Newsletter

Clicking moves left

Gli Speciali 2017

 

Forum HR

Cultura e regole nella gestione delle risorse umane, evoluzione sociale e digitale, organzizazione, leve motivazionali, contratti, lavoro...

Unione Bancaria e Basilea 3

L’evento dell'ABI su risk management, capitale e vigilanza europea. 120 relatori, 12 sessioni e una tavola rotonda per fare il punto sulla...

Banche e Sicurezza

Le banche tra sicurezza fisica e digitale, sotto il ritmo incessante della trasformazione tecnologica. Come difendersi dalle nuove minacce?

Funding & Capital Markets

I contenuti della IV edizione dell'evento ABI sugli strumenti di funding a disposizione di banche e imprese, sul mercato dei capitali e...

Dimensione Cliente

Il cliente non cerca più prodotti o servizi ma una Customer Journey. Si muove da questo imperativo la nuova edizione del convegno dedicato...

Forum ABI Lab

Bank to the future - Il viaggio nell'ecosistema digitale di ABI Lab nelle 2 giornate di Milano del 21 e 22 marzo - Le videointerviste e i...

Clicking moves right

Home

Invia Stampa
Ue, retailer online frenati dalla burocrazia

Ue, retailer online frenati dalla burocrazia

La giungla di leggi e regolamenti ostacola l'e-commerce transfrontaliero in Europa. I principali problemi evidenziati in uno studio realizzato da Accenture per conto della European Retail Round Table
Secondo uno studio condotto da Accenture per conto della European Retail Round Table ( www.errt.org ), la Tavola rotonda europea della distribuzione, un quarto dei commercianti europei ritiene che una maggiore efficacia delle vendite online e transfrontaliere in Europa permetterebbe un aumento delle entrate del 25%. Tuttavia, mentre i due terzi (68%) dei commercianti considera che l'espansione del commercio elettronico transfrontaliero in Europa sia un mezzo o una strategia prioritaria per la crescita, la ricerca rivela che molti faticano a destreggiarsi tra le varie leggi, regolamenti e pratiche locali.

Il 40% dei cittadini Ue fa acquisti online

La crescente disponibilità dei consumatori europei a utilizzare canali digitali come parte della propria esperienza di acquisto sta spostando l'impegno dei commercianti verso la fornitura di operazioni on line transfrontaliere efficaci in Europa e sta facendo aumentare le loro ambizioni di conseguire maggiori entrate in questo settore. Ad esempio, una relazione della Commissione europea nel 2011 indicava che il 40% degli acquirenti dell'Unione europea utilizza Internet per acquistare beni e servizi. Inoltre, secondo lo studio di Accenture, il 76% dei commercianti che hanno partecipato all'inchiesta riferiscono che i clienti multicanale spendono di più rispetto a coloro che utilizzano un solo canale di acquisto e un terzo ha riportato che i clienti multicanale spendono almeno il 26% in più rispetto a quelli che utilizzano un solo canale di acquisto.

Babele di leggi nell’Ue

I partecipanti alla ricerca hanno citato quelle che seguono come le principali sfide da affrontare per avere successo nelle vendite online transfrontaliere:
- La differenza tra le leggi sulla restituzione della merce - nominata da quasi la metà (47%)
- Difficoltà nella gestione efficiente della restituzione della merce a livello transfrontaliero (44%)
- I due quinti (42%) dei partecipanti hanno sottolineato i costi legati all'osservanza di leggi nazionali diverse in materia di transazioni con i consumatori, quali la vendita a distanza o il trasferimento di dati
- Per la stessa percentuale di partecipanti (42%) una delle principali sfide è rappresentata dalle differenze tra le normative sul lavoro e la stessa percentuale ha indicato i costi legati all'osservanza di diverse normative fiscali nazionali
- Un terzo (34%) ha identificato una sfida nelle diverse aliquote Iva tra i mercati e nei colloqui con i commercianti è emersa una preoccupazione a ciò correlata: l'osservanza del requisito secondo il quale l'IVA deve essere dichiarata tramite le aziende locali registrate.
- Il 38% dei commercianti ha anche indicato come sfida da affrontare per avere successo nelle vendite transfrontaliere tramite commercio elettronico le differenze tra le leggi in materia di imballaggio ed etichettatura. I commercianti che possiedono un solo magazzino per il proprio negozio e per le proprie operazioni online devono apporre la stessa etichetta su tutta la merce, in più lingue, indipendentemente dalla specifica destinazione delle merci. Uno dei commercianti che ha partecipato allo studio di Accenture ha ipotizzato un costo aggiuntivo di "milioni" per la stoffa necessaria a stampare le etichette e ha affermato che la sua società avrebbe dovuto scegliere tra "un aumento dei prezzi oppure una perdita nella redditività". Inoltre, mentre molti mercati europei richiedono semplicemente ai commercianti di dichiarare la quantità di imballaggio utilizzata ogni anno, in altri mercati è necessario indicare informazioni dettagliate sull'imballaggio a livello del singolo prodotto.

Necessari nuovi modelli operativi

"L'opportunità di accrescere le vendite online transfrontaliere in tutta Europa è irresistibile, ma per coglierla e avere successo i commercianti devono concentrarsi sulla creazione di modelli operativi innovativi e a basso costo che combinino l'agilità e la flessibilità di pratiche on line con la forza del marchio e la praticità delle attività basate su negozi fisici", ha affermato Janet Hoffman, Amministratore delegato del settore Commercio al dettaglio di Accenture . "Cominciamo a vedere i commercianti spostarsi da una posizione difensiva, concentrata sul proteggere la propria fetta di mercato e sullo sfruttare le possibilità multicanale offerte dal mercato nazionale a una posizione più offensiva mirata ad affrontare le sfide transfrontaliere in Europa".
"I consumatori europei si stanno digitalizzando sempre più; utilizzano smartphone e social network, hanno accesso a livelli di informazioni senza precedenti", ha affermato Juan Manuel Rebollo, Dirigente superiore e direttore delle attività al dettaglio di Accenture in Europa, Africa e America Latina . "Vediamo commercianti che registrano ottimi rendimenti investire nella tecnologia per snellire e gestire le differenze transfrontaliere in Europa. Questo investimento giocherà un ruolo cruciale nel superare le difficoltà operative, normative e legali che li aspettano".
Maggiori dettagli sulle opportunità e sfide collegati al commercio elettronico transfrontaliero in Europa sono approfonditi nello studio di Accenture: " European Cross-border E-commerce: The Challenge of Achieving Profitable Growth ".
23 Gennaio 2012

 

Guida Tassazione 2017

Sullo scaffale

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

In 640 pagine, il panorama più esauriente delle 28.000 filiali e dei 1.400 negozi finanziari operanti in Italia, contenente le principali informazioni ...

Convegni ABI

CREDITO AL CREDITO 2017

CREDITO AL CREDITO 2017

Roma, Palazzo Altieri - 26 e 27 ottobre 2017