimento dei loro obiettivi di sviluppo.
 
Per queste obbligazioni, la Banca Mondiale ha collaborato con BNP Paribas, in qualità di Dealer e Liquidity Provider.
In primo piano
Per Cristiano Zazzara di S&P la gestione di attività di intermediazione creditizia da parte di operatori non...
Per Giuseppe Lusignani, Vice Presidente Prometeia, le banche italiane stanno lavorando molto per recuperare...