21 Marzo 2019 / 06:28
Il mercato ha scelto CBI Globe

 
Pagamenti

Il mercato ha scelto CBI Globe

di Flavio Padovan - 22 Febbraio 2019
Per l'adeguamento alla Psd2 circa il 70% del settore bancario italiano, pari a oltre 300 banche, ha aderito alla piattaforma sviluppata dal Consorzio CBI, con Nexi come partner tecnologico
CBI Globe ha colto nel segno. La piattaforma sviluppata dal Consorzio CBI, con il supporto di Nexi come partner tecnologico, è la soluzione di gran lunga preferita dalla banche italiane per il complesso processo di compliance ed evoluzione al nuovo scenario della PSD2.
Secondo i dati comunicati dal Consorzio CBI, hanno aderito a CBI Globe circa 300 banche. E si parla di realtà come Intesa Sanpaolo, Bper Banca, Crédit Agricole, Iccrea, Monte dei Paschi di Siena, UBI Banca, BNL BNP Paribas, Banca Passadore, Credito Emiliano, Credito Valtellinese. E, ancora, tra i Centri Servizi, Phoenix e SEC Servizi che raggruppano ciascuno molteplici banche. A queste si aggiungono ulteriori PSP e soggetti tecnici che portano CBI Globe a coprire, complessivamente, oltre il 70% del mercato bancario italiano.
La piattaforma voluta dal Consorzio CBI emerge dunque come soluzione ampiamente condivisa. Una risposta che, secondo il direttore generale Liliana Fratini Passi, dimostra la consapevolezza dell'industria bancaria italiana sui vantaggi che offre la strada collaborativa sia in termini di contenimento dei costi di compliance sia di innovazione sia di competitività con altri player.
Secondo le stime del Consorzio, infatti, CBI Globe può arrivare a garantire risparmi fino al 40% rispetto all’investimento complessivo altrimenti a carico dell’intero settore bancario italiano per l’adeguamento tecnico alla PSD2. Inoltre, evitando dispersioni e frammentazioni, riesce a promuove un'innovazione collaborativa e una maggiore concentrazione degli investimenti che consentirà alle banche di concorrere anche con i giganti globali non bancari che si affacceranno sul mercato. E per questo CBI Globe si candida, anche a livello internazionale, come progetto concreto di collaborazione in grado di offrire a ciascun aderente soluzioni innovative, sicure e di facile utilizzo a beneficio della clientela finale, senza preclusioni per evoluzioni future.

Le prossime tappe

Le tempistiche di rilascio di CBI Globe – confermano dal Consorzio CBI - sono in linea con quelle richieste dalla normativa. Dal 14 marzo sarà messa a disposizione la sandbox dedicata per l’avvio dei test preliminari con le Terze Parti interessate e verrà pubblicata la documentazione tecnica di dettaglio. Proseguono intanto le attività per rilasciare la piattaforma in produzione dal primo giugno, in coerenza con le tempistiche richieste per la valutazione delle esenzioni dalla

A che punto siamo in Italia in tema di Open Banking?

Le banche italiane stanno portando avanti il complesso processo di compliance ed evoluzione al nuovo scenario della Psd2 e dell'Open Banking, ponendo le basi per lo sviluppo di nuovi modelli di business e di servizio. Bancaforte ha realizzato uno Speciale dedicato a Psd2 e Open Banking, raccogliendo la voce dei protagonisti del mercato bancario e delle aziende di servizi.
Leggi gli articoli:
e le interviste a:
- Vincenzo Fiore di Auriga
- Paolo Zaccardi di Fabrick
- Michele Dotti di Cedacri
realizzazione di una soluzione di fallback solution, ovvero la soluzione di backup richiesta alle banche qualora le interfacce sviluppate tramite API non rispettassero gli SLA di operatività dettate dalle stesse linee guida EBA. Di conseguenza, dal 14 settembre 2019, in linea con la deadline normativa PSD2, le banche di radicamento di conto potranno ricevere flussi dispositivi ed informativi dalle Terze Parti su richiesta dei propri clienti.

Open banking, opportunità da cogliere

PSD2 e Open banking stanno cambiando lo scenario competitivo e di business, aprendo nuove prospettive di sviluppo. Per questo il Consorzio CBI è da tempo impegnato anche su tutti i temi che vanno al di là della compliance normativa, esplorando anche aree di interesse ad oggi non direttamente servite dall’industria bancaria. Tra i temi più interessanti individuati per lo sviluppo di nuovi servizi il Consorzio indica, ad esempio, quelli di Robo Savings planner, Realtime credit scoring per small business e utenza retail, Fatture riconciliate, Cash management internazionale. Oltre, ovviamente, a tutti i servizi a valore aggiunto che potranno essere sviluppati per la Pubblica Amministrazione.
Secondo Renato Martini, Responsabile della Business Unit Digital Banking Solutions, “CBI Globe, iniziativa di cui Nexi è partner tecnologico e di business, è nata per mettere a fattore comune gli investimenti delle banche aderenti e per sviluppare assieme l’opportunità dell’open banking. È realizzata su una piattaforma multibanca che comprende il portale API e i meccanismi che le governano, la gestione del consenso, la gestione della SCA, l’help-desk, la gestione dispute e la reportistica”. Mettere a fattor comune la forza delle banche aderenti, continua Martini, “è un ottimo modo per ridurre i costi e per sviluppare assieme servizi e prodotti innovativi. E a supporto dell’innovazione Nexi mette a disposizione anche le competenze della sua struttura interna dedicata allo scouting di FinTech e progetti di open banking internazionali”.
CONTENUTI CORRELATI

La vera sfida è sui servizi

Secondo Daniele Savarè, Direttore Service Line Payments di SIA, il 2020 sarà l'anno del decollo dell'open banking. E la competizione sarà sulla...

Tradurre l'obbligo in business

Per Vincenzo Fiore, Ceo di Auriga, la PSD2 ha aperto un nuovo scenario e le banche devono accelerare lo sviluppo di servizi evoluti e non solo...

Open Banking, un gateway in-house per UniCredit

Il Gruppo guidato da Mustier ha preferito realizzare al proprio interno la soluzione per la compliance alla PSD2. Per rispondere in modo più efficace...

Open Banking, oltre la compliance

Per Paolo Zaccardi, CEO Fabrick, le banche italiane stanno ormai completando le ultime attività per il primo test del 14 marzo. Ma la vera sfida...
ALTRI ARTICOLI

 
Sicurezza

Il paradosso degli algoritmi, oracoli infallibili o strumenti fuori controllo?

Il ricorso alle intelligenze artificiali sta cambiando in modo dirompente settori come la finanza, il lavoro, la salute, il marketing e in generale le...

 

Intelligenze. Anche artificiali

Intelligenza artificiale in primo piano. Siamo i primi a farci i conti, in privato e negli studi sperimentali. Ma l’intelligenza può essere di...

 

Blockchain trainata dal settore finanziario

Nel 2018 il 48% dei progetti è stato promosso dalle banche e dall'industria finanziaria. Italia terzo Paese a livello europeo per numero di...
Le fintech hanno bisogno delle banche per sviluppare il proprio business. Lo sottolinea in questa intervista...
Tra i player innovativi e le grandi imprese è più vantaggioso instaurare una relazione collaborativa...