16 Luglio 2018 / 05:00
Il Protocollo 2012 rafforza la collaborazione e la sicurezza
BANCHE E SICUREZZA 2012

 
Sicurezza

Il Protocollo 2012 rafforza la collaborazione e la sicurezza

di Flavio Padovan - 28 Maggio 2012
Rinnovato l’accordo tra ABI e Prefettura di Roma per la prevenzione della criminalità. Tra le novità l’ampliamento delle misure antirapina e una maggiore protezione per i Bancomat. La cerimonia della firma nel corso della sessione plenaria di Banche e Sicurezza, l’evento ABI che ha aperto questa mattina i lavori a Palazzo Altieri
Protezione raddoppiata per gli ATM e incremento delle misure di sicurezza concordate tra ABI, banche e Prefettura Sono queste le principali novità contenute nella nuova versione del Protocollo d’intesa per la prevenzione della criminalità in banca firmato oggi dal Prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro, e dal Vice Presidente dell’ABI, Giovanni Pirovano, nel corso dell’evento Banche e Sicurezza 2012.
“Il Protocollo non è una semplice dichiarazione di intenti, ma uno strumento (vedi anche l'articolo “ La collaborazione è la-miglior-garanzia-di-sicurezza ”) concreto che ha dimostrato sul campo la sua utilità nel contrastare gli attacchi dei rapinatori. Si tratta di impegni precisi che tutti i soggetti coinvolti assumono per migliorare la protezione a livello di sistema” ha dichiarato Marco Iaconis, Coordinatore di OSSIF, il Centro di Ricerca sulla Sicurezza Anticrimine dell’ABI. Il Protocollo, firmato per la prima volta nel 2002, viene ogni anno aggiornato per poter far fronte efficacemente all’evoluzione delle minacce. A tal fine sono utilizzati i risultati dell’attività di ricerca effettuata da OSSIF, che gestisce l’unico data-base di settore che contiene le segnalazioni di rapine e furti ai danni delle dipendenze bancarie provenienti da molteplici fonti (banche, polizia, organi di stampa) e le informazioni sui sistemi di difesa utilizzati.

Le novità del Protocollo 2012

Il nuovo accordo prevede innanzitutto un maggior numero di misure di sicurezza, salite da 14 a 16 con l’introduzione del “sistema anticamuffamento” e della “gestione centralizzata dei mezzi forti”. Particolare attenzione è stata dedicata agli ATM, sempre più nel mirino della criminalità. Per aumentare ulteriormente i livelli di sicurezza di questi dispositivi, il protocollo firmato oggi prevede che tutti i Bancomat siano dotati di almeno 2 misure di sicurezza tra quelle indicate nel documento.

I sistemi di protezione per le agenzie

Con il nuovo Protocollo le banche si impegnano a dotare ciascuna dipendenza - entro tre mesi dalla data di sottoscrizione - di almeno 5 misure di sicurezza tra quelle di seguito elencate:
  • bussola
  • metal detector
  • rilevatore biometrico
  • vigilanza
  • videocollegamento/videosorveglianza
  • sistema anticamuffamento
  • videoregistrazione
  • allarme antirapina
  • sistema di protezione perimetrale attiva/passiva
  • bancone blindato/area blindata ad alta sicurezza
  • dispositivo di custodia valori ad apertura ritardata
  • dispositivo di erogazione temporizzata del denaro
  • gestione centralizzata dei mezzi forti
  • sistema di macchiatura delle banconote
  • sistema di tracciabilità delle banconote
  • formazione anticrimine.
La videoregistrazione è da considerarsi obbligatoria e le banche si impegnano, per le nuove istallazioni, ad utilizzare la tecnologia digitale.

Protezione degli ATM

Compatibilmente con la rischiosità delle singole installazioni, le banche firmatarie sono obbligate a proteggere i propri Bancomat dotandoli, entro sei mesi dalla data di sottoscrizione, di almeno due sistemi di sicurezza tra i seguenti:
  • protezione con impianto di allarme locale e/o remoto connesso a sensori antiscasso/antintrusione
  • blindatura del mezzo forte e/o rinforzo dei dispositivi di riferma
  • rinforzo aggiuntivo della vetrina ove è installato il Bancomat o dello spazio antistante con difese passive quali putrelle, archetti, dissuasori atti ad impedire l’asportazione del mezzo
  • sensori presenza gas e/o dispositivi per impedire l’esplosione
  • dispositivi per localizzare/rintracciare le banconote rubate e/o dispositivi per rendere inutilizzabili le banconote rubate
  • dispositivi attivi per proteggere il locale contenente il mezzo forte e/o la vetrina ove è installato il mezzo forte.
CONTENUTI CORRELATI

Tutte le novità di Banche e Sicurezza 2018

Per affrontare il nuovo scenario caratterizzato da confini sempre più labili tra sicurezza fisica e digitale, le aziende propongono nuove soluzioni...

Branch Transformation e sicurezza fisica

L’evoluzione della sicurezza fisica nelle banche italiane sotto la spinta del digitale e le nuove misure per il contenimento dei rischi, come il...

Lo zen e l’arte della sicurezza

Nell’ambito del progetto Events in Art di ABIServizi, finalizzato a unire il mondo finanziario con quello artistico, i temi di Banche e Sicurezza...

La sicurezza in 7 passi

Gli account privilegiati sono un obiettivo prioritario della criminalità cyber. Andrea Argentin di CyberArk spiega cosa devono fare le banche per...
ALTRI ARTICOLI

 

Le sei nuove professioni della Banca Intelligente

Per implementare le nuove opportunità dell’Artificial Intelligence servono nuovi professionisti capaci di far interagire mondo fisico e mondo...

 
Pagamenti

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...

 

L'intelligenza artificiale? Rende gli uomini … più umani

Secondo Paul Daugherty, Chief Technology & Innovation Officer di Accenture e uno dei guru mondiali dell'AI, la vera innovazione nasce dalla...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...
Bancaforte TV
Il centro direzionale Green Life di Crédit Agricole a Parma punta su sostenibilità, green e socialità per...