21 Febbraio 2019 / 14:25
Branch Transformation e sicurezza fisica

 
Sicurezza

Branch Transformation e sicurezza fisica

di Nils Fazzini (Citel) - 17 Maggio 2018
L’evoluzione della sicurezza fisica nelle banche italiane sotto la spinta del digitale e le nuove misure per il contenimento dei rischi, come il sensore di situazione. L’esperienza di Citel
La mitigazione del rischio e del danno rapina e la sicurezza fisica in genere accompagnano da sempre le banche, che oggi si muovono in chiave di integrazione multimediale e digitale nella rilevazione e gestione dell’evento. I processi informatici che azionano questo tipo di logica non sono fissati rigidamente: possono avere delle varianti da banca a banca ed evolvere nel tempo senza necessità di interventi impiantistici invasivi.
Citel (www.citel.it), specializzata in sicurezza fisica informatizzata, opera su un terreno in cui è sempre più marcata la digital transformation dei processi gestionali. Un approccio che ha permesso di ottenere:
  • passaggi obbligati di gestione dell’evento a prova di inaffidabilità dell’elemento umano,
  • inattaccabilità delle comunicazioni Centro-Filiale su rete dati e protocollo Cei-ABI al massimo livello di compliance e resilienza,
  • piattaforme locali di gestione eventi e non di semplice allarme, a prova di infedeltà di installatori e manutentori in occasione di interventi manutentivi,
  • comunicazioni a prova di manomissione estesa fino al campo sensori.
Il caso della rapina è notoriamente complesso. La diffusione di macchine erogazione e soprattutto di cash-in/out, in grado di interagire localmente con la piattaforma di Citel, ha dissuaso i criminali dal ricorrere alle minacce verso dipendenti e clienti, diventati quasi irrilevanti. E su questa base è stato possibile mettere a punto e affinare progressivamente piattaforme e processi di gestione della rapina – sia “breve” che “lunga” – grazie alle funzionalità della piattaforma locale, necessariamente oggetto di continuo affinamento con l’accumulazione e la rielaborazione di user experience basata sui grandi numeri, che sono determinanti per ottenere una casistica efficace a scopi predittivi.
L’affinamento dei processi di gestione e di standardizzazione delle piattaforme ha portato al sensore di situazione, un termine coniato da Citel più adeguato del concetto di sensore di allarme quando si tratta di rapina; in pratica è un rilevatore di eventi (e non di semplici allarmi) basato sulla correlazione di una pluralità di input che convergono su una piattaforma (una Cpu dedicata), in grado di interagire con gli apparati di gestione del denaro e con l’impiantistica di sicurezza della filiale per attivare azioni locali, autonome oppure pilotate da control room.
Il sensore di situazione è il paradigma tecnicamente indispensabile per superare le correlazioni semplificate tipiche delle centrali di allarme. Ed è diventato l’elemento centrale di tutti gli sviluppi di digital transformation nei processi di gestione della sicurezza fisica eseguiti negli ultimi anni per una serie di progetti lanciati da grandi banche, non solo in termini di efficacia ma anche per ottenere livelli di normalizzazione e sostenibilità anche nelle fasce intermedie di utenza.
Oltre alla Branch Transformation, Citel ha un’importante presenza nel settore bancario e postale anche nella sicurezza dei grandi edifici, con soluzioni sempre in architettura aperta multifornitore e multifunzione, con la gestione integrata di intrusione, accessi, videosorveglianza, portinerie, allarmi tecnici, safety del personale isolato, incendio; anche combinando la supervisione locale con quella centralizzata e/o con i fornitori di servizi interattivi di security.
A proposito di questi ultimi, la presenza diffusa di sistemi Centrax-Psim tra gli istituti di vigilanza più evoluti ha permesso di concepire applicazioni multimediali in classe PSim (Physical Security Information Management) gestite direttamente dalla società di security per fornire servizi evoluti alle banche le cui dimensioni non giustificano una propria control room.
CONTENUTI CORRELATI

Tutte le novità di Banche e Sicurezza 2018

Per affrontare il nuovo scenario caratterizzato da confini sempre più labili tra sicurezza fisica e digitale, le aziende propongono nuove soluzioni...

In calo rapine e attacchi agli Atm

In occasione del rinnovo del Protocollo d'intesa ABI- Dipartimento Pubblica Sicurezza, Marco Iaconis (Ossif) anticipa alcuni dati dell'Osservatorio...

Violazione dati in calo

Secondo il report di Ibm X-Force, nel 2017 si riducono le violazioni di dati ma il fenomeno rimane importante, soprattutto nel settore dei servizi...

Gdpr, la rivoluzione della privacy

Quali sono i nostri nuovi diritti con l’arrivo del Regolamento europeo sui dati personali? E soprattutto quali i doveri per aziende, piccole e...
ALTRI ARTICOLI

 

Emozioni e nuova fiducia, le banche e il digital marketing

Nella relazione con il cliente il futuro si giocherà sull’intelligenza artificiale, tra chatbot, IoT, mobile, realtà virtuale, strumenti di...

 
Pagamenti

Open Banking, un gateway in-house per UniCredit

Il Gruppo guidato da Mustier ha preferito realizzare al proprio interno la soluzione per la compliance alla PSD2. Per rispondere in modo più efficace...

 
Fintech

Open Banking, oltre la compliance

Per Paolo Zaccardi, CEO Fabrick, le banche italiane stanno ormai completando le ultime attività per il primo test del 14 marzo. Ma la vera sfida...
A differenza di quello che accade nell'area dell'euro, in Italia il funding delle imprese è ancora largamente...
L'open banking è stato al centro di numerose sessione del Salone dei Pagamenti 2018. Sara Marcozzi, Senior...