Newsletter

Clicking moves left

Gli Speciali 2017

 

Forum HR

Cultura e regole nella gestione delle risorse umane, evoluzione sociale e digitale, organzizazione, leve motivazionali, contratti, lavoro...

Unione Bancaria e Basilea 3

L’evento dell'ABI su risk management, capitale e vigilanza europea. 120 relatori, 12 sessioni e una tavola rotonda per fare il punto sulla...

Banche e Sicurezza

Le banche tra sicurezza fisica e digitale, sotto il ritmo incessante della trasformazione tecnologica. Come difendersi dalle nuove minacce?

Funding & Capital Markets

I contenuti della IV edizione dell'evento ABI sugli strumenti di funding a disposizione di banche e imprese, sul mercato dei capitali e...

Dimensione Cliente

Il cliente non cerca più prodotti o servizi ma una Customer Journey. Si muove da questo imperativo la nuova edizione del convegno dedicato...

Forum ABI Lab

Bank to the future - Il viaggio nell'ecosistema digitale di ABI Lab nelle 2 giornate di Milano del 21 e 22 marzo - Le videointerviste e i...

Clicking moves right

Home > Sicurezza

Sicurezza
Invia Stampa
Il Protocollo 2012 rafforza la collaborazione e la sicurezza
BANCHE E SICUREZZA 2012

Il Protocollo 2012 rafforza la collaborazione e la sicurezza

Rinnovato l’accordo tra ABI e Prefettura di Roma per la prevenzione della criminalità. Tra le novità l’ampliamento delle misure antirapina e una maggiore protezione per i Bancomat. La cerimonia della firma nel corso della sessione plenaria di Banche e Sicurezza, l’evento ABI che ha aperto questa mattina i lavori a Palazzo Altieri
Flavio Padovan
Protezione raddoppiata per gli ATM e incremento delle misure di sicurezza concordate tra ABI, banche e Prefettura Sono queste le principali novità contenute nella nuova versione del Protocollo d’intesa per la prevenzione della criminalità in banca firmato oggi dal Prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro, e dal Vice Presidente dell’ABI, Giovanni Pirovano, nel corso dell’evento Banche e Sicurezza 2012.
“Il Protocollo non è una semplice dichiarazione di intenti, ma uno strumento (vedi anche l'articolo “ La collaborazione è la-miglior-garanzia-di-sicurezza ”) concreto che ha dimostrato sul campo la sua utilità nel contrastare gli attacchi dei rapinatori. Si tratta di impegni precisi che tutti i soggetti coinvolti assumono per migliorare la protezione a livello di sistema” ha dichiarato Marco Iaconis, Coordinatore di OSSIF, il Centro di Ricerca sulla Sicurezza Anticrimine dell’ABI. Il Protocollo, firmato per la prima volta nel 2002, viene ogni anno aggiornato per poter far fronte efficacemente all’evoluzione delle minacce. A tal fine sono utilizzati i risultati dell’attività di ricerca effettuata da OSSIF, che gestisce l’unico data-base di settore che contiene le segnalazioni di rapine e furti ai danni delle dipendenze bancarie provenienti da molteplici fonti (banche, polizia, organi di stampa) e le informazioni sui sistemi di difesa utilizzati.

Le novità del Protocollo 2012

Il nuovo accordo prevede innanzitutto un maggior numero di misure di sicurezza, salite da 14 a 16 con l’introduzione del “sistema anticamuffamento” e della “gestione centralizzata dei mezzi forti”. Particolare attenzione è stata dedicata agli ATM, sempre più nel mirino della criminalità. Per aumentare ulteriormente i livelli di sicurezza di questi dispositivi, il protocollo firmato oggi prevede che tutti i Bancomat siano dotati di almeno 2 misure di sicurezza tra quelle indicate nel documento.

I sistemi di protezione per le agenzie

Con il nuovo Protocollo le banche si impegnano a dotare ciascuna dipendenza - entro tre mesi dalla data di sottoscrizione - di almeno 5 misure di sicurezza tra quelle di seguito elencate:
  • bussola
  • metal detector
  • rilevatore biometrico
  • vigilanza
  • videocollegamento/videosorveglianza
  • sistema anticamuffamento
  • videoregistrazione
  • allarme antirapina
  • sistema di protezione perimetrale attiva/passiva
  • bancone blindato/area blindata ad alta sicurezza
  • dispositivo di custodia valori ad apertura ritardata
  • dispositivo di erogazione temporizzata del denaro
  • gestione centralizzata dei mezzi forti
  • sistema di macchiatura delle banconote
  • sistema di tracciabilità delle banconote
  • formazione anticrimine.
La videoregistrazione è da considerarsi obbligatoria e le banche si impegnano, per le nuove istallazioni, ad utilizzare la tecnologia digitale.

Protezione degli ATM

Compatibilmente con la rischiosità delle singole installazioni, le banche firmatarie sono obbligate a proteggere i propri Bancomat dotandoli, entro sei mesi dalla data di sottoscrizione, di almeno due sistemi di sicurezza tra i seguenti:
  • protezione con impianto di allarme locale e/o remoto connesso a sensori antiscasso/antintrusione
  • blindatura del mezzo forte e/o rinforzo dei dispositivi di riferma
  • rinforzo aggiuntivo della vetrina ove è installato il Bancomat o dello spazio antistante con difese passive quali putrelle, archetti, dissuasori atti ad impedire l’asportazione del mezzo
  • sensori presenza gas e/o dispositivi per impedire l’esplosione
  • dispositivi per localizzare/rintracciare le banconote rubate e/o dispositivi per rendere inutilizzabili le banconote rubate
  • dispositivi attivi per proteggere il locale contenente il mezzo forte e/o la vetrina ove è installato il mezzo forte.
28 Maggio 2012

Articoli correlati

 

Guida Tassazione 2017

Sullo scaffale

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

In 640 pagine, il panorama più esauriente delle 28.000 filiali e dei 1.400 negozi finanziari operanti in Italia, contenente le principali informazioni ...

Convegni ABI

CREDITO AL CREDITO 2017

CREDITO AL CREDITO 2017

Roma, Palazzo Altieri - 26 e 27 ottobre 2017