Newsletter

Clicking moves left

Gli Speciali 2017

 

Forum HR

Cultura e regole nella gestione delle risorse umane, evoluzione sociale e digitale, organzizazione, leve motivazionali, contratti, lavoro...

Unione Bancaria e Basilea 3

L’evento dell'ABI su risk management, capitale e vigilanza europea. 120 relatori, 12 sessioni e una tavola rotonda per fare il punto sulla...

Banche e Sicurezza

Le banche tra sicurezza fisica e digitale, sotto il ritmo incessante della trasformazione tecnologica. Come difendersi dalle nuove minacce?

Funding & Capital Markets

I contenuti della IV edizione dell'evento ABI sugli strumenti di funding a disposizione di banche e imprese, sul mercato dei capitali e...

Dimensione Cliente

Il cliente non cerca più prodotti o servizi ma una Customer Journey. Si muove da questo imperativo la nuova edizione del convegno dedicato...

Forum ABI Lab

Bank to the future - Il viaggio nell'ecosistema digitale di ABI Lab nelle 2 giornate di Milano del 21 e 22 marzo - Le videointerviste e i...

Clicking moves right

Home > Tecnologie

Tecnologie
Invia Stampa
Download illegale: senza MegaUpload è caccia grossa

Download illegale: senza MegaUpload è caccia grossa

Dopo la chiusura del sito di file sharing più frequentato del mondo, il mercato ha ricominciato a operare a pieno ritmo. A quando una retata sui nuovi sei siti leader?
Franco Volpi
Niente da dire. L’operazione messa in atto un mese fa da FBI, Agenzia per la sicurezza informatica Usa e Polizia postale della Nuova Zelanda per arrestare Kim Dotcom, il mitico fondatore di MegaUpload, è stata ben orchestrata. MegaUpload ha rappresentato per anni un successo spettacolare nel campo del web semi-illegale: fino alla chiusura è stato il sito di file sharing più frequentato del mondo, da cui passava e veniva scaricato il 40% del materiale coperto da copyright circolante in rete. E così altrettanto spettacolare è stata l'attività delle forze dell'ordine statunitensi: intercettazioni, casa-quartier generale di MegaUpload circondata dagli agenti, arresto in mondovisione e hacker che per una settimana hanno tenuto sotto scacco il sito dell’FBI per ritorsione (Dotcom in verità si è fatto poi solo un mese di carcere, uscito su cauzione il 21 febbraio).
Risultato? Diversi, e non tutti incoraggianti. Il primo fa pensare: nei tre giorni successivi alla chiusura del sito di file sharing, il traffico internet a livello mondiale ha avuto una flessione del 3%. Un'enormità.
Secondo risultato, uscito ora da uno studio analitico approfondito effettuato dalla società di venture capital DeepField Networks, come spesso succede sul web in questi casi, dopo poche ore di lutto per la scomparsa del sistema pirata la rete se ne è fatta una ragione. E, nel giro di un solo mese, il 75% del traffico precedentemente macinato da MegaUpload si è redistribuito su altri sei siti-leader nella condivisione di file, 4shared, Putlocker, MediaFire, RapidShare, NovaMov e Divxden (si possono vedere le percentuali di redistribuzione del mercato nei chiarissimi grafici pubblicati su http://blog.deepfield.net/2012/02/07/file-sharing-in-the-post-megaupload-era/).
È cambiato l'ordine degli addendi, insomma, e soprattutto i beneficiari delle revenue legate al traffico di chi frequenta e scarica materiale, ma non è migliorato il profilo di legalità nel campo del file sharing. Quasi a dire - anzi, a confermare - che l'attività investigativa e di contrasto in questi meandri della rete serve più che altro per mettere un tappo temporaneo a una falla, o a dare un avvertimento, ma non riesce a portare a una soluzione definitiva.
Non solo: un'inchiesta del New York Times sottolinea come la chiusura di MegaUpload abbia causato problemi seri a tantissime aziende, americane e non, che utilizzavano il sito di file sharing in modo del tutto regolare per il trasferimento dati, come se fosse una sorta di cloud. Insomma, non per scaricare film o file musicali coperti da copyright, passione suprema di milioni di hacker, ma semplicemente per trasferire tra colleghi o a clienti file troppo pesanti per "passare" attraverso il normale canale della mail aziendale. Una funzione secondaria, ma a quanto pare non marginale di MegaUpload come di tanti altri siti di file sharing (molto usato in Italia è l'essenziale YouSendit, per esempio), che le aziende e chi lavora da remoto utilizzano abitualmente per trasferire file da diversi mega o per stoccarli temporaneamente. "MegaUpload, work or entertainment?" ("Lavoro o passatempo"), si chiede infatti il quotidiano statunitense. In entrambi i casi, morto MegaUpload, le alternative non mancano. Fino alla prossima retata...
20 Febbraio 2012

Articoli correlati

 

  • Le strategie per il canale mobile

    I servizi mobile stanno evolvendo rapidamente sotto la spinta della preferenze di utenti sempre più always on e abituati ad App evolute. Federico...

Guida Tassazione 2017

Sullo scaffale

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

In 640 pagine, il panorama più esauriente delle 28.000 filiali e dei 1.400 negozi finanziari operanti in Italia, contenente le principali informazioni ...

Convegni ABI

CREDITO AL CREDITO 2017

CREDITO AL CREDITO 2017

Roma, Palazzo Altieri - 26 e 27 ottobre 2017