22 Luglio 2018 / 10:47
GPS puntato sui rapinatori

 
Fintech

GPS puntato sui rapinatori

di Flavio Padovan - 12 Agosto 2011
Ancora poco utilizzata in Italia per offrire servizi innovativi ai clienti, la geolocalizzazione trova ampio utilizzo come strumento anticrimine
Banche e GPS, un rapporto ancora tutto da sviluppare. O quasi. Se, infatti, è ancora molto limitato in Italia l’impiego delle tecnologie di geolocalizzazione nell’offerta di servizi al cliente, il tracciamento in tempo reale è utilizzato con successo per rendere più sicuro il trasporto valori e come misura antirapina. Difficile però ottenere particolari sulle varie soluzioni, che devono la loro efficacia anche all’effetto sorpresa nei confronti dei criminali.
Rispetto agli strumenti di difesa tradizionali, i sistemi attivi di protezione che fanno uso del tracciamento offrono il vantaggio di agire all’esterno dell’agenzia, escludendo dunque il coinvolgimento di clienti e personale, e di restare fisicamente in contatto con i valori per tutto l’iter della rapina.
Come dimostra anche l’esperienza di Simepro, da anni in prima fila in questo settore, soluzioni come Security- Cash possiedono un’efficacia operativa estremamente elevata tale da garantire il ritorno dell’investimento grazie alla riduzione delle perdite relative alla franchigia assicurativa. Un sistema di nuova generazione è proposto dalla multinazionale 3SI Security Systems e si sta rilevando particolarmente efficace: secondo i dati forniti dall’azienda, l’ESP – Eletronic Satellite Pursuit – ha finora aiutato a recuperare oltre 5,2 milioni di dollari di banconote rubate (dati aggiornati a gennaio 2011), contribuendo anche all’arresto di numerosi criminali.
Un discorso a parte merita la georeferenziazione, cioè l’attribuzione a un dato di un’informazione relativa alla sua dislocazione geografica, finora largamente utilizzata dal marketing delle banche, e ora anche dai responsabili della sicurezza per affinare le strategie di protezione.
È il caso di Geocrime Analyst, il servizio progettato da Ossif in collaborazione con G&O, che analizzando la distribuzione geografica di alcuni fenomeni criminosi ai danni delle dipendenze bancarie, permette il monitoraggio del livello di rischio di micro-aree territoriali, migliorando l’efficacia della collaborazione con le Forze dell’ordine.

Altri articoli del servizio:

Smartphone, tablet ma anche Google e Facebook: grazie alla geolocalizzazione siamo sempre osservati 24 ore su 24. E i nostri dati sono in vendita. Con quali rischi?
CONTENUTI CORRELATI

Branch Transformation e sicurezza fisica

L’evoluzione della sicurezza fisica nelle banche italiane sotto la spinta del digitale e le nuove misure per il contenimento dei rischi, come il...

Lo zen e l’arte della sicurezza

Nell’ambito del progetto Events in Art di ABIServizi, finalizzato a unire il mondo finanziario con quello artistico, i temi di Banche e Sicurezza...

In calo rapine e attacchi agli Atm

In occasione del rinnovo del Protocollo d'intesa ABI- Dipartimento Pubblica Sicurezza, Marco Iaconis (Ossif) anticipa alcuni dati dell'Osservatorio...

Rapine in banca, continua il crollo

Sono stati solo 188 i colpi messi a segno nei primi nove mesi del 2017, facendo scendere ulteriormente le rapine del 36,9%. La fotografia di Ossif e i...
ALTRI ARTICOLI

 

Il lato oscuro delle intelligenze artificiali

Gli algoritmi ci stanno regalando conquiste positive in tanti campi, compreso quello della finanza e dei pagamenti. Ma bisogna stare attenti ai...

 
Pagamenti

Nuovo record: oltre il 95% dei clienti usa web e Atm

E' un vero boom per il mobile banking, salito in pochi anni dal 6 al 31%, e per l'Internet banking (dal 42 al 59%). Anche in Italia la user experience...

 

Luciano Floridi: «I pagamenti daranno all’Italia un digital shock»

Il filosofo italiano, docente dell’Oxford Internet Institute e direttore del Digital Ethics Lab, il 7 novembre sarà tra i protagonisti della...
Bancaforte TV
Gli effetti dirompenti della direttiva sul settore saranno al centro dell'edizione 2018, insieme ai nuovi...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...