17 Luglio 2019 / 01:00
 
Pagamenti digitali, accordo tra Banca Sella e UnionPay

 
Pagamenti

Pagamenti digitali, accordo tra Banca Sella e UnionPay

di Flavio Padovan - 2 Luglio 2019
Entro l'anno le carte dell'operatore cinese saranno accettate dagli oltre 80 mila negozi fisici che utilizzano i Pos della banca
Continua a crescere la rete di accettazione della carte UnionPay in Italia, sostenuta anche dallo sviluppo del turismo. Un grande passo avanti è rappresentato dall'accordo appena annunciato tra Banca Sella e la società cinese che vanta la più ampia base di carte di pagamento al mondo. Grazie alla partnership siglata, entro l'anno tutti i negozi e le attività commerciali che utilizzano i Pos di Banca Sella – oltre 80 mila esercizi tradizionali - potranno accettare le carte emesse da UnionPay.
 
Si stima che nel 2019 saranno oltre 3 milioni i turisti cinesi che trascorreranno in Italia le loro vacanze, facendo spese e acquisti. Un flusso importante di persone che, grazie all'accordo siglato - spiega Alberto Bordiga, responsabile dei sistemi di pagamento di Banca Sella - potranno utilizzare le proprie carte UnionPay per pagare presso tutte le attività dotate di Pos di Banca Sella. "È un vantaggio importante per i nostri merchant – sottolinea Bordiga – che possono così cogliere le opportunità di un mercato in continua espansione".
 
Per UnionPay l'accordo siglato con Banca Sella rappresenta un ulteriore rafforzamento per l'accettazione delle proprie carte sul mercato italiano. "L'Italia – ha affermato Wei Zhihong, Market Director di UnionPay International e Responsabile della divisione europea – ha un grande appeal per i turisti cinesi che viaggiano in misura sempre maggiore e lo stanno facendo sempre più in modo autonomo rispetto ad appoggiarsi a pacchetti turistici organizzati. Di conseguenza i nostri turisti stanno acquistando sul territorio italiano in un numero sempre maggiore di negozi e attività commerciali". Grazie all'accordo con Banca Sella molti esercenti potranno così avvicinarsi a questo mercato e accettare i pagamenti via Pos tramite le carte di UnionPay. "L'Italia è un mercato importante per noi – conclude Wei Zhihong –e non vediamo l'ora di soddisfare le esigenze dei commercianti locali e dei loro clienti, provenienti dall'Italia, dall'Europa o da tutto il mondo".
In primo piano
Per Cristiano Zazzara di S&P la gestione di attività di intermediazione creditizia da parte di operatori non...
Per Giuseppe Lusignani, Vice Presidente Prometeia, le banche italiane stanno lavorando molto per recuperare...