16 Luglio 2018 / 14:49
Banche, funziona la strategia antirapina

 
Sicurezza

Banche, funziona la strategia antirapina

di Flavio Padovan - 3 Giugno 2013
Marco Iaconis anticipa a Bancaforte alcuni risultati dell'analisi annuale di OSSIF sulla sicurezza nel settore finanziario che sarà presentata a Banche e Sicurezza 2013
“Nonostante la crisi, le banche non allentano il loro impegno nella lotta alla criminalità. Anzi, moltiplicano gli sforzi per garantire livelli di sicurezza sempre maggiori anche sui nuovi fronti che si sono aperti con la multicanalità, dai servizi internet al mobile banking. Un'azione che sta dando risultati importanti grazie ai rilevanti investimenti in tecnologie, alla continua formazione del personale, alla sensibilizzazione delle clientela e alla sempre più stretta collaborazione con le Forze dell'Ordine”. Commenta così l'andamento della sicurezza nel settore bancario Marco Iaconis , coordinatore di OSSIF , il think tank dell'ABI sulle strategie anticrimine, che anticipa a Bancaforte i primi dati dell'indagine annuale che verrà presentata il 5 e 6 giugno a Banche e Sicurezza 2013 . “Nel 2012 gli attacchi alle filiali sono diminuiti sensibilmente – evidenzia Iaconis - mentre rimangono sostanzialmente stabili i colpi agli Atm, sui quali stiamo però intervenendo con soluzioni innovative in grado di dissuadere i malviventi. Molto efficace anche il contrasto alle frodi informatiche, che vengono neutralizzate nella quasi totalità dei casi”.
Funziona, dunque, la ricetta anticriminalità basata sulla sicurezza partecipata messa a punto da OSSIF per le banche, ma presa a modello ed esportata anche negli altri settori a rischio. Il 5 e 6 giugno a Roma interverranno rappresentanti di istituzioni, autorità di sicurezza, banche e aziende, per analizzare insieme i dati analitici e, con il supporto dei più importanti fornitori di tecnologie e servizi, aggiornare la strategia operative anticrimine per contrastare la criminalità con un'azione di sistema.

I principali temi di Banche e Sicurezza 2013

Il convegno sarà anche l'occasione per offrire un quadro completo sull'evoluzione e sui trend dei vari fenomeni criminosi ai danni del settore, dalle rapine alle filiali agli attacchi agli ATM, fino all’articolato mondo delle frodi. Ad aprire l’evento, il più importante del suo genere in Italia, sarà Gianfranco Torriero , direttore centrale responsabile della direzione Strategie e Mercati finanziari dell’ABI, che insieme a Francesco Cirillo , vice direttore generale della P.S. e direttore centrale della Polizia Criminale, firmeranno il rinnovo del Protocollo d’Intesa ABI – Ministero dell’Interno , perno della collaborazione tra banche e Forze dell’Ordine che tanto ha contribuito negli ultimi anni a ridurre gli attacchi agli sportelli.
Nel corso della sessione plenaria saranno affrontati molti dei temi più caldi che animano il dibattito nel settore, dai riflessi della crisi economia sulla criminalità, alle sfide della cybersecurity, all’evoluzione delle difese agli sportelli. Atteso, tra gli altri, l’intervento di Giuseppe Staglianò , dell'Autorità Garante per la protezione dei dati personali, che farà chiarezza sulle numerose questioni aperte in tema di sicurezza e privacy.

Focus sulle frodi

Nell’edizione 2013 di Banche e Sicurezza viene data particolare attenzione al tema della prevenzione e gestione delle frodi, a cui è dedicata una doppia sessione. Nella prima, il pomeriggio del 5 giugno, saranno presentati i risultati di una survey OSSIF sulle frodi identitarie, i dati statistici 2012 dell’UCAMP delle frodi con carte di pagamento e sulla falsificazione dell’euro, le anticipazioni del Ministero dell’Economia e delle Finanze sul sistema pubblico di prevenzione delle frodi nel settore del credito al consumo. Inoltre, sarà illustrato il progetto ABI per la digitalizzazione degli assegni.
Giovedì 6 sarà la volta della presentazione del tradizionale Scenario delle frodi informatiche via internet e mobile realizzato da ABI Lab e presentato dal segretario generale Romano Stasi . Tra i relatori, anche Liliana Fratini Passi , direttore generale del Consorzio CBI, che tratterà l’importanza dell’infrastruttura CBI per gli aspetti della sicurezza e dell’efficienza, e Patrick Wynant (Feblfin), che offrirà uno spaccato internazionale portando l’esperienza del settore bancario belga nella gestione della cyber sicurezza.
CONTENUTI CORRELATI

Tutte le novità di Banche e Sicurezza 2018

Per affrontare il nuovo scenario caratterizzato da confini sempre più labili tra sicurezza fisica e digitale, le aziende propongono nuove soluzioni...

Branch Transformation e sicurezza fisica

L’evoluzione della sicurezza fisica nelle banche italiane sotto la spinta del digitale e le nuove misure per il contenimento dei rischi, come il...

Lo zen e l’arte della sicurezza

Nell’ambito del progetto Events in Art di ABIServizi, finalizzato a unire il mondo finanziario con quello artistico, i temi di Banche e Sicurezza...

La sicurezza in 7 passi

Gli account privilegiati sono un obiettivo prioritario della criminalità cyber. Andrea Argentin di CyberArk spiega cosa devono fare le banche per...
ALTRI ARTICOLI

 

Le sei nuove professioni della Banca Intelligente

Per implementare le nuove opportunità dell’Artificial Intelligence servono nuovi professionisti capaci di far interagire mondo fisico e mondo...

 
Pagamenti

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...

 

L'intelligenza artificiale? Rende gli uomini … più umani

Secondo Paul Daugherty, Chief Technology & Innovation Officer di Accenture e uno dei guru mondiali dell'AI, la vera innovazione nasce dalla...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...
Bancaforte TV
Il centro direzionale Green Life di Crédit Agricole a Parma punta su sostenibilità, green e socialità per...