Newsletter

Clicking moves left

Gli Speciali 2017

 

Forum HR

Cultura e regole nella gestione delle risorse umane, evoluzione sociale e digitale, organzizazione, leve motivazionali, contratti, lavoro...

Unione Bancaria e Basilea 3

L’evento dell'ABI su risk management, capitale e vigilanza europea. 120 relatori, 12 sessioni e una tavola rotonda per fare il punto sulla...

Banche e Sicurezza

Le banche tra sicurezza fisica e digitale, sotto il ritmo incessante della trasformazione tecnologica. Come difendersi dalle nuove minacce?

Funding & Capital Markets

I contenuti della IV edizione dell'evento ABI sugli strumenti di funding a disposizione di banche e imprese, sul mercato dei capitali e...

Dimensione Cliente

Il cliente non cerca più prodotti o servizi ma una Customer Journey. Si muove da questo imperativo la nuova edizione del convegno dedicato...

Forum ABI Lab

Bank to the future - Il viaggio nell'ecosistema digitale di ABI Lab nelle 2 giornate di Milano del 21 e 22 marzo - Le videointerviste e i...

Clicking moves right

Home > Banca

Banca
Invia Stampa
Stress Test: fiducia nelle banche italiane

Stress Test: fiducia nelle banche italiane

Secondo il DG dell’ABI Giovanni Sabatini è gestibile l’eventuale gap di capitale che potrebbe emergere dall’analisi della BCE
Flavio Padovan
“Siamo fiduciosi che le banche italiane riusciranno a superare gli stress test senza grossi problemi”. Questa l’opinione di Giovanni Sabatini , Direttore Generale dell’ABI, che in un’intervista rilasciata a Bloomberg Tv ha fatto il punto sullo stato del sistema bancario italiano alle prese con le verifiche che la Banca Centrale Europea sta effettuando prima del passaggio alla vigilanza unica previsto per il prossimo novembre.
Secondo Sabatini è “gestibile” l’eventuale gap di capitale che potrebbe emergere, stimato dal Fondo Monetario Internazionale intorno ai 10-15 miliardi di euro. Le opzioni per colmarlo possono essere diverse e sulla scelta degli strumenti da utilizzare – vendita di azioni, cessioni, ulteriore deleverage - influirà molto la decisione della BCE sui tempi di rientro.
Il direttore generale dell’ABI si è poi soffermato su alcuni aspetti patrimoniali. “Chi ha un capital ratio vicino alla soglia dell’8% è possibile che consideri l’opportunità di rafforzare il capitale”. Ma, ha precisato Sabatini, “le banche italiane sono state oggetto di forti pressioni da parte della Banca d’Italia e hanno fatto i compiti con largo anticipo riguardo la revisione della qualità degli asset. Vedremo probabilmente qualche accantonamento supplementare nel quarto trimestre”.
Più in generale, riguardo le sfide del sistema bancario italiano nel suo insieme, il DG dell’ABI ha indicato il recupero della redditività come obiettivo chiave su cui lavorare. E se, nel breve termine, il taglio dei costi sarà ancora un’esigenza prioritaria, le banche stanno comunque già lavorando per ripensare il modello di business, aggiornando ed evolvendo i propri servizi per cogliere le opportunità offerte dal digitale e dalla rete.
Per l’intervista integrale di Bloomberg TV clicca qui.
14 Febbraio 2014

Articoli correlati

 

  • Un sistema sul crinale

    Il sistema normativo e di business è ancora sul crinale: molte le notizie positive, ma molte anche le incertezze. Ne parla Giacomo De Laurentis,...

Guida Tassazione 2017

Sullo scaffale

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

In 640 pagine, il panorama più esauriente delle 28.000 filiali e dei 1.400 negozi finanziari operanti in Italia, contenente le principali informazioni ...

Convegni ABI

CREDITO AL CREDITO 2017

CREDITO AL CREDITO 2017

Roma, Palazzo Altieri - 26 e 27 ottobre 2017