16 Luglio 2018 / 04:58
Banche pronte allo sblocco dei crediti della PA

 
Imprese

Banche pronte allo sblocco dei crediti della PA

di Ildegarda Ferraro - 2 Novembre 2012
Oltre il 60% degli sportelli ha già aderito all'accordo per lo smobilizzo e a quello sugli investimenti delle Pmi. Manca l’ultimo miglio alla fase operativa, in attesa del decreto che recepisce il regolamento operativo del Fondo di garanzia per le Pmi...
“Contiamo che le prime operazioni di smobilizzo dei crediti che le imprese vantano nei confronti della Pubblica Amministrazione cominceranno a essere realizzate entro il prossimo mese di dicembre”. Lo ha chiarito Giuseppe Mussari, Presidente dell’ABI, nel corso della recente audizione al Senato sull’accesso al credito e sugli strumenti di finanziamento delle imprese. Il quadro è ormai quasi completo. La scorsa settimana il Comitato di gestione del Fondo centrale di garanzia per le piccole e medie imprese ha formalizzato il regolamento operativo del Fondo. Si è in attesa di un ultimo tassello, la pubblicazione del decreto con il regolamento.
Intanto, il settore bancario sta facendo la sua parte. Il 63,5% delle banche, in termini di sportelli sul territorio, è pronto a rendere operativo l’accordo per agevolare lo smobilizzo dei crediti delle imprese nei confronti della PA e quello per favorire il finanziamento di progetti di investimento in Italia. Si tratta dei due protocolli sottoscritti il 22 maggio tra l’ABI e le Associazioni di impresa, diretti a sostenere le aziende per quanto riguarda lo sblocco dei crediti della PA e gli investimenti delle Pmi. La lista completa delle banche che hanno già aderito agli accordi è già disponibile da venerdì scorso sul sito dell’ABI. Nel momento in cui il quadro normativo sarà completo le banche potranno procedere per dare avvio alla fase operativa per questi ulteriori aspetti.
I tempi dei pagamenti della PA in Italia sono un tema da non sottovalutare, tanto più in una fase complessa come quella che stiamo attraversando. Basti considerare, per avere un quadro l’insieme, il grafico apparso sul Sole 24 Ore. La procedura per lo sblocco dei crediti riguarda lo stock, se non si lavora per evitare che si riformi lo sforzo non sarà risolutivo.

Smobilizzo crediti PA

Per supportare le Pmi è previsto un plafond di 10 miliardi di euro. I crediti, che possono essere smobilizzati, devono essere certificati come certi, liquidi ed esigibili. L’anticipazione non potrà essere inferiore al 70% dell’ammontare del credito che l’impresa vanta nei confronti della PA e la durata sarà coerente con la data di pagamento prevista. Le imprese che possono accedere al plafond “Crediti PA” sono le Pmi che operano in Italia, definite dalla normativa comunitaria, di tutti i settori. Al momento della domanda non devono avere posizioni classificate dalla banca come sofferenze, partite incagliate, esposizioni ristrutturate o esposizioni scadute – sconfinanti da oltre 90 giorni, nè procedure esecutive in corso. Per le imprese con esposizioni scadute – sconfinamenti da oltre 90 giorni fino a 180, la banca può valutare la realizzazione dell’operazione se il ritardo nel pagamento è imputabile al mancato incasso dei crediti PA.

Progetti investimenti Italia

Anche in questo caso è di 10 miliardi di euro il plafond per il finanziamento delle Pmi. L’intervento è reso possibile anche grazie alla liquidità messa a disposizione dalla Bce, tramite operazioni straordinarie di rifinanziamento con durata fino a 3 anni. A ciò si aggiunge la convenzione tra ABI e CDP con cui quest’ultima mette a disposizione 10 miliardi di euro per il finanziamento delle Pmi.

Convenzione ABI-MEF

Intanto, per facilitare ulteriormente le procedure, il Ministero dell’Economia e delle Finanze e l’Associazione Bancaria Italiana hanno siglato una convenzione che permette l’accesso da parte delle banche e degli intermediari finanziari alla piattaforma elettronica per la certificazione dei crediti verso le amministrazioni pubbliche. Il collegamento tra la piattaforma elettronica pubblica e il sistema finanziario permette a banche e intermediari finanziari di verificare direttamente lo stato del credito, velocizzando e semplificando le procedure di anticipazione o sconto per le imprese fornitrici della PA.
CONTENUTI CORRELATI

IFRS 9, e dopo?

Le banche si stanno preparando all’entrata in vigore del nuovo principio contabile IFRS 9, prevista per gennaio 2018. Ma in che modo cambieranno i...

La parola chiave? Equilibrio

Regole, vigilanza e attività bancaria devono bilanciarsi per assicurare che le banche possano continuare a svolgere il loro ruolo nel sistema...

NPL a livello pre-crisi

Accelerazione del calo delle sofferenze delle imprese nel 2017-2018, con un restringimento dei divari attuali tra dimensioni, settori e aree...

Il Piano di Piacentini per digitalizzare la PA

Approvato il Piano triennale per l'informatica nella pubblica amministrazione 2017-2019 realizzato dall'Agenzia per l'Italia Digitale. Una piattaforma...
ALTRI ARTICOLI

 

Le sei nuove professioni della Banca Intelligente

Per implementare le nuove opportunità dell’Artificial Intelligence servono nuovi professionisti capaci di far interagire mondo fisico e mondo...

 
Pagamenti

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...

 

L'intelligenza artificiale? Rende gli uomini … più umani

Secondo Paul Daugherty, Chief Technology & Innovation Officer di Accenture e uno dei guru mondiali dell'AI, la vera innovazione nasce dalla...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...
Bancaforte TV
Il centro direzionale Green Life di Crédit Agricole a Parma punta su sostenibilità, green e socialità per...