21 Febbraio 2019 / 18:38
Agli italiani piace Facebook, ma non si fidano

 
Fintech

Agli italiani piace Facebook, ma non si fidano

di Mattia Schieppati - 13 Aprile 2017
Secondo una ricerca di Blogmeter, si sta sui social per curiosità e svago o per creare nuove relazioni. Mentre per informarsi e per effettuare acquisti, le reti sociali sono considerate poco credibili. Tra i social “di cittadinanza” e quelli “funzionali”, Twitter sembra in discesa, mentre emergono anche YouTube, Instagram, WhatsApp …
Facebook e WhatsApp dominano, ma forse perché l’Italia è un Paese con un’età media… sopra la media. Twitter fatica a trovare la sua ragione d’esistere e ormai sembra avviato al declino. E quando si tratta di informarsi o di fare acquisti, gli strumenti di informazione tradizionale sono ancora quelli cui il pubblico dà più fiducia.
È uno spaccato molto interessante quello che esce dalla survey effettuata da Blogmeter, social media company e agenzia di ricerche di mercato di Milano, che ha intervistato 1.500 italiani di età compresa tra i 15 e i 64 anni, iscritti ad almeno un social. Con l’obiettivo di capire non tanto il dato quantitativo sull’uso dei diversi social, ma le abitudini e le finalità di utilizzo (qui la ricerca).
Tra le motivazioni che spingono all’uso dei social, la più gettonata è la curiosità e l’interesse (21%), seguita poi dal desiderio di creazione di relazioni nuove e personali (17%), mentre il 14% afferma di utilizzarli per svago o piacere.
Indagando le ragioni che spingono a usare un social piuttosto di un altro, Facebook si conferma il più adatto a rispondere a quasi tutte le esigenze, fatta eccezione forse per le ricerche di lavoro. Dopo Facebook, tra gli altri social media, emerge TripAdvisor per leggere recensioni su ristoranti e alberghi, YouTube per video-informarsi, mentre per seguire brand e personaggi celebri gli intervistati preferiscono Instagram.

Social di cittadinanza ...

Il taglio attraverso il quale la ricerca legge i dati è principalmente sociologico. Guardando alle modalità con cui vengono utilizzati i vari canali, secondo Blogmeter i social si possono dividere in due tipologie: quelli di “cittadinanza” e quelli “funzionali”. «I social di cittadinanza sono quelli che vengono usati tutti i giorni, anche più volte al giorno, e più volte a settimana, che in un certo senso definiscono la nostra identità online», spiegano gli analisti. Di questi, Facebook è il maggiore rappresentate: ben l’84% degli intervistati ha dichiarato di utilizzarlo più volte al giorno; gli altri sono YouTube, Instagram e WhatsApp.

... e social funzionali

Si intendono quei canali che vengono utilizzati per soddisfare un bisogno o un interesse specifico e i più fruiti dagli italiani sono Google Plus, Twitter e Linkedin, che rispettivamente il 40%, il 35% e il 31% degli intervistati afferma di usare saltuariamente. Ben posizionato anche TripAdvisor, consultato per scegliere ristoranti o locali.
Il social più abbandonato in assoluto è Tinder, l’app per incontri occasionali, con ben 3,5 italiani su 10 che hanno dichiarato di essersi iscritti e poi cancellati. Seguono Snapchat, con il 25%, Pinterest e lo stesso Twitter, con il 10%.

Sei su Facebook? Sei vecchio

Con il crescere dell’età decresce il numero di social a cui si è iscritti: nella fascia di età compresa tra i 18 e i 34 anni, la media di social e servizi di messaggistica posseduti è superiore a sette, dopo i 45 anni, invece, scende a tre canali. Ed è proprio scendendo nell’analisi per età che si scopre come l’apparente egemonia di Facebook rischi in realtà di essere un dominio che comincia a mostrare la corda, se è vero che si tratta di un social network spesso snobbato dai giovanissimi: la creatura di Mark Zuckerberg è infatti utilizzata prevalentemente da una popolazione di 25-44enni, coloro che dai ricercatori vengono definiti «professionalmente maturi». Tra i teenager a dominare sono invece social network come Instagram e YouTube, perché quello che i giovanissimi cercano è la «condivisione dell’istante».
La realtà più a rischio? I 140 caratteri dell’uccellino che cinguetta. Alla domanda di quali social puoi fare a meno, la maggior parte ha risposto Twitter.

La fiducia non è social

Se da un lato Facebook si configura come il social a cui dedichiamo in assoluto la maggior parte del tempo, dall’altro canali di comunicazione più tradizionali come la televisione e i magazine continuano a mantenere una forte credibilità anche tra gli utenti del web. Infatti gli intervistati considerano come assolutamente credibili per informarsi tv e stampa, mentre al contrario ritengono poco affidabili Facebook, YouTube e i blog.
Quando invece si tratta di effettuare acquisti online, i canali che gli italiani digitalizzati considerano più attendibili sono i siti di acquisti online (Amazon e Ebay) e siti di recensione ( TripAdvisor).
CONTENUTI CORRELATI

Il Salone raccontato sui social dai giovani

Social Media Reporter è l’iniziativa che vede protagonisti al Salone gli studenti dell’Università Cattolica: racconteranno l'evento attraverso...

La dieta mediatica che cambia gli italiani

Per quasi l'80% la fruizione dell'informazione passa dalla Rete. E, in generale, l'approccio a servizi e consumi passa sempre più da un “menu”...

Banche, social e web: il dialogo è interattivo

Informazioni sui prodotti e servizi, assistenza ai clienti, promozione di eventi e iniziative locali, tecnologia, arte, cultura e spettacoli, i temi...

L'era digitale? Un mare di opportunità

"Oggi Internet ti permette di lavorare su un'idea, di creare un'iniziativa imprenditoriale che ti appassiona, anche se sei ‘diversamente’ giovane....
ALTRI ARTICOLI

 

Emozioni e nuova fiducia, le banche e il digital marketing

Nella relazione con il cliente il futuro si giocherà sull’intelligenza artificiale, tra chatbot, IoT, mobile, realtà virtuale, strumenti di...

 
Pagamenti

Open Banking, un gateway in-house per UniCredit

Il Gruppo guidato da Mustier ha preferito realizzare al proprio interno la soluzione per la compliance alla PSD2. Per rispondere in modo più efficace...

 
Fintech

Open Banking, oltre la compliance

Per Paolo Zaccardi, CEO Fabrick, le banche italiane stanno ormai completando le ultime attività per il primo test del 14 marzo. Ma la vera sfida...
A differenza di quello che accade nell'area dell'euro, in Italia il funding delle imprese è ancora largamente...
L'open banking è stato al centro di numerose sessione del Salone dei Pagamenti 2018. Sara Marcozzi, Senior...