10 Dicembre 2018 / 21:28
 

 
Imprese

A CRIF il 30% di Nomisma

di Flavio Padovan - 18 maggio 2015
Il nuovo azionista permetterà lo sviluppo di nuovi Osservatori e una maggiore proiezione internazionale. Interessanti le sinergie che si attiveranno con CRIF in particolare nei servizi immobiliari. La società di studi economici manterrà indipendenza

CRIF entra in Nomisma e ne diventa il primo azionista nonché unico socio industriale. L'annuncio dell'operazione è stato dato nel corso dell'assemblea della società specializzata in studi economici e consulenza che ha approvato il bilancio, il primo positivo dopo 5 anni di rosso.

Per CRIF, che ha acquisito una quota del 30%, si tratta di un investimento finalizzato a sviluppare future partnership industriali. Nomisma – spiega un comunicato della società - manterrà una totale e immutata indipendenza operativa. In particolare l'ingresso di CRIF nell'azionariato permetterà di sviluppare nuovi Osservatori, a partire dalla filiera agroindustriale, di studiare nuovi sviluppi per la ricerca economica con una proiezione sempre più internazionale.

“Oggi è una giornata importante per Nomisma – ha commentato il presidente di Nomisma, Piero Gnudi - perché oltre ad approvare un risultato di bilancio positivo, che registra dopo 5 anni di perdite, anche consistenti, il raggiungimento degli obiettivi fissati nel piano di turnaround, con un aumento del fatturato prossimo al 20% e un utile di circa 80.000 euro, diamo il benvenuto ad un azionista di standing internazionale, che ci supporterà nella crescita di tutti i settori di attività e, in particolare, nell’ambizioso progetto di rilancio sul tema della politica industriale avviato lo scorso anno”.

Nomisma, fondata nel 1981 a Bologna, è una società indipendente che realizza attività di ricerca e consulenza economica. Oggi l'azienda presidia molti ambiti dell’economia - valutazione immobiliare, rigenerazione urbana, economia agroalimentare, economia territoriale, economia sociale, assistenza tecnica - offrendo i propri servizi al settore pubblico, alle imprese private, ai gruppi bancari e alle associazioni di categoria. Per le sue attività si avvale del lavoro di oltre 50 professionisti e sono più di 70 gli azionisti presenti nel suo capitale.

Per Carlo Gherardi, presidente di CRIF, “le competenze e l’indipendenza di Nomisma sono gli asset su cui CRIF ha scelto di investire attraverso questa alleanza strategica. Da parte nostra portiamo in dote il più ricco patrimonio informativo disponibile in Italia sul credito e sulle imprese oltre ad una presenza diretta in più di 20 Paesi. Nomisma, grazie alla riconosciuta autorevolezza nella ricerca industriale, ci aiuterà a valorizzare ulteriormente la nostra offerta e a creare ancor più valore per i nostri reciproci clienti. Assieme svilupperemo anche sinergie e massa critica sui servizi immobiliari, un fiore all’occhiello per entrambi e su cui, come per la ricerca, la scommessa comune è proiettare il business su scala globale”.

 

Oggi le banche hanno le carte in regola per aumentare il credito alle imprese e sostenere la ripresa...
David Sabatini, Responsabile Ufficio Finanza ABI, anticipa le principali tendenze del settore del funding che...