Newsletter

Clicking moves left

Gli Speciali 2017

 

Forum HR

Cultura e regole nella gestione delle risorse umane, evoluzione sociale e digitale, organzizazione, leve motivazionali, contratti, lavoro...

Unione Bancaria e Basilea 3

L’evento dell'ABI su risk management, capitale e vigilanza europea. 120 relatori, 12 sessioni e una tavola rotonda per fare il punto sulla...

Banche e Sicurezza

Le banche tra sicurezza fisica e digitale, sotto il ritmo incessante della trasformazione tecnologica. Come difendersi dalle nuove minacce?

Funding & Capital Markets

I contenuti della IV edizione dell'evento ABI sugli strumenti di funding a disposizione di banche e imprese, sul mercato dei capitali e...

Dimensione Cliente

Il cliente non cerca più prodotti o servizi ma una Customer Journey. Si muove da questo imperativo la nuova edizione del convegno dedicato...

Forum ABI Lab

Bank to the future - Il viaggio nell'ecosistema digitale di ABI Lab nelle 2 giornate di Milano del 21 e 22 marzo - Le videointerviste e i...

Clicking moves right

Home > Tecnologie

Tecnologie
Invia Stampa
Banche e Fintech, le 12 regole della coopetition

Banche e Fintech, le 12 regole della coopetition

Uno studio di McKinsey evidenzia i 6 punti di forza delle start-up nel business bancario ed assicurativo e i 6 imperativi digitali che le banche devono conoscere se vogliono continuare a essere competitive …
Mattia Schieppati
La prima cosa che le banche devono fare? «Filtrare tutto il “rumore di fondo” che si è creato intorno al tema delle start-up fintech e valutare, in maniera razionale, come la situazione che si presenta nei termini della “competition” può diventare un percorso di “coopetition”, di collaborazione competitiva». Il consiglio, ampiamente documentato (clicca qui per leggere l'articolo), viene da un pool di economisti e analisti di McKinsey (Miklos Dietz, Vancouver; Somesh Khanna, New York; Tunde Olanrewaju, London; Kausik Rajgopal, Silicon Valley) che hanno preso di petto uno dei temi più caldi per l’industry bancaria: la rivoluzione che nuove imprese ad alto contenuto tecnologico (dalle piccole start-up ai giganti come Google e Apple sbarcati nel mondo dei pagamenti) stanno portando nel campo finanziario e assicurativo da secoli presidiato dalle banche “tradizionali”. Due mondi che – osservano gli analisti – non necessariamente devono considerarsi in competizione.
L’approfondimento parte da una considerazione. Quello bancario è da sempre, fin dall’XI secolo, uno dei mondi economici più refrattari (e resistenti) alla disruption, ovvero al cambiamento delle regole e degli scenari. Nessun’altra formula, in quasi mille anni, è riuscita a superare i fondamentali che garantiscono alle banche il loro vantaggio competitivo:
  • la presenza su territorio che significa rapporto di fiducia con i clienti,
  • la possibilità di garantire credito per far crescere l’economia,
  • la sicurezza nella custodia dei capitali.
In aggiunta a ciò, quella che in McKinsey chiamano la “consumers inertia”, ovvero la pigrizia con cui i consumatori affrontano le questioni di finanza personale e il timore verso i cambiamenti. Un elemento psicologico che fino a oggi ha giocato a favore dell’altrettanto diffusa “pigrizia” delle banche nel rinnovarsi e perseguire nuove strade.
«Tanti indicatori però ci dicono che oggi le cose stanno cambiando», dicono gli analisti. «Ad aprile 2015 un censimento globale indicava l’attività di 800 start-up fintech; al 31 dicembre 2015 il loro numero era già salito a 2.000. Non solo: a livello mondiale, venture capital e fondi di equity hanno investito complessivamente 23 miliardi di dollari nello sviluppo di realtà start-up in questo settore, 12,2 miliardi solo nel 2014 (vedi grafico 1). È evidente che qualcosa sta succedendo». In particolare, «sono 5 gli ambiti di business nei quali le banche retail rischiano di perdere, da qui al 2025, dal 10 al 40% del proprio fatturato a favore delle new entry fintech: gestione delle finanze personali, mutui, prestiti alle piccole imprese, pagamenti al dettaglio, wealth management».

Grafico 1 – Gli investimenti in Fintech nel mondo

    Grafico 2 – Le attività “core” delle Fintech

    McKinsey indica i 6 elementi che giocano a vantaggio dei nuovi player fintech e i 6 “imperativi digitali” che le banche tradizionali devono assolvere per non soccombere in questa competizione.

    I 6 punti di forza delle start-up fintech

    1. Elaborazione di modalità nuove e privilegiate di acquisizione dei clienti (attraverso anche l’uso intelligente dei nuovi canali digitali).
    2. Riduzione del costo dei servizi, grazie alla diminuzione del rapporto costo-contatto (per esempio: anche solo l’aver bypassato la necessità di sedi fisiche sul territorio consente un minor “ricarico” di costi sul cliente).
    3. Uso innovativo e mirato dei Big data, orientato al “servizio predittivo”, anticipando cioè le necessità dei clienti e facendo proposte mirate sui bisogni prossimi.
    4. Specializzazione in segmenti specifici. In particolare, le start-up fintech guardano a tre tipi di “popolazioni”: i Millenials, il piccolo commercio i non bancarizzati.
    5. Capacità di sfruttare infrastrutture già esistenti. Le start-up fintech sono partite in anticipo nel tentativo di sfruttare i vantaggi della coopetition, anziché innescare la competizione. L’alleanza con banche tradizionali nel fornire servizi che le banche ancora non coprivano ha permesso loro di crescere e affermarsi.
    6. Gestione del rischio e rapporto con gli enti di regolamentazione. Per McKinsey questo è un punto di potenziale debolezza per i newcomers: «fino ad oggi molte di queste realtà hanno volato molto al di sotto dei radar regolatori», dicono: «quando dovranno attenersi a norme e regole sempre più stringenti, il loro modello di business reggerà?».

    I 6 imperativi digitali per le banche tradizionali

    1. Uso dei dati a disposizione e analisi in maniera olistica, costruendo un ecosistema di dati su ogni cliente, non strettamente legato alle sue necessità bancarie.
    2. Creazione di strumenti di Customer experience funzionali ed accattivanti e abbandono del modello di comunicazione “one-size-fits-all”.
    3. Sviluppo al proprio interno di professionalità sul digital marketing che prendano spunto dei giganti dall’e-commerce.
    4. Abbattimento del costo-contatto attraverso una semplificazione radicale delle procedure, razionalizzazione e digitalizzazione dei processi.
    5. Investimenti per l’acquisizione delle più evolute tecnologie e implementazione di queste ultime nei propri processi, dal mobile al cloud.
    6. Ripensamento delle strutture organizzative esistenti e distribuzione dei poteri decisionali in un’ottica “digital oriented”.

    Grafico 3 – I driven “digital oriented” per le banche

1 Marzo 2016

Articoli correlati

 

  • Una banca molto fintech

    Le banche digitali, come le fintech, partono dal mondo digitale e pongono al centro l'esperienza del cliente. Ne parla Roberto Ferrari, Chief Digital...

Nuovo Contratto bancari

Sullo scaffale

Yearbook AIFI 2017

Yearbook AIFI 2017

L'annuario con tutte le informazioni sul mercato del private equity, venture capital e private debt e degli operatori ...

Convegni ABI

Forum Bancassicurazione 2017

Forum Bancassicurazione 2017

Roma, 28 e 29 settembre 2017