22 Giugno 2018 / 22:59
Bassilichi-Accenture a un passo dal back office Mps

 
Banca

Bassilichi-Accenture a un passo dal back office Mps

di Flavio Padovan - 19 Agosto 2013
Trattative in esclusiva per le due società che hanno presentato un’offerta congiunta per le attività di back office della banca
E’ quasi fatta per la vendita delle attività di back office del Monte dei Paschi di Siena . Se non ci saranno colpi di scena dell’ultimo minuto, ad aggiudicarsi uno dei business più interessanti in palio sul mercato italiano saranno, insieme, Bassilichi ed Accenture . Le due società sono state infatti individuate dal Cda della banca come “joint bidders con i quali continuare la negoziazione in esclusiva”.
A rivelare il nome dei probabili vincitori di una gara a cui hanno partecipato i maggiori operatori del settore è stato Bernardo Mingrone , Cfo di Mps, nel corso della conference call di presentazione dei risultati semestrali di Rocca Salimbeni. L’operazione, infatti, ha significative ricadute sul bilancio della banca e rappresenta uno dei passi previsti nel piano di ristrutturazione presentato alle autorità europee. Nel suo complesso, l’esternalizzazione del back office coinvolge circa 1.100 dipendenti, “in linea con quanto annunciato al mercato e discusso con i sindacati”, ha precisato Mingrone.
La scelta di trattare in esclusiva con il duo Bassilichi-Accenture è la conclusione di un processo di selezione del partner che va avanti da più di un anno, con periodi di serrato confronto tra i pretendenti e la banca, supportata dall’advisor Value. Le condizioni poste dal Monte dei Paschi per il futuro partner sono state giudicate subito molto sfidanti per gli operatori, in particolare – ma non solo – quelle relative alle garanzie occupazionali. In sostanza, Rocca Salimbeni non intendeva realizzare una semplice esternalizzazione che spostasse eventuali problemi ed inefficienze al di fuori del perimetro della banca, ma trovare una soluzione seria e duratura nel tempo con un partner industriale che garantisse livelli di servizio elevati e, insieme, anche una dote di clienti, bancari e non, per assicurare un maggiore volume di attività alla nuova società da costituire. Inoltre, si voleva comunque mantenere una consistente presenza operativa nell’area senese, anche per i riflessi sul territorio, importanti per una banca come il Monte. A luglio, prima dell’ultima selezione, erano rimasti in gioco quattro candidati principali, di cui tre internazionali. La scelta di Bassilichi e Accenture di unire le loro singole proposte sembra essere stata determinante per superare gli altri competitor, offrendo una risposta complessiva più vicina alle richieste della banca.

Un’accoppiata vincente

Nessuna indiscrezione è ancora trapelata sui termini della proposta avanzata da Bassilichi e Accenture, né su come i due partner intendano suddividersi il business e le responsabilità che ne derivano. Bassilichi, tra i principali operatori italiani del Business Process Outsourcing, è storicamente il partner di riferimento del Monte dei Paschi nel back office, con Rocca Salimbeni presente anche nel capitale della società con una quota diretta di circa il 12%. Un legame forte e consolidato che, però, non ha determinato una corsia preferenziale per l’assegnazione. L’alleanza con Accenture, che porta in dote presenza internazionale, rete complementare di clienti ed esperienza maturata in più Paesi, consentirà – se l’operazione andrà effettivamente in porto - di costituire un polo indipendente d’eccellenza nei servizi amministrativi bancari e assicurativi, basato in Toscana ma con respiro europeo. Proprio quello che aveva in mente Fabrizio Viola , Amministrato Delegato di Banca MPS.
CONTENUTI CORRELATI

Il back office sarà digitale

Da funzione operativa a centro di competenza. Anche nel post-trading l’intelligenza artificiale può aiutare a delegare alle macchine alcuni...

Bassilichi punta sull’estero. Ma intanto a Siena…

L’acquisizione della serba Asoft4Solutions apre un nuovo capitolo nelle strategie della società, che vuole espandersi fuori dall’Italia. Ma MPS...

Intesa Sanpaolo Group Services cambia il vertice

Maurizio Montagnese è il nuovo presidente, mentre Francesco Micheli assume la carica di amministratore delegato - direttore generale

L’agosto caldo del back office

L'informazione non va mai in vacanza, soprattutto in periodi di cambiamento come quello attuale. Bancaforte ha continuato ad aggiornare i lettori...
ALTRI ARTICOLI

 

Google Trends: così si capisce dove vanno le banche

Un'analisi mirata delle parole che miliardi di utenti cercano ogni giorno sul motore di ricerca, realizzata da The Financial Brand, consente di fare...

 
Banca

Strumenti innovativi per il lavoro

Da una ricerca di Talent Garden e Bearing Point emergono due importanti consapevolezze. Il ruolo crescente del responsabile HR, al fianco...

 
Banca

Events in Art, verso nuovi orizzonti

L'opera scelta per rappresentare il Forum HR, realizzata da Silvia Mauri, è focalizzata sul lavoro di squadra: persone che pedalano sul tandem per...
Bancaforte TV
Per affrontare la sfida digitale le banche devono adottare nuove strategie e nuovi modelli organizzativi....
Bancaforte TV
Elisabetta Gualandri analizza l’evoluzione del Pilastro 2 e le nuove responsabilità del Cda, sempre più...