14 Dicembre 2018 / 21:13
Migranti, più imprese

 
Imprese

Migranti, più imprese

di Sara Aguzzoni - 1 Agosto 2017
I conti small business delle imprese dei Nuovi Italiani crescono del 65% in 5 anni, secondo il Cespi. In testa Cina, Bangladesh, Pakistan ed Egitto. Un conto su tre è di donne ...
Si rafforza l’imprenditoria immigrata in Italia, in cinque anni l’area small business a titolarità immigrata è cresciuta del 65%. Se nel 2010 i conti correnti intestati a imprenditori stranieri erano pari a 74.237, nel 2015 sono risultati 122.494, evidenziando un tasso di crescita medio annuo del 10,5%.
Pari al 4,9% del numero complessivo di correntisti immigrati, i conti correnti con più di 5 anni di anzianità intestati a imprenditori stranieri rappresentano il 37% del totale (il 18% nel 2010), indice di una crescente stabilità del rapporto con la banca. Un conto corrente su tre è intestato a donne.
È quanto emerge dall’indagine dell’Osservatorio Nazionale sull’Inclusione Finanziaria dei migranti, al termine del quarto anno di attività. Prima esperienza nel panorama italiano ed europeo, l’Osservatorio è un progetto pluriennale nato dalla collaborazione fra l’ABI e il Ministero dell’Interno, e gestito dal Centro Studi di Politica Internazionale (Cespi). Obiettivo dell’iniziativa è fornire uno strumento di analisi e monitoraggio costante e organico del fenomeno dell’inclusione finanziaria dei migranti nel Paese, quale condizione necessaria per favorire il processo di integrazione, e supportare così gli operatori bancari nella definizione di strategie integrate. Oltre ad analizzare la relazione tra migranti residenti in Italia e sistema finanziario dal punto di vista dell’offerta e della domanda di servizi e prodotti, l’Osservatorio dedica un focus specifico all’imprenditoria.
Dall’indagine emerge che la popolazione immigrata è sempre più attiva nel lavoro autonomo e nella piccola e media imprenditoria. Un fenomeno complesso e in crescita quello delle imprese create da migranti in Italia, da inquadrare nel contesto più ampio della regolare presenza di stranieri sul territorio, e che si sta rivelando capace di contribuire all’economia del Paese.

L’imprenditoria migrante femminile

Dati interessanti emergono sul fronte dell’imprenditoria a guida femminile, un fenomeno in crescita come confermato dal rapporto curato dal Cespi. Le attività con imprenditrice al vertice rappresentano circa il 32% dell’area small business con titolare straniero (nel 2011 erano il 27%), registrando negli ultimi 4 anni tassi di crescita superiori (mediamente di 5 punti percentuali) rispetto alla media del segmento imprenditoria immigrata nel suo complesso.

Distribuzione geografica e nazionalità

In termini di distribuzione geografica si conferma, per quanto riguarda l’attività imprenditoriale, una maggiore concentrazione di conti correnti presso filiali bancarie nel Nord Italia (67%); il 23% dei correntisti imprenditori sono concentrati nel Centro, il 10% al Sud (in crescita rispetto al 6% rilevato nel 2011).
Dal punto di vista dell’identità nazionale, le comunità con maggiore incidenza dei conti small business sul totale dei conti correnti intestati a cittadini immigrati provengono da Cina (15,1%), Bangladesh (8,7%), Pakistan (8,3%), ed Egitto (4,4%). Le comunità coi maggiori incrementi per titolarità di impresa provengono da Nigeria (+38%), Senegal (+37%), Bangladesh (+34%).
CONTENUTI CORRELATI

Anche le rimesse diventano digitali

Tra le proposte di Western Union: l’app che permette di inviare denaro in tutto il mondo, con più di 300 mila installazioni effettuate, e il mobile...

I nuovi cittadini si fanno imprenditori

In un anno +25% i conti correnti intestati alle piccole imprese gestite da immigrati. Cinesi, egiziane, albanesi, macedoni e pakistane le comunità...

L’inclusione finanziaria passa attraverso la famiglia

La crisi cambia la gestione del risparmio dei nuovi cittadini. Il 75% delle famiglie è titolare di conto corrente in banca o presso BancoPosta....

Rimesse, un mercato da conquistare a colpi di Pos

L’italiana Moneynet ha realizzato, in accordo con Western Union, un nuovo servizio che consente di inviare denaro all’estero usando i Point of...
ALTRI ARTICOLI

 
Pagamenti

All’Atm dei bitcoin

Intervista a Federico Pecoraro, tra i fondatori di Chainblock, pioniere in Italia degli Atm per la compravendita delle principali valute nate sul web....

 

L'evoluzione del mercato immobiliare

Quali cambiamenti nell'industria immobiliare? L'analisi di Duff & Phelps, tra dinamicità normativa e valore della consulenza

 

Funding & Capital Markets, la nuova finanza delle Pmi

Le piccole e medie imprese italiane stanno cambiando, come dimostrano i recenti progressi in materia di funding. Con numeri record registrati nel 2018...
Non c'è progresso senza credito. Lo sottolinea Corrado Sforza Fogliani, Presidente Associazione Nazionale fra...
Cesare Colombi, Presidente Assofin, analizza i trend positivi del credito al consumo: il 20% degli italiani vi...