22 Luglio 2019 / 07:43
Spunta Banca Project

 
Fintech

Spunta Banca Project

di Ildegarda Ferraro - 18 Dicembre 2018
Avanza il progetto basato sulla tecnologia blockchain applicata alla spunta interbancaria: caricati circa 2 milioni di movimenti, due mesi di dati reali per le 17 banche coinvolte
Va avanti Spunta Banca Project, il progetto di applicazione di una blockchain alla spunta interbancaria. 17 banche, pari al 65% del mondo bancario in Italia, sono attivamente partecipi nella sperimentazione, nelle scelte e nelle attività di implementazione della nuova tecnologia distribuita.
Sono stati caricati circa 2 milioni di movimenti, due mesi di dati reali per le 17 banche coinvolte. Le query, ossia le interrogazioni del database per tutti i movimenti di un nodo, si sono attestate su di una performance media di 3,28 secondi. Tra le caratteristiche tecniche dell’applicativo spiccano 20 Flow, smart contract nel mondo Corda, 50 Api service, servizi di Application programming interface, 30 pagine Web. Dal primo ottobre è in corso la fase di test con le 17 banche che stanno effettuando la spunta su base giornaliera.
Il progetto, coordinato da Abi Lab, il Centro di ricerca e innovazione per la banca promosso dall’ABI, ha l’obiettivo di applicare la blockchain ai processi interbancari. E ciò con i partner tecnici Ntt Data e Sia, oltre a Corda di R3 per la piattaforma. Lo scopo è raggiungere trasparenza e visibilità delle informazioni, maggiore velocità di esecuzione delle operazioni e possibilità di verifiche e scambi direttamente sull’applicazione.

La spunta interbancaria

L’ambito di applicazione del progetto è la spunta interbancaria, che verifica la corrispondenza delle attività che interessano due banche diverse, ad esempio operazioni effettuate fra due clienti di due istituti. Tra i principali benefici riconosciuti dagli esperti di spunta: l’esecuzione del riscontro automatico tra transazioni non corrispondenti eseguita sulla base di un algoritmo condiviso; la standardizzazione del processo e del canale di comunicazione unico; la visibilità sulle transazioni tra le parti. Il processo quindi riguarda la riconciliazione dei flussi e delle operazioni che generano scritture sui conti reciproci in Italia e la gestione dei sospesi. Le attività sono relative al colloquio interbancario.

Blockchain – Distributed Ledger Technology

La blockchain permette che i dati non siano memorizzati su di un solo computer, ma siano distribuiti su più nodi, ossia su più macchine collegate tra loro. Un grande database può essere quindi ripartito e la gestione delle transazioni viene condivisa tra più nodi di una rete. Senza poggiarsi su di un soggetto unico centrale questo nuovo paradigma di database distribuiti - la Distributed Ledger Technology (Dlt) - cambia il modo di pensare e progettare le modalità di relazione e lo scambio di valore tra i partecipanti. L'applicazione di tecnologie Dlt contribuisce a migliorare alcuni aspetti specifici dell’attuale operatività, che possono provocare discrepanze complesse da gestire per le banche. Gli Smart Contract sono inoltre un’ulteriore novità in questo panorama: si tratta di componenti software che incorporano regole di esecuzione, che disciplinano il trasferimento di dati e informazioni. Il tipo di blockchain utilizzata è del mondo permissioned, è quindi aperta solo alle banche parte della sperimentazione. E ciò su di una rete dedicata come Sia, non quindi nel mare aperto del web. C’è grande attenzione da parte delle banche per la sperimentazione. L’interesse è percepito anche da banche di altri Paesi.

Il modello organizzativo

Le 17 banche italiane, attive nel progetto, costituiscono il business network. Partecipano attivamente con una visione comune a breve e medio termine. ABI Lab è il business network governor, ha la piena fiducia da parte del business network e si occupa delle regole del processo. Ntt Data è il business network designer e segue lo sviluppo applicativo, grazie alle forti competenze in ambito blockchain. Sia è il business network operator, ha conoscenza approfondita delle dinamiche del settore, è il fornitore dell’infrastruttura di nodi. Corda, sviluppata da R3, si occupa della piattaforma. R3 ha assicurato il proprio sostegno in ogni fase del progetto, rilasciando nuove versioni con bugfixing, sistemando i bug ossia gli errori, e feature, cioè nuove caratteristiche.
Il lavoro si basa sulla versione Enterprise della piattaforma, rilasciata con variazioni e ottimizzazioni messe a punto proprio per il progetto Spunta. Il nuovo processo prevede, nel rispetto della riservatezza, di avere a disposizione canali bilaterali con i quali le controparti possano scambiarsi reciprocamente delle informazioni.
L’obiettivo di medio termine è accompagnare le banche italiane sulla strada di questa tecnologia. Con un nodo in ogni banca sarà possibile immaginare costruzioni innovative applicate a casi specifici.
Per rafforzare ulteriormente questo spirito di collaborazione, Abi Lab è entrato a far parte, in qualità di membro di R3, di un network internazionale di oltre 200 tra le maggiori realtà che nel mondo si occupano di servizi finanziari, aziende ict, banche centrali, autorità di regolamentazione e associazioni di categoria che lavorano insieme sulla piattaforma Corda (vedi box sotto).

ABI Lab e R3 partner per piattaforma blockchain Corda

ABI Lab ha siglato un accordo di collaborazione con l’azienda di software R3 per sviluppare applicazioni e soluzioni innovative sulla piattaforma di blockchain Corda.
R3 è una realtà che aggrega una rete di oltre 200 società di servizi finanziari, aziende tecnologiche, banche, autorità di regolamentazione e associazioni di categoria operanti nel mondo con Corda.
Corda è una piattaforma blockchain, che consente di effettuare transazioni utilizzando smart contract, garantendo al contempo i più alti livelli di privacy e sicurezza. All'inizio di quest'anno, R3 ha lanciato Corda Enterprise, una versione di Corda ottimizzata per soddisfare le esigenze delle istituzioni complesse.
Corda e Corda Enterprise sono la base di un ecosistema di applicazioni interoperabili. Queste app sono costruite dai partner di R3, sfruttando le potenzialità della blockchain per superare le sfide specifiche affrontate dai loro clienti.
R3 sta lavorando a diversi progetti con i suoi partner, tra cui Spunta Banca Project.
Corda di R3 è stata recentemente scelta dal Land Registry del Regno Unito come piattaforma su cui sviluppare un progetto che ha l’obiettivo di rendere il processo di acquisto di una casa nel Regno Unito più veloce, semplice e trasparente.
Pierfrancesco Gaggi, Presidente di ABI Lab, sottolinea: “L’accordo con R3 permette di lavorare insieme a chi costruisce le autostrade tecnologiche di domani, chiarendo le concrete esigenze delle strutture complesse. Spunta Banca Project vede la concreta azione sul campo di 17 banche per la riconciliazione tra banche di transazioni “chiuse” sulla base di un algoritmo condiviso. Crediamo che la collaborazione con R3 possa essere ricca di risposte alle domande di semplificazione, certezza e efficienza dei processi”.
David E. Rutter, Ceo di R3, commenta: "Attribuiamo molta importanza alla collaborazione con ABI Lab, centro di ricerche e innovazione che lavora con le banche in Italia per testare e costruire nuove tecnologie. L'esperienza di ABI Lab sarà inestimabile per R3. Siamo pronti a lavorare con ABI Lab per sviluppare soluzioni di blockchain innovative su Corda che soddisfino le crescenti esigenze dei suoi membri ".
ALTRI ARTICOLI

 
Imprese

Rubrica doGood - Quello Spazio, che ha dato valore al tempo

I progetti sviluppati da doValue con Save the Children presso lo Spazio Mamme di Torre Maura, a Roma, hanno innescato un motore di solidarietà che è...

 
Scenari

Proptech, la voce degli innovatori del mondo immobiliare

Valutazioni basate sui big data, designer che rifanno il look alla casa prima della vendita, mappe in 3d, algoritmi per predire dove converrà...

 
Sicurezza

Banche e minacce cyber, le strategie per difendersi

Paolo Baraldo, System Engineer Fortinet Italia, analizza l'impatto del malware sulle applicazioni bancarie e le nuove sfide che apre la digital...
Per Cristiano Zazzara di S&P la gestione di attività di intermediazione creditizia da parte di operatori non...
Per Giuseppe Lusignani, Vice Presidente Prometeia, le banche italiane stanno lavorando molto per recuperare...