14 Dicembre 2018 / 20:30
Fintech goes to Italy

 
Fintech

Fintech goes to Italy

di Mattia Schieppati - 2 Agosto 2018
Tra le novità 2018, il Salone dei Pagamenti chiama a raccolta dal 7 al 9 novembre l’ecosistema delle start-up che operano nei servizi finanziari e nel mondo payment. Dando vita, insieme a Fintech District, a un “incubatore temporaneo” in un apposito spazio di aggregazione, dove favorire il networking e produrre innovazione ...
Sarà una sorta di “incubatore temporaneo”. Con uno spazio fisico dedicato, la Fintech Glass Room, che ospiterà un serrato programma di Pitch Sessions delle start-up e di networking meeting, e dove più in generale per tre giorni – dal 7 al 9 novembre – il mondo del Fintech italiano avrà una casa in cui incontrarsi, confrontarsi, discutere, interagire con quello dei servizi finanziari, ma anche con operatori e “colleghi” provenienti da altri Paesi. Il tutto, of course, in lingua inglese, veicolo di confronto e di business per qualsiasi start-up che guardi – fatto indispensabile - allo scenario internazionale (non fosse altro che per accedere a un mercato di venture capital che in Italia ancora fatica a macinare numeri significativi).
“Fintech goes to Italy” è uno dei progetti più interessanti e innovativi del prossimo Salone dei Pagamenti 2018, un’idea che consentirà di sviluppare un punto di aggregazione per tutta quella galassia di realtà che stanno rivoluzionando l’approccio digital al mondo della banca e dei pagamenti, e troveranno al Salone una possibilità di confronto anche “fisico”. Con l’obiettivo di rafforzare quel tessuto connettivo tra le start-up innovative, che può aiutare a produrre ulteriore innovazione.
Il progetto è stato ideato e sviluppato da ABIEventi in collaborazione con Fintech District, la community aperta lanciata a Milano lo scorso anno (ne abbiamo parlato qui) che fin dalla sua fondazione si è posta come punto di riferimento per il Fintech italiano, un gateway tra start-up e mercato, generando valore aggiunto attraverso la promozione di collaborazioni, networking e open innovation, l’aggregazione dei principali operatori Fintech italiani e dei più importanti partner legati al know-how imprenditoriale e professionale, fornitori di tecnologia e investitori. I tre giorni del Salone costituiranno una “messa in pratica” concreta di questa mission “visionaria” che già costituisce una case history di riferimento nel panorama italiano (sono oltre 60 le start-up che operano in Fintech District).
Grazie al contributo di thought leader, imprenditori e manager del mondo finanziario internazionale e nazionale, infatti, Fintech goes to Italy sarà l’occasione per discutere le prospettive di crescita dell’ecosistema Fintech, insieme ai protagonisti di questo processo. Affrontando quelli che sono oggi i temi strategici e sempre più cruciali del mondo Fintech: dalla necessità di poter agire, appunto, all’interno di un ecosistema e non in ordine sparso, all’accesso ai capitali, dall’integrazione e dal dialogo tra Fintech e Incumbent, fino alle vie per favorire e accompagnare l’internazionalizzazione.
Per le aziende presenti al Salone, ma anche per i visitatori non “specializzati”, sarà l’occasione per conoscere le principali Fintech attive in Italia e le più interessanti iniziative degli operatori stranieri che guardano con interesse al mercato italiano. Ma, soprattutto, con Fintech goes to Italy, il Salone dei Pagamenti si conferma una realtà viva, un contenitore di idee in movimento: davvero “Il futuro passa da qui”, come efficacemente sottolinea il titolo dell’edizione 2018.
CONTENUTI CORRELATI

Deloitte, i punti aperti della Psd2

L'analisi sulle principali novità introdotte dalla Direttiva sui servizi di pagamento e le questioni ancora da definire, legate soprattutto alla...

Salone dei Pagamenti, il bilancio 2018

Oltre 10 mila presenze, decine di novità in anteprima, tanti giovani startupper e giovanissimi studenti. Il Salone si conferma una realtà di...

Epiphany, nuovo approccio per il settore bancario

Soluzioni e servizi, insieme a know how ed esperienza, per la nuova era dell’open banking ...

Per Auriga è il momento della #NextGenBank

Affiancare le banche nel processo di trasformazione digitale, offrendo una piattaforma modulare, con strumenti in grado di modellare il business sulle...
ALTRI ARTICOLI

 
Pagamenti

All’Atm dei bitcoin

Intervista a Federico Pecoraro, tra i fondatori di Chainblock, pioniere in Italia degli Atm per la compravendita delle principali valute nate sul web....

 

L'evoluzione del mercato immobiliare

Quali cambiamenti nell'industria immobiliare? L'analisi di Duff & Phelps, tra dinamicità normativa e valore della consulenza

 

Funding & Capital Markets, la nuova finanza delle Pmi

Le piccole e medie imprese italiane stanno cambiando, come dimostrano i recenti progressi in materia di funding. Con numeri record registrati nel 2018...
Non c'è progresso senza credito. Lo sottolinea Corrado Sforza Fogliani, Presidente Associazione Nazionale fra...
Cesare Colombi, Presidente Assofin, analizza i trend positivi del credito al consumo: il 20% degli italiani vi...