Newsletter

Clicking moves left

Gli Speciali 2017

 

Forum HR

Cultura e regole nella gestione delle risorse umane, evoluzione sociale e digitale, organzizazione, leve motivazionali, contratti, lavoro...

Unione Bancaria e Basilea 3

L’evento dell'ABI su risk management, capitale e vigilanza europea. 120 relatori, 12 sessioni e una tavola rotonda per fare il punto sulla...

Banche e Sicurezza

Le banche tra sicurezza fisica e digitale, sotto il ritmo incessante della trasformazione tecnologica. Come difendersi dalle nuove minacce?

Funding & Capital Markets

I contenuti della IV edizione dell'evento ABI sugli strumenti di funding a disposizione di banche e imprese, sul mercato dei capitali e...

Dimensione Cliente

Il cliente non cerca più prodotti o servizi ma una Customer Journey. Si muove da questo imperativo la nuova edizione del convegno dedicato...

Forum ABI Lab

Bank to the future - Il viaggio nell'ecosistema digitale di ABI Lab nelle 2 giornate di Milano del 21 e 22 marzo - Le videointerviste e i...

Clicking moves right

Home > Banca

Banca
Invia Stampa
L’inclusione finanziaria passa attraverso la famiglia

L’inclusione finanziaria passa attraverso la famiglia

La crisi cambia la gestione del risparmio dei nuovi cittadini. Il 75% delle famiglie è titolare di conto corrente in banca o presso BancoPosta. Dall’Osservatorio nazionale sull’inclusione finanziaria dei migranti ...
Sara Aguzzoni
Cambia la gestione del risparmio delle famiglie migranti per via della crisi, mentre prosegue e si consolida il processo di inclusione finanziaria dei nuovi cittadini, anche se con diverse velocità. Il 75% delle famiglie è titolare di conto corrente in banca o presso BancoPosta. È quanto emerge dall’indagine dell’ Osservatorio Nazionale sull’Inclusione Finanziaria dei migranti nel suo primo anno di attività, presentata a Roma a metà novembre.
Prima esperienza nel panorama italiano ed europeo, l’Osservatorio è un progetto pluriennale (con scadenza a giugno 2014), nato dalla collaborazione fra l’ABI e il Ministero dell’Interno . Il Progetto, finanziato dalla Commissione Europea e dal Ministero dell'Interno (Fondo Europeo per l'Integrazione di cittadini di Paesi Terzi), è stato assegnato sulla base di una gara pubblica al CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale). “ Quando l’integrazione passa anche dallo sportello ” il titolo dell’evento che l'ABI e il CeSPI – con la collaborazione del Ministero dell’Interno – hanno dedicato al tema dell’inclusione finanziaria dei migranti.
“Il nostro Paese ospita un’immigrazione strutturale e rilevante;” - ha detto il direttore generale dell’ABI Giovanni Sabatini in apertura di convegno - “alla luce delle dinamiche demografiche ed economiche, il suo trend di crescita appare evidente: i migranti sono diventati una realtà importante. Quasi 1,8 milioni di conti correnti del nostro sistema finanziario sono intestati ai nuovi italiani. L’evento di oggi vuole essere un contributo concreto che ci consente di favorire l’individuazione di strategie integrate e la necessaria relazione tra i vari soggetti coinvolti, per generare valore per le persone e per il Paese, in termini economici, culturali e di coesione sociale”.
L’Osservatorio intende fornire a operatori e istituzioni uno strumento di analisi e monitoraggio costante e organico del fenomeno dell’inclusione finanziaria dei migranti nel nostro Paese, quale condizione necessaria per favorire il processo di integrazione.
Tre le aree di indagine nel primo anno di attività dell'Osservatorio:
  • il lato dell'offerta col coinvolgimento delle banche italiane e di BancoPosta;
  • il lato della domanda con questionari rivolti a un campione rappresentativo di migranti nelle città di Milano, Roma e Napoli;
  • l'imprenditoria tramite l'analisi di tutte le imprese condotte da immigrati presenti in quattro territori campione (Milano, Bergamo, Brescia e Roma), e focus group dedicati all'imprenditoria femminile (su questo punto vedi l'articolo I nuovi cittadini si fanno imprenditori ).

La famiglia, centro di scelte finanziarie

L’indagine, a carattere innovativo, condotta su un campione rappresentativo di residenti immigrati, approfondisce le strategie della famiglia in quanto “soggetto di scelte finanziarie”. Se analizziamo la presenza e la composizione dei conti correnti in famiglia – intesa come gruppo di persone “allargato”, composto dall’intervistato, dai familiari e includendo anche altre forme di convivenza e relazione di volta in volta segnalate – il 56% delle famiglie possiede un conto corrente presso una o più banche; l’11% possiede un solo conto presso BancoPosta; l’8% è titolare di un conto corrente in banca e uno in BancoPosta. Il 17% ha più di un conto corrente.

Quasi 1,8 milioni i conti correnti dei migranti in Italia

L’indice di bancarizzazione …

Il tema della bancarizzazione riveste un ruolo prioritario nell’inclusione finanziaria dei migranti, essendo un primo passo verso la sua inclusione economica e sociale. Il processo di bancarizzazione, e di conseguenza la sua rilevazione, dipendono da una serie di fattori su cui incidono anche difficoltà dovute alla crisi: la stabilità economica; le dinamiche occupazionali; le dinamiche migratorie verso l’Italia o il rientro in patria dei migranti, e la mobilità della migrazione in Italia; il ruolo degli operatori finanziari dei paesi di origine che optano per strategie di internazionalizzazione dirette ad accompagnare i migranti nei paesi di destinazione.
Rispetto alle 21 nazionalità considerate, pari all’88% degli immigrati residenti in Italia, a fine 2010 il numero di conti correnti intestati a cittadini migranti presso le banche italiane e BancoPosta ammonta a 1.782.426 unità. Considerando solamente la popolazione immigrata adulta (regolarmente residente nel nostro paese) è possibile determinare un i ndice di bancarizzazione pari al 61,2% . Il dato, pur se significativo, risulta però sottostimare la reale inclusione finanziaria degli immigrati in Italia: nel primo anno di attività dell’Osservatorio non è stato infatti possibile comprendere nell’analisi lo strumento delle carte di debito ricaricabili con IBAN, assimilabili per funzionalità ai conti correnti bancari tradizionali, di recente introduzione e particolarmente adatte alle esigenze della popolazione immigrata. Pari a 22 la percentuale di correntisti da più di 5 anni.

… con diverse velocità

In un Paese in cui due stranieri su tre vivono nelle regioni più settentrionali, col 67%, il Nord Italia si caratterizza per un livello di bancarizzazione ben al di sopra della media ; con circa il 53% il Centro; con solo il 21% il Sud. Se si considera la nazionalità, sono egiziani (con l’83%), tunisini (78%), peruviani (76%), cinesi (73%) i più solidi nel processo di bancarizzazione. Dal punto di vista delle differenze di genere, si riscontra un maggiore numero di titolari di conto corrente tra gli uomini (71%) rispetto alle donne (63%). Le donne però mostrano una più elevata capacità di risparmio . Le donne sole hanno più capacità di risparmio degli uomini soli, oltre 37,4% rispetto al 31%, e questo nonostante dichiarino un reddito inferiore.

Le rimesse

7,4 miliardi di euro le rimesse in uscita dal nostro paese nel 2011, con un incremento del 12,5% rispetto al 2010 , secondo i dati Banca d’Italia. Stando all’indagine curata dal CeSPI, l’ ammontare medio inviato pari a 3.000 euro mostra che i migranti ricorrono alla banca per invii di importi superiori ai 1.000 euro, per esigenze e funzionalità diverse dalla rimessa cosiddetta “tradizionale”, inviata periodicamente ai familiari. Nell’invio tramite bonifico bancario, generalmente è meno importante la necessità di rapidità, e meno presente è la componente di risposta a emergenze, mentre crescono le componenti legate all’accumulo del risparmio nel paese di origine per sé o per i familiari e quelle legate alla sicurezza. Stando sempre al canale bancario, la Romania è il paese verso cui si concentra il 32% delle transazioni, seguita dal Marocco (20%), Moldavia e Cina (entrambe 9%), Polonia (8%) e Senegal (5%). Considerando i volumi, è la Cina a canalizzare il flusso più rilevante , pari al 30% dei volumi complessivi del campione.
Dal punto di vista delle banche il valore aggiunto che può essere dato all’intermediazione delle rimesse viene necessariamente dal collocarle all’interno di un più ampio processo di allocazione del risparmio dei migranti, rispetto al quale è necessario creare strategie e prodotti adeguati. A tal proposito è stata recentemente raggiunta un’intesa tra l'ABI e l'ACRI per la realizzazione di iniziative utili a valorizzare le rimesse degli immigrati dall’Italia verso i Paesi d’origine.
17 Dicembre 2012

Articoli correlati

 

Nuovo Contratto bancari

Sullo scaffale

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

In 640 pagine, il panorama più esauriente delle 28.000 filiali e dei 1.400 negozi finanziari operanti in Italia, contenente le principali informazioni ...

Convegni ABI

Forum Bancassicurazione 2017

Forum Bancassicurazione 2017

Roma, 28 e 29 settembre 2017