22 Luglio 2019 / 16:53
Continua il forte calo delle rapine in banca

 
Sicurezza

Continua il forte calo delle rapine in banca

di Andrea Pippan - 29 Novembre 2016
Scendono ancora di -28,4% le rapine nei primi nove mesi del 2016. La fotografia di Ossif, che alla Giornata della Sicurezza 2016 ha presentato i risultati dell’Osservatorio Intersettoriale sulla Criminalità Predatoria ...
Continuano a diminuire le rapine in banca. Nei primi nove mesi del 2016, infatti, sono stati 298 i colpi compiuti allo sportello, con un calo del 28,4% rispetto ai 416 dello stesso periodo dell’anno precedente. Diminuisce anche il cosiddetto indice di rischio - cioè il numero di rapine ogni 100 sportelli - che è passato da 1,8 a 1,3. È questa la fotografia delle rapine in banca nei primi nove mesi del 2016 scattata da Ossif, il Centro di ricerca dell'ABI in materia di sicurezza, e presentata in occasione della Giornata della Sicurezza 2016 , l’evento dell'ABI che approfondisce i temi della sicurezza in banca e negli altri settori a rischio rapina.

La mappa delle rapine

Nei primi tre trimestri del 2016, le rapine sono diminuite in:
  • Basilicata (-75%, da 4 a 1),
  • Marche (-61,5%, da 13 a 5),
  • Lombardia (-57,3%, da 59 a 52),
  • Umbria (-57,1%, da 7 a 3),
  • Puglia (-50%, da 22 a 11),
  • Abruzzo (-44,4%, da 9 a 5),
  • Lazio (-42,9%, da 56 a 32),
  • Veneto (-41%, da 24 a 14).
  • Toscana (- 31,7%, da 41 a 28),
  • Emilia Romagna (-26,5%, da 49 a 36),
  • Campania (-25,9%, da 27 a 20),
  • Sicilia (-24,6%, da 61 a 46),
  • Calabria ( -16,7%, da 6 a 5).
  • Nessun colpo in banca in Friuli Venezia Giulia, Sardegna, Trentino Alto Adige e Valle d’Aosta. Invariate le rapine in Liguria (solo 9). Aumenti si sono invece verificati in: Molise (2 rapine da 0) e Piemonte (29 rapine da 24).

    Diminuiscono le rapine anche negli altri settori

    Nel corso del convegno sono stati presentati anche i risultati del settimo Rapporto Intersettoriale sulla Criminalità Predatoria, realizzato da Ossif in collaborazione con il Ministero dell’Interno e con il contributo di FIT (Federazione Italiana Tabaccai), Federfarma, Federdistribuzione, Confcommercio, Assovalori, Unione Petrolifera, Anie Sicurezza e Poste Italiane. Dallo studio – che analizza le rapine compiute nel 2015 in banche, uffici postali, tabaccherie, farmacie, esercizi commerciali, locali, esercizi pubblici, imprese della grande distribuzione e distributori di carburanti, mettendo a confronto i diversi settori - emerge che le rapine denunciate in Italia nel corso del 2015 sono state 34.957, con un calo del 10,9% rispetto al 2014 e del 20,1% rispetto al 2013 . Il dato conferma una riduzione dei reati per tutte le categorie analizzate. In particolare, il calo più evidente è registrato per le rapine ai distributori di carburante (-23,4%) e le rapine in tabaccheria (-15,3%).
    Il Rapporto Ossif sottolinea che il trend positivo che ha caratterizzato il fenomeno negli ultimi anni è anche il frutto del lavoro congiunto di banche e Forze dell’Ordine.
    ALTRI ARTICOLI

     
    Imprese

    Rubrica doGood - Quello Spazio, che ha dato valore al tempo

    I progetti sviluppati da doValue con Save the Children presso lo Spazio Mamme di Torre Maura, a Roma, hanno innescato un motore di solidarietà che è...

     
    Scenari

    Proptech, la voce degli innovatori del mondo immobiliare

    Valutazioni basate sui big data, designer che rifanno il look alla casa prima della vendita, mappe in 3d, algoritmi per predire dove converrà...

     
    Sicurezza

    Banche e minacce cyber, le strategie per difendersi

    Paolo Baraldo, System Engineer Fortinet Italia, analizza l'impatto del malware sulle applicazioni bancarie e le nuove sfide che apre la digital...
    Per Cristiano Zazzara di S&P la gestione di attività di intermediazione creditizia da parte di operatori non...
    Per Giuseppe Lusignani, Vice Presidente Prometeia, le banche italiane stanno lavorando molto per recuperare...