14 Novembre 2018 / 01:16
La filiale in gioco
Costi & Business 2014

 
Banca

La filiale in gioco

di Maddalena Libertini e Flavio Padovan - 16 Ottobre 2014
Reinventare la filiale, adattandola alle nuove esigenze esperenziali dei clienti e alla necessità di riduzione dei costi e recupero della produttività delle banche. Se ne parla il prossimo 24 ottobre a Roma nel workshop gratuito di Bancaforte a conclusione della seconda giornata di Costi & Business 2014
Diminuire i costi e recuperare profitti senza intaccare la relazione con il cliente. Anzi, rafforzandola con servizi migliori a valore aggiunto e più vicini alle loro nuove esigenze. E’ questa la sfida che le banche devono affrontare nel nuovo scenario digitale ed economico. Una sfida che passa dalla progressiva riduzione dei tradizionali luoghi fisici di contatto a fronte di un miglioramento dell’esperienza attraverso l’introduzione sempre più consistente delle tecnologie e l’evoluzione delle competenze degli operatori. L'occasione per fare il punto sulle strategie con cui le banche italiane stanno procedendo nella razionalizzazione della rete commerciale e sulle opportunità che questo intervento di integrazione del digitale con il fisico offre per ripensare il modello di servizio e una nuova relazione con il cliente è offerto dal workshop gratuito “La filiale in gioco” , che Bancaforte organizza a conclusione della seconda giornata del tradizionale convegno di ABIEventi “ Costi & Business ” (Roma, Scuderie di Palazzo Altieri, 23 e 24 ottobre - per partecipare al workshop, compilate il modulo di iscrizione al seguente link ).

Italia, avanti piano

In Italia la riduzione delle filiali è iniziata da tempo ma, almeno dal punto di vista numerico, con approccio meno decisione rispetto ad altri Paesi europei, in particolare quelli del nord Europa. “Dal 2008 al 2013 gli sportelli sono diminuiti con un tasso dell'1,4% annuo, contro il -2,5% della media europea” spiega Pierluigi Morelli , Divisione Progetti Speciali di ABIServizi. “In questo quinquennio – continua Morelli anticipando a Bancaforte alcuni dati dell'indagine che presenterà al workshop – il criterio guida è stato quello dell'efficienza, ma senza rinunciare al presidio del territorio”. Da una parte, quindi, sono state chiuse le filiali meno frequentate dai clienti, dall’altra si è cercato di preservare quelle dei piccoli comuni dove uno sportello bancario ha una valenza anche sociale. “Per le banche italiane la produttività è un importante driver, ma lo è anche il radicamento nel territorio e la presenza in realtà periferiche”, sottolinea Morelli.
L’esperienza europea mostra però che, una volta messo in moto, il processo di razionalizzazione e decrescita della rete non si ferma, anzi tende ad accelerare. Le banche dei Paesi nordeuropei, che hanno iniziato a ridurre il numero delle loro filiali molto prima dei Paesi latini, hanno ancora dei tassi di decrescita superiori ai nostri, a dimostrazione che una volta che la tecnologia entra nell’uso quotidiano e cambia i modelli di servizio, cambiano rapidamente modalità e dinamiche di relazione con il cliente.

Verso il Light Retail Banking

Al workshop di Bancaforte si analizzeranno anche le strategie più di confine che spingono a ripensare il ruolo dei tradizionali luoghi fisici di contatto, per raggiungere il cliente proprio là dove nasce la sua esigenza di banca.
E' il caso del modello di Light Retail Banking che “propone di fare banca dove la banca non c’è - spiega Umberto Bellorini , Manager di Bain & Company Italy - ovvero in ambiti non tradizionalmente presidiati dalla classica operatività bancaria”. La nigeriana Union Bank, in partnership con operatori di credito al consumo e reti distributive retail, intercetta il cliente nel momento esatto in cui si genera il suo bisogno, ad esempio quando ha necessità di un finanziamento per l’acquisto dell’auto o di un bene per la sua azienda. In questi casi - continua Bellorini - l'operatore raggiunge il cliente in mobilità e la filiale diventa un hub, un centro di coordinamento di quello che accade sul territorio. E quindi l’acquisizione del cliente viene portata all’esterno, mentre la gestione resta all’interno della filiale. “La logica alla base di questo modello – conclude Bellorini - è una valorizzazione dei canali esterni attraverso i partner, un approccio che apre nuove possibilità di sviluppo commerciali e di contatto”.

Reinventare spazi e modelli di servizio

Con la diffusione delle tecnologie digitali e mobili, tutti gli spazi fisici devono essere reinventati ed adattati alle nuove esigenze delle persone che conoscono e praticano abitualmente la multicanalità.
“Dopo la fase di espansione delle filiali, in piena crisi di sistema e di modelli economici, il tema centrale è la necessità di recuperare profitto e le filiali sono sotto i riflettori”, afferma Alberto Pasquini , Presidente CREA International. “Ma ovviamente – continua - il punto è come invertire la rotta in senso virtuoso, valorizzando il capitale umano che presidia i territori passando per un cambiamento di atteggiamenti e linguaggi”. Da anni si sente parlare della sopravvivenza dello spazio fisico rispetto al digitale e di come portare il digitale nel fisico per fidelizzare “ospiti” istruiti e che prima di entrare sono già informati su quello che vogliono, ma necessitano rassicurazione, consigli, chiarezza e lealtà, in due parole valori ed empatia.
Come riuscire a mixare una tecnologia semplice che ancora e sempre andrà spiegata – si chiede allora Pasquini - ma che deve lasciare liberi i professionisti delle filiali di svolgere incarichi consulenziali ai quali prima non potevano dedicarsi e per essere attrezzati ad un confronto con ospiti che vogliono saperne di più, discutendone di persona in una filiale bancaria? “Tutti stanno cercando di capire ed alcuni coraggiosi pionieri sono pronti al rischio lottando contro una serie di oppositori che al cambiamento profondo e al rischio preferiscono rinunciare a favore di un modesto aggiustamento” afferma il Presidente di CREA International, che al workshop porterà l'esperienza maturata in questo campo specifico non solo all'estero, ma anche in Italia, e che ha portato l'azienda a creare meno di un anno fa un Libro bianco dedicato al mondo bancario nazionale.
Tra i relatori del workshop di Bancaforte saranno presenti anche i responsabili di Extrabanca e di Chianti Banca per raccontare in prima persona le scelte fatte in questo campo e le loro strategie future.
L'agenda
Il workshop gratuito “La filiale in gioco” è in programma a Roma, venerdì 24 ottobre, dalle 14 alle 16, presso le Scuderie di Palazzo Altieri. Prenderanno parte all'incontro i seguenti relatori:
Chair: Maria Luisa Giachetti, Direzione Strategie e Mercati Finanziari‐Ufficio Analisi Economiche ABI
- La riduzione degli sportelli in Italia e in Europa: riflettori sui drivers italiani di una scelta comune
Pierluigi Morelli, Divisione Progetti Speciali ABIServizi
- La nuova banca come esperienza empatica
Alberto Pasquini, Presidente CREA International
- Innovare la filiale: da luogo di transazioni a luogo di incontro e relazioni
Paolo Formigoni, Vice Direttore Generale Chianti Banca
- Un approccio sartoriale alle clientela immigrata
Francesco Masera, Vice Direttore Generale e Responsabile Area Commerciale Extrabanca
Alberto Rabbia, Direttore Governance, Operations e Finanza Extrabanca
- Light retail Banking‐come fare banca dove la banca non c'è
Umberto Bellorini, Manager Bain & Company Italy
Per partecipare al workshop, compilate il modulo di iscrizione al seguente link
CONTENUTI CORRELATI

La filiale? È nel visore

Widiba punta sulla virtul reality per proporre un nuovo modello di banca di prossimità e ripensare in chiave digitale la relazione con il cliente. ...

La filale? La porto in salotto

I sistemi sempre più spinti di realtà virtuale, di “banca ibrida” e di voice banking possono essere la strada per dare un nuovo orizzonte...

La banca entra nelle tabaccherie

Intesa Sanpaolo ha presentato a Roma la prima banca di prossimità italiana. Un modello di business innovativo che trasformerà la rete capillare...

Quando in filiale ci accoglie il robot

Si chiamano Pepper, Nao, Sberbasha: sono i droidi, dotati di intelligenza artificiale, che cominciano ad affiancare "gli umani" in diverse filiali...
ALTRI ARTICOLI

 

Essere e benessere

Sviluppo, crescita, miglioramento sono obiettivi pubblici e privati. Tutti puntiamo a stare meglio. nel benessere c’è un po’ di tutto: movimento,...

 
Pagamenti

IBM Open Banking

Supportare il gap tra i sistemi attuali e il nuovo modello Api, aiutando le banche a rispondere alle nuove normative, come la Psd2 ...

 

IBM Open Banking

Supportare il gap tra i sistemi attuali e il nuovo modello Api, aiutando le banche a rispondere alle nuove normative, come la Psd2 ...
Oggi è importante "concettualizzare" l'innovazione e ragionare sulle nuove architetture della relazione che ne...
Lotta al contante per Bancomat Spa, che taglia i costi per le transazioni fino a 15 euro effettuate con...