Newsletter

Clicking moves left

Gli Speciali 2017

 

Forum HR

Cultura e regole nella gestione delle risorse umane, evoluzione sociale e digitale, organzizazione, leve motivazionali, contratti, lavoro...

Unione Bancaria e Basilea 3

L’evento dell'ABI su risk management, capitale e vigilanza europea. 120 relatori, 12 sessioni e una tavola rotonda per fare il punto sulla...

Banche e Sicurezza

Le banche tra sicurezza fisica e digitale, sotto il ritmo incessante della trasformazione tecnologica. Come difendersi dalle nuove minacce?

Funding & Capital Markets

I contenuti della IV edizione dell'evento ABI sugli strumenti di funding a disposizione di banche e imprese, sul mercato dei capitali e...

Dimensione Cliente

Il cliente non cerca più prodotti o servizi ma una Customer Journey. Si muove da questo imperativo la nuova edizione del convegno dedicato...

Forum ABI Lab

Bank to the future - Il viaggio nell'ecosistema digitale di ABI Lab nelle 2 giornate di Milano del 21 e 22 marzo - Le videointerviste e i...

Clicking moves right

Home > Pagamenti

Pagamenti
Invia Stampa
Guerra elettronica al contante: 1/ L'opinione di Santececca (ICBPI)

Guerra elettronica al contante: 1/ L'opinione di Santececca (ICBPI)

Due dei principali operatori nei servizi di pagamento, ICBPI e Cedacri, commentano per Bancaforte i passaggi della Relazione della Banca d’Italia relativi ai sistemi di pagamento e raccontano l’evoluzione del settore in Italia

Necessario comunicare sicurezza, comodità ed efficienza

Domenico Santececca, Vice Direttore Generale ICBPI

I dati
La Relazione annuale della Banca d’Italia evidenzia l’importanza di incrementare nel nostro Paese la diffusione degli strumenti di pagamento elettronici, più efficienti,sicuri e meno onerosi di quelli cartacei.“L’ancora basso utilizzo di strumenti elettronici in Italia – si legge – non permette di beneficiare appieno delle rilevanti economie di scala sottostanti allo sviluppo dei pagamenti innovativi. Ne deriva anche la difficoltà di applicare politiche tariffarie incentivanti, soprattutto nel comparto dei micro pagamenti”
Le prospettive
Nonostante il miglioramento dello scenario nazionale,con un trend positivo rispetto al 2009, resta evidente il divario rispetto agli altri paesi europei. Il fattore sicurezza incide ancora sull’utilizzo delle carte di pagamento e dei sistemi elettronici.Tuttavia crediamo che l’incentivo maggiore all’uso di strumenti di pagamento alternativi al contante/cartaceo possa arrivare dalla disponibilità di soluzioni alternative: funzionali, efficienti, competitive e, ovviamente, sicure. In ultima analisi è necessario far crescere, nei cittadini, nelle imprese e nelle autorità di governo la consapevolezza che l’uso della moneta elettronica è più sicuro, comodo ed efficiente dell’uso del contante e influisce positivamente sul livello di competitività del Paese e sulla qualità della vita
Le strategie
Il Gruppo ICBPI, che opera nel comparto, tra gli altri,dei servizi di pagamento, ivi compresa la monetica con posizioni di leadership, ha realizzato un percorso di crescita per conseguire dimensioni e massa critiche necessarie a generare quelle economie di scala, riduzione dei costi, efficienza e innovazione che sono le componenti essenziali su cui costruire un’offerta di servizi e prodotti competitivi, sul mercato nazionale ed internazionale, retail e corporate.
Articolo collegato:
Nuove funzionalità incentiveranno l’uso delle carte
28 Luglio 2011

Articoli correlati

 

Guida Tassazione 2017

Sullo scaffale

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

In 640 pagine, il panorama più esauriente delle 28.000 filiali e dei 1.400 negozi finanziari operanti in Italia, contenente le principali informazioni ...

Convegni ABI

CREDITO AL CREDITO 2017

CREDITO AL CREDITO 2017

Roma, Palazzo Altieri - 26 e 27 ottobre 2017