22 Luglio 2018 / 10:59
M-payment, banche vs Telco

 
Pagamenti

M-payment, banche vs Telco

11 Giugno 2012
In Svezia alle numerose iniziative lanciate nel settore dei micropagamenti da operatori telefonici e indipendenti, un pool di grandi banche risponde unendo le forze
Un gruppo di grandi banche svedesi scende in campo nel promettente settore delll’m-payment con un progetto in diretta concorrenza con gli operatori mobili, che puntano invece ad una piattaforma comune per micropagamenti via smartphone. SEB , Swedbank, Nordea e Handelsbanken , insieme con Länsförsäkringar e Danske Bank , hanno infatti unito le forze per realizzare Swish , un servizio che consente ai privati che dispongono dell’apposita app e del codice identificativo bancario nel cellulare di movimentare denaro fra loro. Il servizio sarà lanciato in autunno. Lo rende noto il quotidiano finanziario Dagens Industri .
Nello stesso tempo, Swedbank ha iniziato i primi test di pagamento mobile in alcune catene di negozi a Stoccolma. Il nuovo sistema si chiama Bart e consente al cliente che dispone nello smartphone della app di lettura dei codici QR (Quick response) di confermare gli acquisti. Il servizio in fase sperimentale è partito a maggio nei grandi magazzini Åhléns, a Stoccolma, e in alcuni supermercati.
Le banche non sono i primi player a consentire pagamenti in mobilità ai consumatori svedesi. Anzi, ci hanno già pensato gli operatori mobili svedesi a lanciare l’m-payment, attraverso la joint venture 4T , formata da 3 Sweden , Telenor e Telia Sonera che punta forte su un servizio analogo, Wywallet, che sta per essere reso operativo proprio in questi giorni. Tramite Wywallet è possibile disporre di un conto nello smartphone che si alimenta tramite banking online e prepagate, con l’obiettivo di consentire ai clienti l’invio di denaro.
Dal canto suo, la piattaforma delle banche Swish è aperta a tutto il mondo del credito. Secondo Carl Molinero , responsabile dei pagamenti mobili di Swedbank, “Più banche aderiscono e meglio è”. Molinero non è preoccupato del vantaggio competitivo degli operatori, che lanceranno la loro piattaforma di m-payment a giugno, prima delle banche. “4T è un concorrente forte, vedremo cosa sceglieranno i clienti. Ma ci vuole tempo per cambiare le abitudini dei consumatori. Per esempio, ci sono voluti anni e anni prima che le carte prepagate prendessero piede”, spiega Molinero.
La piattaforma Bart non si affida ad una particolare tecnologia. “Non sappiamo ancora quale sarà lo standard vincente. Ci sono iniziative di m-payment in tutto il mondo e sono tutte diverse fra loro. Vogliamo testare il sistema e capire cosa pensano i clienti”, aggiunge il manager di Swedbank. Per il momento, le banche si affideranno ai codici QR, ma non è esclusa la prossima adozione dell’Nfc. Entrambi i sistemi implicano che il cliente tenga lo smartphone vicino ad un lettore e che il pagamento venga approvato con il prelievo della somma da pagare.
Il settore dei pagamenti mobile è particolarmente ricco di iniziative in Svezia: oltre a Wywallet, proposto dagli operatori Telco, e a Swish, messo in cantiere dalle banche, sono attivi anche i sistemi Payair (basato su QR Code) e Mollet , l’ewallet di Seamless, operatore svedese che vanta una presenza significativa in India, Pakistan e Sud Africa.

Il 7, 8 e 9 novembre 2018 al MiCo torna Il Salone dei Pagamenti – Payvolution, il più importante evento italiano sull'innovazione e i pagamenti promosso dall'Associazione Bancaria Italiana per favorire lo sviluppo, diffondere la conoscenza e dare spazio alle persone che lavorano per rendere il futuro alla portata di tutti.
Tre giorni di presentazioni, incontri e opportunità per presentare a professionisti e cittadini le tendenze, gli strumenti e le nuove tecnologie dei pagamenti grazie al contributo di esperti del mondo delle Istituzioni, della Pubblica Amministrazione, dell'Accademia e di imprese bancarie e non.
Il futuro passa ancora una volta da qui ed è sempre più sicuro, semplice e trasparente. Ti aspettiamo, la partecipazione è gratuita. Per registrarti clicca qui

#salonepagamenti2018 #payvolution

CONTENUTI CORRELATI

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...

Pagamenti digitali, tutta questione di "esperienza"

Sotto la spinta normativa e dei Millennials, inizia a farsi strada anche in Italia il modello di open banking, l'ecosistema digitale che vede al...

L'Internet of Things entra in banca

Pagare con il proprio smartwatch o con altri indossabili, o addirittura pagare senza accorgersi di farlo, non è più fantascienza. È la realtà che...

Pagamenti innovativi, le banche diventano piattaforma

Deloitte analizza i possibili sviluppi del rapporto tra banche e Fintech nell'ambito dei sistemi di pagamento e lancia la sfida: entrare nella...
ALTRI ARTICOLI

 

Il lato oscuro delle intelligenze artificiali

Gli algoritmi ci stanno regalando conquiste positive in tanti campi, compreso quello della finanza e dei pagamenti. Ma bisogna stare attenti ai...

 
Pagamenti

Nuovo record: oltre il 95% dei clienti usa web e Atm

E' un vero boom per il mobile banking, salito in pochi anni dal 6 al 31%, e per l'Internet banking (dal 42 al 59%). Anche in Italia la user experience...

 

Luciano Floridi: «I pagamenti daranno all’Italia un digital shock»

Il filosofo italiano, docente dell’Oxford Internet Institute e direttore del Digital Ethics Lab, il 7 novembre sarà tra i protagonisti della...
Bancaforte TV
Gli effetti dirompenti della direttiva sul settore saranno al centro dell'edizione 2018, insieme ai nuovi...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...