21 Marzo 2019 / 06:16
 
Progetto senza titolo 2019 03 07T092302.102

 
Pagamenti

I pagamenti P2P diventano interoperabili

di Flavio Padovan - 07 marzo 2019
equensWorldline lancia la prima soluzione pan-europea basata sullo schema SEPA Proxy Lookup (SPL) dell’European Payments Council che facilita i pagamenti mobile person-to-person transnazionali

Rendere i servizi di pagamento mobile person-to-person (P2P) più semplici anche al di fuori del proprio Paese. Questo l'obiettivo del servizio SEPA Proxy Lookup (SPL) lanciato da equensWorldline, controllata di Worldline, che ne ha annunciato l'adozione da parte di un primo provider P2P.

 

Questo nuovo servizio, che crea interoperabilità sicura tra i servizi di pagamento mobile che consento di trasferire denaro tra persone, si basa sullo schema SPL gestito dall’European Payments Council (EPC). equensWorldline è stata scelta come fornitore SPL preferito dal Mobile Proxy Forum, un gruppo di lavoro avviato su richiesta dell’Euro Retail Payments Board (ERPB), per mettere a punto l’interoperabilità paneuropea per le soluzioni P2P.

 

Attualmente i servizi di pagamento person-to-person sono prevalentemente nazionali. Per trasferire denaro via mobile in un altro Paese è necessario uno scambio manuale di informazioni, ad esempio dell'Iban. Un passaggio scomodo che, oltre a frenare l'uso di queste soluzioni, può portare ad errori.

 

Il nuovo servizio SPL di equensWorldline nasce per evitare questi interventi e per offrire una user experience semplificata. Infatti, provvede all’interconnessione dei servizi di lookup presenti nei diversi Paesi al fine di rendere disponibile il numero di cellulare del beneficiario per recuperare l’Iban corretto. Il servizio SPL è un network di routing intelligente che interconnette i diversi fornitori di servizi di P2P e che non rende più necessaria la creazione di un database centrale per la registrazione degli Iban. Inoltre, il servizio è stato progettato per consentire future estensioni, come il supporto di alias aggiuntivi tra cui indirizzi e-mail, il supporto per i merchant payments (B2C) e l’introduzione di servizi a valore aggiunto quali il trasferimento di ricevute elettroniche nel caso di acquisti consumer. Michael Steinbach, CEO di equensWorldline, considera il nuovo servizio SPL una componente importante nello sviluppo dell’ecosistema dei pagamenti paneuropei.

 

“Nonostante la SEPA, assistiamo ancora ad una frammentazione del mercato delle soluzioni europee P2P. Ogni paese ha o sta sviluppando le proprie soluzioni nazionali. Pertanto, sta diventando sempre più importante creare un ecosistema di pagamento paneuropeo di facile utilizzo, in cui i pagamenti transnazionali siano agevoli quanto quelli nazionali. Migliorando la user experience per i pagamenti con cellulare, il servizio SPL svolgerà un ruolo importante per il successo dei Payment Initiation Services PSD2 compliant e che offrono servizi di Instant Payment”.

 

Secondo Etienne Goosse, direttore generale dell’EPC, l’armonizzazione, la concorrenza e l’innovazione in Europa sono i fattori chiave per un ecosistema paneuropeo. “L’obiettivo dell’EPC è la messa a punto di un framework di interoperabilità basato sul servizio SPL che consenta di scambiare in modo sicuro i dati di pagamento P2P a livello paneuropeo. Siamo lieti che equensWorldline, in qualità di fornitore europeo di comprovata esperienza sui servizi di pagamento sicuri ed efficienti, ci aiuti implementando questo nuovo schema di proxy lookup paneuropeo”.

In primo piano
Le fintech hanno bisogno delle banche per sviluppare il proprio business. Lo sottolinea in questa intervista...
Tra i player innovativi e le grandi imprese è più vantaggioso instaurare una relazione collaborativa...