17 Luglio 2018 / 21:16
Essere imprenditori di se stessi

 
Banca

Essere imprenditori di se stessi

di Adriano Maestri - 14 Giugno 2011
Dare ai giovani strumenti concreti e aderenti alla realtà per imparare a gestire la propria vita economica. Ecco l'obiettivo delle lezioni che si sono svolte alla Settimana dell’educazione finanziaria, organizzata a Torino da Intesa Sanpaolo, PattiChiari e Fondazione per la Scuola
È inconsueto che la Sala delle Aste di Intesa Sanpaolo in via Monte di Pietà ospiti degli studenti, ma in questi giorni l’inconsueto è diventato una bella consuetudine, perché in quella sala si sono svolte le lezioni della “Settimana dell’educazione finanziaria”, organizzata da Intesa Sanpaolo, PattiChiari e Fondazione per la Scuola, a vantaggio delle scuole secondarie di primo grado di Torino e provincia. Dare educazione finanziaria significa anzitutto dare nozioni fondamentali che ci accompagneranno per tutta la vita, non solo dal punto di vista finanziario, ma anche dal punto di vista economico. Imparare a fare delle scelte economiche consapevoli dovrebbe quindi rappresentare una priorità nella formazione culturale di ogni persona, ma la realtà dei fatti purtroppo è diversa.
In Italia, come del resto negli altri Paesi, la crescita dell’educazione finanziaria è generalmente legata ad eventi negativi come la recente crisi economica o il crollo dei mercati azionari di una decina d’anni fa. Solamente di fronte a circostanze di grande impatto mediatico le persone capiscono che occuparsi di questi temi è importante, anzi è decisivo.

Lezioni coinvolgenti

È necessario dunque concentrarsi sulla formazione delle generazioni future, in modo da rendere l’economia non più seriosa e noiosa, ma interessante, coinvolgente e davvero prossima alla gente, un compito che deve essere svolto da chi è in grado di sostenere con strumenti e competenze adeguate e il più precocemente possibile la formazione di una coscienza economica.
Competenza e capacità di gestione sono due termini chiave per comprendere a fondo l’essenza della Settimana dell’educazione finanziaria e l’impegno nei confronti dei ragazzi: l’obiettivo non è calare dall’alto una serie di termini e concetti che sarebbero sicuramente dimenticati in breve tempo, ma dare degli strumenti concreti e strettamente aderenti alla realtà che possano essere utilizzati per gestire tutta la propria “vita economica”.
L’obiettivo della Settimana dell’educazione finanziaria non è solo quello di spiegare ai ragazzi il ruolo della banca e dei servizi bancari, ma di proporre anche i temi del credito, del risparmio, dei rischi legati agli investimenti, del sovra-indebitamento e della previdenza e di stimolare in loro l’attitudine ad interessarsi fin da giovani alla gestione delle proprie risorse economiche. Così, attraverso un ragionamento sulle entrate e le uscite del bilancio familiare, sulla differenza tra il costo di un oggetto ed il suo valore, sull’importanza del risparmio per affrontare gli imprevisti della vita, gli studenti sviluppano una prima consapevolezza sul ruolo che il denaro potrà avere nel loro futuro. Si tratta quindi di dare ai giovani le competenze per essere imprenditori di se stessi e imparare a gestire con consapevolezza e capacità di scelta gli accadimenti della vita, che inevitabilmente hanno una ricaduta economica.

Test positivi

La strada intrapresa sembra essere quella giusta: i primi dati dimostrano che il programma didattico riesce a stimolare nei ragazzi un approccio più corretto e consapevole nei confronti delle tematiche finanziarie, facendoli familiarizzare con nozioni di concreta utilità nella vita quotidiana che integrano in modo innovativo l’offerta didattica dei consueti programmi. I questionari di valutazione sottoposti, prima e dopo le lezioni, agli oltre 200 studenti che hanno preso parte alla fase test, hanno confermato l’efficacia del metodo di apprendimento adottato.
È più che raddoppiato, ad esempio, il numero di studenti che esprime con esattezza il concetto di finanza, mentre è cresciuto del 22% il numero dei ragazzi che sa come funziona una carta di credito prepagata. Si registrano poi notevoli miglioramenti anche per quanto riguarda il concetto di bilancio famigliare, correttamente identificato dall’88% degli studenti.
CONTENUTI CORRELATI

Banche, attenzione alla Generazione Z !

Una ricerca Usa dice che troppo digital marketing è stato rivolto ai Millennials, la generazione dei 21-34enni, perdendo di vista i loro “fratelli...

I pagamenti a Monopoli sono contactless

Lo storico gioco dice addio al contante per passare alle moderne carte di credito c-less. Un segnale importante dell’evoluzione del concetto di...

Torna il Festival della Cultura Creativa

Si svolgerà dal 2 all’8 maggio la terza edizione della manifestazione per bambini e ragazzi organizzata dall'ABI e dalle banche. In 50 città...

Catania, 5 giorni dedicati a banche e territorio

Nuova tappa dell’iniziativa ABI all’insegna dell’arte, dell'educazione finanziaria e dei dibattiti su economia, imprese e banche. In programma...
ALTRI ARTICOLI

 
Banca

People-First Strategy, i 5 passi da compiere

Nei prossimi anni anche nelle banche cambieranno skill e professionalità, con attività destinate a sparire o a essere automatizzate e altre, nuove,...

 

Le sei nuove professioni della Banca Intelligente

Per implementare le nuove opportunità dell’Artificial Intelligence servono nuovi professionisti capaci di far interagire mondo fisico e mondo...

 
Pagamenti

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...