17 Gennaio 2019 / 10:20
Usura bancaria: ecco perché gli interessi moratori non si sommano

 
Banca

Usura bancaria: ecco perché gli interessi moratori non si sommano

di Antonio De Simone - 22 Luglio 2015
I punti fermi della giurisprudenza di merito: gli interessi moratori sono sostitutivi e non additivi dei tassi corrispettivi …
All’indomani della nota sentenza della Corte di Cassazione del 9 gennaio 2013, n. 350, a causa di una nota trasmissione televisiva e agli articoli di un quotidiano, è stata raffigurata da molti la teoria secondo la quale, ai fini della verifica dell’usura, gli interessi corrispettivi e gli interessi moratori, contenuti in un contratto di mutuo, devono essere sommati.
Tale tesi, avallata dalle associazioni dei consumatori, ha dato vita ad un nuovo contenzioso “seriale”.
Di qui le contestazioni di molti clienti, spinti da alcune associazioni, sono stati indotti – nella mancanza di una conoscenza specialistica – a credere che in tali contratti fosse stata prevista una forma di usura “implicita”, con la possibilità di ottenere l’applicazione della nullità punitiva di cui all’art. 1815, secondo comma, cc, che prevede la volturazione del finanziamento da oneroso a gratuito.
Tale filone è stato, tuttavia, smentito dalle pronunce dei Tribunali italiani che, via via, hanno negato la possibilità di sommare gli interessi corrispettivi a quelli moratori, con un epilogo netto in favore degli istituti di credito.
Sul tema dell’usura, prendiamo spunto da questi semplici concetti:
  • gli interessi corrispettivi rappresentano la remunerazione del capitale concesso in prestito;
  • gli interessi moratori rappresentano la predetermiazione della misura del danno arrecato al creditore in caso di inadempimento;
  • al momento della scadenza di una rata di un finanziamento, l’originario debito, distinguibile per capitale e interessi corrispettivi, si trasforma in un'unica obbligazione esigibile, sulla quale poi vanno a calcolarsi gli interessi moratori in caso di inadempimento.
Come è andata a finire? I tribunali italiani hanno respinto le domande fondate sull’assunto della sommatoria dei tassi, anche con condanne per lite temeraria nella misura fino al quintuplo delle spese processuali (per un mutuo di 170 mila euro, il cliente è stato condannato al pagamento di euro 52 mila euro per responsabilità processuale aggravata).
In particolare, i giudici hanno affermato che detta metodologia è un errore logico, oltre che giuridico, bollando la azioni giudiziarie quale frutto di “ignoranza normativa e giurisprudenziale” e di “dolo processuale”. I Tribunali hanno così chiarito che giammai la Corte di Cassazione con la sentenza 350/2013 avrebbe sancito che, ai fini della verifica dell’usura, gli interessi corrispettivi devono essere sommati agli interessi moratori, precisando come la Suprema Corte non abbia mai affermato una simile “mostruosità” e come “la condotta attorea denoti la volontà di creare un contenzioso seriale”. Infatti, è stato affermato che gli interessi moratori sono sostitutivi e non additivi dei tassi corrispettivi.
Le condanne alle spese per lite temerarie sono state motivate dalla volontà di punire le azioni meramente strumentali e speculative, che arrecano un danno all’intero sistema giudiziario, anche al fine di stroncare questo inutile contensio seriale.
Sul sito www.expartecreditoris.it, dedicato a supportare le esigenze dei creditori e a fornire un approfondimento sulla gestione del contenzioso bancario, è disponibile un’ampia rassegna giurisprudenziale sul tema dell’usura bancaria, aggiornata con le ultime decisioni dei Tribunali italiani.
(Avv. Antonio De Simone, Direttore Responsabile “Ex Parte Creditoris”)
CONTENUTI CORRELATI

Prestito ipotecario vitalizio, un mercato pronto al decollo

Il Gruppo MutuiOnLine ha recentemente acquisito il 30% di 65Plus puntando sulle potenzialità di crescita di questa soluzione di finanziamento rivolta...

Mercato case, continua la ripresa

Nel 2016 crescono del 19% le abitazioni acquistate ed aumenta la capacità delle famiglie italiane per l’acquisto delle abitazioni. La fotografia...

Airbnb fa boom ma scatena mille problemi

I numeri della piattaforma di affitti brevi fanno discutere. L’Italia, al terzo posto al mondo per offerta di abitazioni, è chiamata a dare una...

Quale sostegno a imprese e famiglie

Ammontano a 139 miliardi le rate sospese a Pmi e famiglie dal 2009. A Credito al Credito 2016, l'analisi e i dati sull’andamento dei finanziamenti...
ALTRI ARTICOLI

 
Fintech

Al Ces di Las Vegas le start-up italiane hanno fatto squadra

Risultati positivi per la missione “Made in Italy, The Art of Technology” promossa da Tilt al Consumer Electronic Show che si è appena concluso...

 
Banca

Ancora in crescita la spesa IT delle banche

Aumentano gli investimenti in tecnologie da parte delle banche italiane. Negli ultimi due anni la spesa IT è cresciuta del 5,7% nel 2017 e dello 0,3%...

 
Pagamenti

Pagamenti internazionali, strategici per e-commerce e Made in Italy

Tra i protagonisti del Salone 2018 Riccardo Costantino di Yoox Net-A-Porter, il colosso dell'e-commerce specializzato nel luxury fashion, con 4.700...
Secondo Riccardo Illy piccolo non è più bello. È necessario crescere, adottando nuove forme di...
Marco Iaconis di Ossif analizza i dati positivi del primo semestre 2018, che ha registrato una diminuzione del...