Newsletter

Clicking moves left

Gli Speciali di Bancaforte

 

Dimensione Cliente 2016

I contenuti dell’evento ABI dedicato alla relazione tra banca e cliente retail. Titolo della nuova edizione: “Banche e distribuzione...

Forum ABI Lab 2016

“Be Digital!” Questo il payoff scelto per la nuova edizione dell'appuntamento che fa il punto sull'evoluzione della tecnologia nel mondo...

Forum CSR

Quali scenari di sostenibilità per imprese e famiglie? Quale ruolo per banche? Riparte da queste domande la nuova edizione del Forum CSR....

Credito al credito

L’evento sul credito alle famiglie e alle imprese. Tra i temi al centro del dibattito: nuovi scenari, iniziative in corso come Crediamoci,...

Forum Banche e PA

La due giorni sull'innovazione nella PA e sui servizi finanziari e bancari ad essa dedicati, con il ruolo chiave delle banche. Un momento di...

La Giornata della Sicurezza

L’evento estende l'approfondimento e il dibattito sulle misure anticrimine anche a farmacie, tabaccai, distributori carburanti, uffici...

Post-Trading & T2S Forum

L’appuntamento di ABIEventi dedicato due temi centrali per il mondo finance: post-trading e T2S. Esperti di istituzioni, banche, società...

Dimensione Social & Web

Il convegno dedicato a social media, web e strumenti innovativi di comunicazione e marketing. Un’occasione privilegiata per un confronto...

CARTE

La voce delle istituzioni, delle banche, dei player, degli esperti per analizzare l'impatto dirompente del digitale nel mondo dei payments

Costi & Business

Videointerviste, immagini, approfondimenti dell'l'evento ABI dedicato al cost management e alle performance di business in banca

Forum Bancassicurazione

Gli esperti del settore si confrontano sulle opportunità e gli approcci che possono consentire al canale bancario di giocare un ruolo...

CRIF Finance Meeting

Solve. Evolve. Dalle norme europee alle opportunità di sviluppo al centro dell'evento CRIF del 6 ottobre a Bologna.

SPIN

Quali scenari per i sistemi e servizi di pagamento? Le risposte alla Conference&Expo dell’ABI del 25 e 26 giugno a Catania. Oltre alla...

Unione Bancaria e Basilea 3

I temi più caldi dell'industria del credito europea: l'avvio del Meccanismo di vigilanza unico, la CRD, Basilea 4, l'Unione dei mercati dei...

Forum HR

Come cambia lo scenario con le nuove regole del lavoro? Quale gestione delle risorse umane? Quali idee, esperienze e soluzioni?

Banche e Sicurezza

Le strategie di protezione sia fisica che informatica. Al centro la sicurezza come tessuto connettivo di tutte le aree di business, anche a...

Funding & Capital Markets Forum

Unione dei mercati dei capitali, finanza corporate, raccolta bancaria, private debt: oltre 60 relatori di livello internazionale riuniti per...

e-Commerce Forum

Il punto sullo scenario di mercato e i trend del settore dello shopping online: gli approfondimenti e le videointerviste rilasciate dai...

Dimensione Cliente

Come si sta trasformando la banca retail in ambiente multicanale? Come migliorare la customer experience? Come fidelizzare il cliente? Tante...

Forum ABI Lab

La nuova edizione del Forum del 17 e 18 marzo ha analizzato la digital transformation, ovvero la natura digitale della banca. Guarda lo...

Clicking moves right

Home > Tecnologie

Tecnologie
Invia Stampa
Banca 2.0, istruzioni per l'uso

Banca 2.0, istruzioni per l'uso

Per affrontare la sfida del web e dei canali social è necessaria innanzitutto una chiara Digital & Social Media Strategy. Ne parla Andrea Albanese, tra i maggiori esperti italiani, anticipando alcuni dei temi dell'evento Dimensione Social & 2.0 (#dimensionesocial) in programma a Milano il 1° ottobre
Flavio Padovan
In un mondo social anche le banche devono essere 2.0. Una nuova sfida a cui dare massima priorità, perché in gioco non c'è solamente un maggiore engagement del cliente o una più efficace gestione della reputation o del branding, ma la capacità di contrastare la forte concorrenza di operatori internazionali, bancari e no, particolarmente attivi su questo fronte. “Al mondo finanziario serve innanzitutto una chiara Digital & Social Media Strategy”, spiega Andrea Albanese, Web Marketing Manager e ideatore del Social Media Marketing Day Italia, che abbiamo incontrato a pochi giorni da Dimensione Social & 2.0 (#dimensionesocial), il primo appuntamento di ABIEventi dedicato ai temi dei social media e del web 2.0 affrontati dal punto di vista delle banche (vai al programma dell'evento).

Andrea Albanese, tra i maggiori esperti di Digital & Social Media Strategy
Sempre più persone utilizzano il web per cercare prodotti o servizi, anche finanziari. Quanto si può migliorare l'efficacia commerciale di un'offerta bancaria attraverso tecniche SEM e SEO? Su quali tipologie di prodotti o servizi può essere più utile?

Il panorama Digital e Social Media e l'utilizzo di questi strumenti da parte dei clienti e potenziali clienti, ha completamente cambiato il paradigma di comunicazione delle aziende. Le persone online e sui social media trovano i fornitori, valutano l'affidabilità degli stessi leggendo i commenti di amici e colleghi, paragonano con tool semiautomatici le offerte e decidono in base agli stimoli digitali e social ai quali sono sottoposti.
Attraverso la SEM (search engine marketing – ovvero il ramo del web marketing che si applica ai motori di ricerca), una banca può utilizzare i propri budget di comunicazione su determinate parole chiave ed esporre una pubblicità digitale al soggetto che naviga (su Google ma anche su altri strumenti). In questo modo la banca ha la possibilità di farsi trovare e indirizzare il traffico su una landing page per convertire il traffico digitale in lead, in forma di richiesta contatto, in azioni di e-commerce e transazione online di apertura conto, e generare azioni fisiche influenzando gli utenti online e social a recarsi in banca chiedendo un determinato servizio.
Attraverso la SEO (search engine optimization - tutte quelle attività finalizzate ad ottenere la migliore rilevazione, analisi e lettura del sito web), una banca ha l'opportunità di ottimizzare la propria presenza sui motori di ricerca e farsi trovare senza fare un'azione pubblicitaria esplicita, ma posizionando i propri siti e contenuti digitali in modo appropriato. Gli utenti troveranno il contenuti in modo naturale e secondo le proprie esigenze del momento, leggeranno degli articoli e dei contenuti di qualità e di conseguenza potranno prendere decisioni di acquisto in modo autonomo ed in modo più soft rispetto ad una campagna SEM. Possiamo dire che la SEO ha un approccio più di consenso, la SEM ha un approccio più mirato ad un'azione specifica.
In questi ultimi anni è nato poi tutto il filone della Social Media Communication e del Social Media Marketing, che sono un misto di campagne pubblicitarie su parole chiave e contenuti, ed il coinvolgimento (engagement) degli utenti su determinate tematiche. I social sedia e l'opinione espressa su queste piattaforme condizionano i risultati di SEO e determinano le azioni che le persone faranno verso un determinato prodotto/servizio. Raccontare a un amico che ci siamo trovati bene o male sperimentando un servizio e soprattutto una relazione con una persona che lavora in un'azienda, è pratica quotidiana e determina le decisioni di acquisto. Il tema fondamentale è avere chiara la Digital Strategy e la Social Media Strategy che una banca vuole intraprendere. E non dimentichiamo i concorrenti esteri che si muovono e l'entrata sui mercati nazionali dei social media asiatici e russi che determinano ulteriori livelli di Digital Strategy da prendere in considerazione.

Web Analytics e Big Data: le banche come possono gestire e utilizzare il patrimonio informativo ricavabile dalle attività online dei clienti per migliorare le attività di CRM e di Customer Engagement?

Senza Analytics non si può fare monitoraggio: come nel mondo finanziario/economico è necessario fare un bilancio e monitorare i flussi di cassa, così nel mondo digital e social è fondamentale misurare ed analizzare cosa succede sui nostri siti, su quelli dei competitors, le dinamiche di movimento degli utenti online ...
Quanto ai Big Data, senza dubbio sono da prendere in considerazione. E' possibile analizzare i Big Data interni a una banca, come i comportamenti del traffico online per posizionare i propri prodotti e servizi in modo da essere trovati digitalmente dagli utenti target. Come anche già ora i Big Data sono utilizzati per i sistemi antifrode di blocco delle carte di credito a secondo di comportamenti anomali di utilizzo e geolocalizzazione della carta e navigazione secondo gli IP di accesso, ma anche confrontando le celle mobili del telefono cellulare. Questo rende più sicuro l'uso delle carte di credito e tutela il consumatore ed è un servizio basato sui Big Data.
Il Social CRM è una realtà di fatto, l'engagement degli utenti è determinante per spiegare servizi tradizionali come anche far sperimentare un nuovo modo di fare banca, più vicino alle esigenze e necessità di persone mobile, che spesso non hanno il tempo di recarsi allo sportello bancario e che sono perennemente connesse e in viaggio. Certo è che gli attuali CRM, basati sull'analisi dello storico e delle transazioni effettuate, in un mondo che cambia alla velocità di un click, hanno fatto il loro tempo. Sono più utili all'amministrazione e alla rendicontazione, piuttosto che alla relazione dinamica, digital e social dei nostri tempi.
Insomma: meglio studiare i Big Data, i Social Media, le discipline dei Web/Digital Marketing per fare in modo di coinvolgere in modo costruttivo e di valore i mie attuali e futuri clienti. Sono necessarie nuove risorse che provengono dall'esterno del mondo bancario per spiegare e modificare processi e procedure che oggi sono utili a fare Business Control e non Business Development. La Customer Experience e il Social Engagement si apprendono sperimentando.

Quali opportunità offre alle banche il viral marketing rispetto a una campagna tradizionale? Tra video, foto, infografiche, giochi e concorsi a premio online, quali sono gli strumenti più adatti nel settore finanziario?

Viral Marketing è una parola decisamente abusata, spesso è una chimera raccontata dalla agenzie di comunicazione, che trasformano una campagna tabellare e televisiva, in una campagna digitale e virale, sulla carta e non nei fatti. Qualcosa di virale si propaga naturalmente senza eccessivi sforzi economici. Questo non vuol dire che l'ideazione della campagna sia a basso costo, anzi! Vero è che chi meglio spende, più guadagna.
Mi piace la frase di Warren Buffett: “L'investimento è razionale, se non lo capisci, non farlo”, quindi ricaviamo questa frase che uso spesso: “L'investimento in comunicazione e marketing digitale è razionale, se non lo capisci, non farlo”. Ma ancor più significativa è questa frase che adoro: “Se non investi in digital e social, non sei razionale”. Secondo me, le banche che non faranno seri passi in questo digital e social media world, stanno seriamente compromettendo la propria capacità di sopravvivenza. La competizione internazionale sarà sempre più forte e pressante.
Video, immagini, tecniche di distribuzione digitale/social dei contenuti sono una chiave di successo. Il mobile è fondamentale, i siti responsive anche, copywriting e call to action sono determinanti.
Gli strumenti digital a disposizione sono un dettaglio. È più importante fare una social e digital strategy di successo e implementarla il giorno dopo, misurando i risultati in modo pratico e reale.
Sul tema social media, banche e strategie digitali leggi anche questi articoli pubblicati su Bancaforte:
Inoltre, approfondisci con le seguenti videointerviste esclusive di Bancaforte:
19 Settembre 2014

Articoli correlati

 

Antirapina

Sullo scaffale

Annuario AIFI 2016

Annuario AIFI 2016

I trend e i temi più caldi del mondo del Private Equity, del Venture Capital e del Private Debt, oltre ai protagonisti di mercato ...