23 Luglio 2018 / 02:17
Alleanza UniCredit – IBM nei servizi IT

 
Fintech

Alleanza UniCredit – IBM nei servizi IT

di Flavio Padovan - 11 Settembre 2013
Al via V-T Services, joint-venture a maggioranza americana che gestirà l'infrastruttura tecnologica del gruppo bancario. Previsti risparmi per 725 milioni di euro in 10 anni e un forte impulso all'innovazione
Innovazione e riduzione dei costi. Questi i principali obiettivi della joint venture Value Transformation Services ( V-T Services ) costituita da UniCredit e IBM all'interno di una partnership strategica decennale che si propone di creare un nuovo modello di gestione delle infrastrutture IT per il mondo finanziario.
La società, operativa dal 2 settembre, eredita gli asset di Ubis - UniCredit Business Integrated Solutions, società di servizi globali di UniCredit, ma non si occuperà solo della trasformazione e modernizzazione delle infrastrutture IT del gruppo di Piazza Cordusio. Nel mirino di V-T Services c'è in particolare il mercato delle banche medie, soprattutto quelle italiane ancora indietro rispetto all'evoluzione tecnologica e alla transizione al cloud, e la pubblica amministrazione.
Guidata da Giovanni Linzi e Massimo Schiattarella , rispettivamente Amministratore Delegato e Direttore Generale, la nuova società avrà circa 1000 dipendenti, tra esperti di IT e di processi di business, e opererà in 6 Paesi europei: Italia, Germania, Austria, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria. Verona e Monaco le sedi operative più importanti.
Il risparmio netto atteso dal gruppo UniCredit è pari a 725 milioni di euro in dieci anni. ”Ma non si tratta solo di un'operazione di cost saving: avevamo bisogno di un partner con cui condividere e affrontare la complessità e garantirci l'accesso al futuro”, dichiara Paolo Fiorentino , Vice Direttore Generale di UniCredit.
“L’industria europea dei servizi finanziari – continua Fiorentino - ha davanti a sé la grande opportunità di raggiungere nuovi mercati e clienti e, nello stesso tempo, guadagnare un maggior livello di efficienza, sia trasformando i propri processi di business sia gestendo meglio l’infrastruttura di IT. IBM è il più grande fornitore al mondo di servizi di Information Technology – conclude Fiorentino - e noi siamo un leader del settore bancario in Europa. Insieme otteniamo un posizionamento che ritengo unico nel suo genere”.
“L’approccio all’innovazione di UniCredit - aggiunge Erich Clementi , Senior Vice President Global Technology Services di IBM - riflette la motivazione al cambiamento in atto nel mercato del sourcing strategico. Io ritengo che la nuova società rappresenti un catalizzatore in grado di accelerare la trasformazione del settore bancario e che quindi sia idealmente posizionata per aiutare UniCredit a cogliere le opportunità legate alla crescita del business”. Come risultato della trasformazione, che prevede l’introduzione di nuovi modelli di servizio e un’infrastruttura per i data center basata sul cloud, UniCredit otterrà un deciso incremento nell’efficienza e nella flessibilità operativa.
ALTRI ARTICOLI

 

Il lato oscuro delle intelligenze artificiali

Gli algoritmi ci stanno regalando conquiste positive in tanti campi, compreso quello della finanza e dei pagamenti. Ma bisogna stare attenti ai...

 
Pagamenti

Nuovo record: oltre il 95% dei clienti usa web e Atm

E' un vero boom per il mobile banking, salito in pochi anni dal 6 al 31%, e per l'Internet banking (dal 42 al 59%). Anche in Italia la user experience...

 

Luciano Floridi: «I pagamenti daranno all’Italia un digital shock»

Il filosofo italiano, docente dell’Oxford Internet Institute e direttore del Digital Ethics Lab, il 7 novembre sarà tra i protagonisti della...
Bancaforte TV
Gli effetti dirompenti della direttiva sul settore saranno al centro dell'edizione 2018, insieme ai nuovi...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...