21 Settembre 2018 / 04:30
 
accordo

 
Sicurezza

I grandi della tecnologia contro il cybercrime

di Paola Fabi - 14 maggio 2018
Firmato a San Francisco il Cybersecurity Tech Accord, intesa tra 34 operatori internazionali della sicurezza e del digital per contrastare le minacce della rete

Un fronte comune mondiale per contrastare il cybercrime. Sono 34, per ora, le aziende globali specializzate in soluzioni tecnologiche e di sicurezza It che hanno deciso di unire le loro forze in un’intesa, chiamata Cybersecurity Tech Accord. L'accordo firmato a San Francisco ha come obiettivo il miglioramento della sicurezza online e la resilienza in tutto il mondo.

 

Secondo le imprese partecipanti gli attacchi informatici potrebbero causare, entro il 2022, perdite economiche vicine a 8 mila miliardi di dollari, colpendo imprese e realtà di ogni dimensione. Questi gli operatori che hanno aderito fin da subito: ABB, Braccio, Avast, Bitdefender, BT, CA Technologies, Cisco, Cloudflare, DataStax, Dell, DocuSign, Facebook, Fastly, FireEye, F-Secure, GitHub, Guardtime, HP, HPE, Intuit, Juniper Networks, LinkedIn, Microsoft, Nielsen, Nokia, Oracle, RSA, SAP, Stripe, Symantec, Telefonica, Tenable, Trend Micro e VMware. L'accordo rimane però aperto a nuovi firmatari del settore privato, grandi o piccoli e indipendentemente dal settore, precisa una nota ufficiale.

 

Quattro i principi basilari dell’accordo: "difesa forte", "nessuna offesa", "sviluppo delle capacità" e "azione collettiva". Innanzitutto, i membri si impegnano a proteggere tutti gli utenti e i clienti ovunque si trovino – siano essi individui, organizzazioni o Governi – e indipendentemente dalle loro competenze tecniche, dalla cultura, dalla posizione geografica o dalle ragioni degli attaccanti (criminali o geopolitiche). Il secondo punto dell'intesa prevede che cittadini e organizzazioni innocenti verranno protetti dagli attacchi informatici indipendentemente dalla loro provenienza, anche eventualmente di provenienza governativa. Il terzo punto vincola i firmatari a favorie utenti, clienti e sviluppatori nel rafforzare la propria protezione rispetto alle minacce informatiche. Un obiettivo, questo,  che sarà raggiunto offrendo maggiori informazion  e migliori strumenti per comprendere le minacce attuali e future e sviluppare difese adeguate. Nel quarto punto le aziende si dichiarano disponibili a collaborare con altri enti e gruppi che condividono le stesse intenzioni per rafforzare la cyber sicurezza globale.

La regolamentazione delle attività fintech è oggi frammentata e, con riferimento ai fenomeni più nuovi, anche...
Romano Stasi di ABI Lab parla della nuova iniziativa per favorire il dialogo tra banche e start-up...